venerdì 1 ottobre 2010

Il segreto di Nicolò (settima P)

Il segreto di Nicolò


LE MIE PAROLE


**********
Nicolò è un bellissimo ragazzo, di modi garbati, ha occhi neri e profondi come il suo papà, ha sempre la  parola giusta al momento giusto, se non fosse per quell'alone di mistero che l'avvolge e che tanta  ansia da alla sua famiglia.
Nico ha l'abitudine di allontanarsi da casa per ritornare dopo tre giorni e tre notti. La zia e i fratelli son preoccupati di questa storia, anche perché Nico non racconta nulla di se ne di quello che fa
Claudia e Mario hanno tentato diverse volte di chiedere al fratello dove va  e cosa fa nei giorni che è lontano da casa ma la domanda dei fratelli cade sempre nel vuoto.
Zia Rob  decise di  affrontare il  nipote e chiarire una volta per sempre  a cosa erano dovute queste sue assenze.
Una mattina a colazione   senza nessun preambolo la zia  affronta il discorso, usando  parole dure e amareggiate.
 Nicolò, ho deciso che andrò alla montagna da Tom e lo metterò al corrente di queste tue scappate di casa, in fondo è tuo padre, ha  il diritto di sapere, e lui saprà cosa fare.
Il ragazzo, guarda la zia e con una voce molto pacata la rassicura che non sarebbe successo più, di stare tranquilla e di non dire nulla a Tom.
 Dopo colazione, Nico  alzandosi  da tavola  informa la  zia  che quando lo vuole lo trova  nella legnaia a spaccar legna.
 Lo sguardo  della donna dal giardino di casa accompagna  la bella figura del nipote fino a che non  lo vede  entrare nella legnaia.


 Rientrando in casa la donna diventò triste, da un po di tempo avvertiva una strana stanchezza che non la  lasciava mai. Pregava Dio di darle ancora un po' di salute, non per lei  ma chi avrebbe curato i ragazzi? Da quando Tom se ne era andato erano passati nove anni, Claudia ne aveva ormai diciotto, Nico  17, Mario 16. Andavano bene a scuola, erano tre ragazzi speciali, oltre che belli. La donna ogni tanto riordinava la camera di Tom, toglieva la polvere  e rifaceva il letto, sperando  sempre che Tom tornasse a casa dai suoi figli.
Quel giorno sarebbe andata lei a portare da mangiare a Tom, non lo vedeva da nove anni e voleva capire ancora quanto tempo sarebbe rimasto alla montagna.  Rob  non si sentiva bene, aveva dei strani dolori alle gambe che la tormentavano, ma non diceva nulla ai ragazzi  ma   voleva avvertire Tom che qualunque cosa le  fosse successa, questa volta, era lei che avrebbe chiesto a lui  di provvedere ai ragazzi.


 Nico  doveva avvertire zio Zibi,  che non   sarebbe stato più possibile andare da lui per interi giorni e  si avviò lesto verso  la legnaia, ma non per tagliar legna. Il ragazzo  ricordò il giorno magico che incontrò zio zibì


Anni prima  era tutto intento a spaccar legna,  quando si senti tirare i pantaloni, guardò verso giù e vide che ai suoi piedi c'era un piccolo folletto, passato il primo stupore  si abbassò  per meglio vedere ma il follettino saltò ridendo sulle  sue  spalle  e gli disse: sono il folletto zibì, non aver paura  sono qui per  te e per  te sarò zio zibì.
Sono stato mandato  dal popolo delle stelle per donarti dei poteri e  girandosi verso due massi che da anni stavano  al centro del grande stanzone della legnaia il folletto  disse al ragazzo, guarda! Nico vide che i grandi massi si spostarono come due sassolini, sotto i sassi c'era una botola che si apri e sotto  la botola c'era una scala.
Vieni disse il folletto con un bel sorriso scendiamo.
Il ragazzo non sapeva se era  sveglio o era tutto un sogno, il follettino  cominciò a scendere le scale invitando  il ragazzo a scendere con lui
Nico lo segui,  alla fine della scala  si trovò in  un grandissimo  stanzone,  tutto illuminato, ma non sapeva che luce fosse e da dove venisse tanta luce.
La voce del folletto le stava dicendo qualcosa che lui non afferrava,  la sua attenzione si concentrò su un grandissimo tavolo di grandi dimensioni e  oggetti sparsi riempivano il tavolo di cose strane mai viste
Il folletto segui lo sguardo di Nico e sorridendo gli disse: non guardare il disordine che c'è su quel tavolo, sono un folletto molto disordinato,  certe volte non so neppure io dove mettere le mani  ma so che tu sei un ragazzo ordinato, ho bisogno di un assistente che mi aiuti a tenere in ordine un po' il mio  tavolo da lavoro.
Se ti fa piacere, potrai venire da me e restare con me ogni tanto  un paio di giorni, vedrai quante meraviglie scoprirai ma la prima cosa da fare se accetti  è darti il potere di spostare i massi,  vieni,  andiamo su
Risalirono le scale una volta sopra nello stanzone della legnaia, il  folletto guardando fisso negli  occhi  il  ragazzo, le sussurrò...rimetti i massi a posto, li devi solo fissare intensamente, Nico  obbedì all'invito del folletto  e con sua grande meraviglia vide  i massi rotolare da soli coprendo la botola.


Ma adesso doveva avvertire zio Zibì che non sarebbe più potuto andare da lui  interi giorni,l'aveva promesso alla zia.
Entra  nella legnaia  si dirige verso i sassi,  li guarda  intensamente  i sassi si spostano,  la botola si apre  scende di corsa  le scale, entra nello  stanzone e  lo accoglie la stessa luce  magica del primo giorno, lo zio senza voltarsi e  con un un timbro di voce serio gli dice:  ritorna a casa, Nico, presto,  corri,  c'è Tom  che ti aspetta
Il ragazzo passato il primo stupore, senza far domande  risale di corsa le scale, non chiude ne botola e ne rimette a posto i sassi, corre veloce verso casa,  accompagnato dalla voce di  zio  Zibì...
 corri c'è Tom che ti aspetta! corri c'è Tom che ti aspetta!
Nicolò arriva  a casa, spinge la porta d'entrata strillando papà! papà! papà! Zia Rob gli va incontro  = non strillare, Tom non sta bene, aspetta  te e nel suo letto, va figlio mio...
Continua...

Puntate già postate Prima - seconda -Terza - Quarta -cinque -sesta


**********

18 commenti:

  1. Rosy sono di fretta volevo salutarti e comunicarti di passare sui miei 2 blog nei prossimi giorni
    Ci risentiamo al mio rientro. Bacio

    RispondiElimina
  2. Sono affascinata dal tuo racconto e ansiosa di sapere le sorti di questi tuoi giovani protagonisti.
    Intravedo il destino di Tom e forse di Rob, i ragazzi stanno crescendo...

    ci stai regalando belle emozioni grazie Rosaria
    un bacino

    RispondiElimina
  3. Cara Rosy, passo per lasciarti un salutino, un bacetto e un abbraccione forte e stritoloso!
    ciao dalla follettina pigrona (lo so, sto scrivendo poco...)

    RispondiElimina
  4. Puntata dopo puntata la storia si fa sempre più intrigante e le sorprese non ce le fai mancare davvero.
    Chissà cosa starai architettando per la o le puntate che verranno.
    Ciao sorellina.

    RispondiElimina
  5. Riveli una grande fantasia, Rosariella.
    Molto interessante la figura di zio zibì. Che cosa rappresenta? Il mondo interiore di Nico, dove il ragazzo si rifugia, oppure una proiezione magica del suo pensiero? Difficile dirlo. Potrebbero essere entrambe le cose.

    Inogni caso, il racconto si snoda in un'alternanza di realtà e magia degna delle fiabe più belle.

    Bravissima!

    Un bacione.

    RispondiElimina
  6. Storia, come dice il nostro comune amico Aldo, sempre più intrigante, da assaporare, come si fa solo con le cose belle:-) Un abbraccio e buon fine settimana.
    Quando la prossima?

    RispondiElimina
  7. Il racconto procede con le sue articolazione, oggi con Nicolò, ma tu, cara Rosaria, ci riserverai altre sorprese interessanti prima di giungere alla fine che si legherà al principio e lo risolverà scongiurando il male di Tisamano.
    Del male, salvo all'inizio mi pare, non ne hai più parlato, ma è nella tua indole quasi ignorarlo e perciò lo sfiori appena e con estrema cautela. Per te, Rosaria, non esiste il male anche se convieni su ciò che si è detto fra me e te nel post precedente.
    Le favole, sono destinate ai bambini ma giovano anche ai grandi. Esse tradizionalmente si occupano di affrontare appunto il male, contrapponendovi il bene in modo preponderante.
    Più da vicino, nella realtà degli infanti, il male che per prima si affaccia è l'invidia, la gelosia, quella del fratellino all'arrivo per esempio. La gelosia si può manifestare in diversi modi e con diversa intensità. Il bambino può infatti regredire nel suo sviluppo, diventare capriccioso, essere violento nei confronti del fratello o dei genitori o al contrario attaccarsi in maniera morbosa ai genitori.
    Invidia e gelosia sonno attaccati fra loro, ma nel racconto in questione non sembrano esserci.
    Tuttavia questi due sentimenti sono stati i primi a sorgere nell'uomo, vedi il racconto biblico. Li vediamo manifestarsi molto presto, già subito dopo che Adamo ed Eva sono stati allontanati dal giardino dell'Eden: Caino, primogenito di Adamo, è anche il primo esempio di uomo invidioso e naturalmente anche geloso. Essi continuano a riapparire in mezzo ai cristiani (Filippesi, 1:15; 1 Corinzi, 3:3; Romani, 13:13). Si tratta evidentemente di sentimento duale molto ben radicato nella natura umana. In ebraico, la gelosia si chiama addirittura con la stessa parola (qin'ah) che si usa per nominare l'invidia.
    Tutto questo per dire che si tratta di un sentimento caratteriale del genere umano senza il quale l'umanità si priva di uno stimolo indispensabile, per quanto assai discusso. C'è chi non si ritrae dallo spezzare una lancia in favore di Caino e non tanto di Abele

    Per i napoletani, si può dire che è un principio di vita e morte che può paragonarsi ad un pizzico di sale e di altri sapori nel cibo.
    In amore 'a ggelusia, come non amarla e venerarla!
    Come non plaudire l'appassionata canzone "Voce 'è notte" del 1903, degli anni belli della canzone napoletana.
    ... Si 'sta voce, che chiagne 'int''a nuttata,
    te sceta 'o sposo, nun avé paura...
    Vide ch'è senza nomme 'a serenata,
    dille ca dorme e che se rassicura...

    Dille accussí: "Chi canta 'int'a 'sta via
    o sarrá pazzo o more 'e ggelusia!
    Starrá chiagnenno quacche 'nfamitá...
    Canta isso sulo...Ma che canta a fá?!..."

    Rosaria, in cuor tuo, anche se non del tutto palese in te, conservi questo lato scabroso della vita perché sei donna, ed ora madre dove è disposto il senso dell'umanità, nell'uomo molto meno e a volte è assente. Perciò ritornando al tuo racconto, è in Claudia che hai riposto questa grave spina nel cuo cuore. Claudia con il suo dolore dopo che Tom andò via. Ma non senza l'odio: "... Claudia, sorrideva e piangeva, ma avvertì la sgradevole sensazione dell'abbandono (del padre Tom). In quel momento prese ad odiare il bel cavaliere visto la notte scorsa, odiò il suo bellissimo volto, odiò i suoi capelli vellutati e disordinati, odiò quel suo dolcissimo sorriso, odiò lui e la montagna, tutti le stavano rubando il suo papà..."

    Buon mattino,
    Gaetano

    RispondiElimina
  8. Carissima Rosaria mi sono persa qualche puntata ma mi sono aggiornata e devo dire che il tuo racconto è pieno di sorprese e non finisce mai di stupire , penso di aver anche intuito come andrà a finire la storia ; a meno che tu non abbia ancora in serbo qualche sorpresa che stravolgera' le nostre aspettative e renderà il racconto ancora più intrigante e bello . Complimenti cara Rosaria , continua così !!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Gabe, grazie dell'invito, sono venuta da te e ti ho lasciato la mia traccia.
    Buona domenica ciao

    RispondiElimina
  10. Folletti, ho visto che scrivi poco
    ma evidentemente hai troppo da fare.
    L'importante è fare cose buone
    Ciao pigrona
    Bacini bacetto e bacione
    Buona domenica e saluti a casa.

    RispondiElimina
  11. Aldo cosa sto archittettando?
    Boh! poi vedremo
    Buona domenica fratellone
    Ti abbraccio. Ciao

    RispondiElimina
  12. Rosalba cara, staremo a vedere cosa succede nella prossima puntata-
    La posto domani
    Buona domenica bacino
    Ciao

    RispondiElimina
  13. Cara Annarita, la fantasia non mi è mai mancata fin da piccola, inventavo favole per mia madre pensa un po'
    Lei non sapeva favole cosi, quando stavo a casa nel letto la sera le raccontavo le favole che inventavo
    Poi mia madre si scocciava e mi diceva
    adesso basta e dormi.
    E non mi faceva mai finire una favola
    ma stavolta la voglio finire e la finirò..la finiro? La situazione la vedo nera.Povera me! mi ficco sempre nei guai
    Insomma la tranquillità non è il mio forte

    Buona domenica bacione
    Ciao

    RispondiElimina
  14. Riri, Buongiorno! vediamo cosa riesco ad inventarmi, sai, questa cosa del racconto mi sta piacendo un sacco
    Grazie

    Buona domenica bacio ciao

    RispondiElimina
  15. Rosy
    La favola la atò seguendo e ogni volta e sempre una grande emozione ...Sono passata da te anche x augurartin una felice giornata e una stupenda domenica .
    Un abbraccio affettuoso Lina

    RispondiElimina
  16. Gaetano, Gaetano, Gaetano!
    L'dio fa parte di noi,ma non c'è odio senza amore.
    Claudia, odiò l'abbandono, l'abbandono mette nel cuore la paura e la paura ti fa urlare questa frase.

    Di una cosa mi sto accorgendo, che attraverso questo racconto e alle tue riflessioni che mi lasci, forse, senza volere sto analizzando la mia vita e la lotta che ho dovuto fare, per allontanare da me il male,che molte volte è racchiuso nell'indifferenza, nella superficialità, nella mancanza d'amore.
    In questo buio mi attaccai ad una luce, all'inizio era solo un modo per sopravvivere credo...ma poi questa luce non mi ha più abbandonata, anzi, diventava sempre più esigente..mi chiedeva cose che non conoscevo

    La mia vita è stata una favola dove il bene ha distrutto il male, una lotta senza armi, una lotta che nessuna vedeva solo io.lottavo, lottavo.
    In questa lotta, ad istinto imparai
    a cautelare la mia anima, ma capi che dovevo vivere, e cosi, ho vissuto, alzando paletti per proteggere dal mondo esterno questa mia anima..
    Mentre lei cresceva io invecchiavo, ma lei è rimasta fedele all'antica (non credo di sbagliare se uso la parola) purezza, No l'ho messa mai alla portata del mondo, lei mi ha accompagnata nel mondo e di lei mi sono fidata.

    Si ho conosciuto l'odio ma poi capi che non era neppure odio quello che provavo
    Mentre si strilla ti odio, piangevo e chi odia veramente non piange.

    Il racconto continuerà a raccontare il bene e il male, quasi accarezzando l'uno e l'altro Gaetano, la vera lotta la vera guerra della vita sono racchiuse in queste parole.

    Buona domenica
    Gaetano Grazie
    ti abbraccio

    RispondiElimina
  17. Grazie cognatina.
    Buona domenica a te e mio fratello
    che hai fatto ieri sera?
    Me lo dirai per telefono

    Un bacio ciao!

    RispondiElimina
  18. Cara Paola, non preoccuparti se perdi qualcosa tanto le puntate le linko sotto ad ogni post,facilmente raggiungibile.

    Paola, io ci credo alle vostre parole
    e cosi vado avanti con più convinta.
    Le sorprese in una favola o racconto sono obbligatorie

    Un bacione e buona domenica

    Adesso devo preparare gli gnocchi,
    ma ci rivedremo molto presto nel tuo spazio.
    Ciao bacio

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...