lunedì 4 ottobre 2010

Il segreto della montagna Tom Torna a casa

LE MIE PAROLE

**********
Nicolò  guardò la zia negli occhi e capi... Lentamente, girò lo sguardo che si fermò  con dolore sulla porta socchiusa della camera di  Tom.
 Con passo lento  Nico,  si  avvia verso la porta,  quasi, a voler rimandare il dolore che l'attendeva, oltre quella soglia.
Tom  disteso nel suo letto  fissava  la porta. Claudia e Mario gli stavano accanto, sapevano  che Tom aspettava  con ansia Nicolò , quando lo videro  sorridere , capirono  che Nico era arrivato .
Il ragazzo si fece forza, trattenendo dolore e lacrime, si accosta  al letto e  accarezza con dolcezza la fronte lucida  e sudata di Tom
 Tom guarda  i figli e  sorride, li guarda ad uno a uno quasi a voler capire se erano pronti ad ascoltare.
Nessuno parlava, tutto era silenzio  e fu allora  che il silenzio  si riempi  delle parole di Tom.  
"Credo che è arrivato il momento figli miei  che voi sappiate.
Molto tempo fa  in una calda  notte d'estate me ne stavo in giardino a guardare e contare le stelle, quando, vidi  la luce di una stella cadere dolcemente  sul prato del nostro giardino, udi  una voce, che m'invitava ad avvicinarmi,  non ebbi paura, mi accostai a lei con fiducia, la luce mi abbagliò e  in un attimo mi  ritrovai a viaggiare con lei,che mi portò oltre le stelle. Quella notte,i miei occhi hanno visto meraviglie che voi ragazzi miei non immaginate neppure.
Ma  ho  anche visto che  il  nostro villaggio è in pericolo, la pace di questo angolo magico,  è minacciata. 
Mi dovete perdonare figli cari,  se vi ho abbandonati per andare a vivere sulla nostra montagna Tisama, ma lei sarà la nostra salvezza. Nel suo ventre vivono uomini  magici,   che possiedono  delle grosse macchine,  con queste viaggiano nello spazio   In quella lontana notte  mi fecero vedere il male che si abbatterà su Tisamano.
Quella notte fui scelto dal popolo  delle stelle come guardiano  della montagna, per proteggere, il segreto di Tisama, onde evitare che persone  cattive potessero arrivare  alla grande roccia 
 So che Il male  arriverà attraverso il fiume sacro, per questo a te,  piccolo Mario ti è stato donato dal popolo delle stelle  nuvola bianca,  con lui potrai volare oltre il fiume i  tuoi occhi vedranno tutto il male che  c'è oltre  e quel male arriverà da noi, per sconvolgere la pace di questo angolo ma nuvola bianca sarà per te il tuo occhio interiore..capirai da solo, quando verrà il momento
  Il suo sguardo si posò su Nico
A  te  timido Nico ti è  stato messo accanto il mago Zibi, anche tu,  sei stato chiamato in questa lotta eterna dove,  il male e il bene si rincorrono ma con le magie del folletto, anche tu,  capirai
Infine guardò Claudia  a te piccola e dolce Claudia, in quella lontana notte che hai visto il bel cavaliere,  lui mi lasciò un dono per te,  il bracciale che porto al polso, da questo momento è tuo e  farà di te una donna coraggiosa e giusta..anche tu capirai.
 Tutti e tre  figli  miei,  siete stati chiamati dal popolo delle stelle a difendere la pace del nostro villaggio contro il popolo degli abissi ma per vincerla,  dovete possedere armi magiche  Il popolo delle stelle ama la pace,  da secoli  solcano   l'universo,  e dove c'è il male lo distruggono.
La vostra vita  è stata tracciata nel bene, sappiate difendere questo bene,anche con le armi se è il caso, il male oltre il nostro angolo è immenso e va distrutto.
Anche se,  molte volte  non è facile distinguere la verità, quell'Unica verità,  che  resta immobile nel silenzio, in quel silenzio che da sempre racconta l'eternità. Non cercate  false certezze che la mente vi mostra  ma ascoltate il vostro cuore  e imparerete  il canto universale, quel canto,  che da sempre genera la vita, tra il cielo e la terra
 Non siate sordi ma siate   come il sole che nutre e non brucia! Da quando l'uomo ha dimenticato d'essere fatto ad immagine e somiglianza del Dio universale, ha scordato il senso della propria umanità e vive nella rabbia, nel dolore e nella voglia di distruzione.
  La voce di Tom diventò cosi bassa, che le sue ultime parole furono solo un debole sussurro che i ragazzi a stento le capirono. Ma Tom radunò  su di se le ultime sue forze e continuò  Fate attenzione all'uomo che arriverà dal fiume, anche lui conosce armi invincibili lo riconoscerete dal suo mantello e dalle sue azioni 
Dopo una lunga pausa, sullo scarno volto  di Tom  un'ombra si disegnò,  e fu allora che  le sue mani si strinsero a pugno in un ultimo sforzo e   gli occhi di Tom  si spalancarono,  ma  non vedevano più nulla  ma le sue labbra pronunciarono con forza le ultime parole. Figli cari ,siete attesi alla montagna,  ascoltate il vostro cuore,sempre sempre.
Poi il silenzio ritornò, invadendo ogni angolo della camera, un silenzio che  avvolse per sempre  il corpo di Tom.   Fu  in quel momento  che gocce d'acqua  silenziose brillarono sui  vetri della finestra, il cielo,  le stelle,  la luna,  l'intero universo  piangeva per Tom.
 Zia Rob,  fu la prima a riprendersi, si accostò ai nipoti e  in un unico abbraccio li strinse a se,  asciugando le loro  lacrime in  un silenzio doloroso ma ricco delle parole di Tom
 La donna adorava questi suoi unici nipoti.
  Dal suo angolo aveva ascoltato le  parole di  Tom,   adesso,  temeva per  i ragazzi
 Fu allora che una luce  si adagiò sul volto di Tom illuminandolo di mille colori ma nessuno si accorse di lei. Alla prossima...

Prima parte SECONDA PARTE TERZA PARTE  QUARTA PARTE  Quinta Parte Sesta parte Settima parte





**********

Le mie parole
Il mare si è calmato
un leggero e frizzante
vento accompagna
con dolcezza il mio cuore
non più spaventato
e ogni mia verità
tra le sue onde salta gioiosa
e ridente

Con lo sguardo
rivolto verso il tramonto
nei miei occhi si stagliano
tranquille le mie montagne scalate
e nel loro ventre
ogni verità bugiarda
per sempre tace.

Nel lento calar del mio sole
ogni mio pensiero
tranquillo respira
e tra le mie braccia
stringo il mio dolce racconto.

Ogni stagione
una stella mi ha regalato
 con lo sguardo calmo
guardo il mio cielo
e le mie stelle.

So che la notte
scenderà sulle mie montagne
e sul mio mare
ma nel mio cielo
il mio anello di congiunzione
con altre albe
per sempre brillerà
e mai più tramonto ci sarà.

 Maria Rosaria

9 commenti:

  1. Bellissimo racconto cara Rosy.
    Come vedi anche Tomaso è tornato a casa passata la bufera ritorna il sereno.
    Ora dopo una settimana che sono stato dimesso dall'ospedale mi sto riprendendo molto in fretta.
    Un abbraccio forte,
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Molto emozionante la poesia e bello anche il racconto, con un pò di tempo leggerò anche le altre puntate

    RispondiElimina
  3. « ...Dopo una lunga pausa, sullo scarno volto di Tom un'ombra si disegnò, e fu allora che le sue mani si strinsero a pugno in un ultimo sforzo e gli occhi di Tom si spalancarono, ma non vedevano più nulla e le sue labbra pronunciarono con forza le ultime parole. Figli cari ,siete attesi alla montagna, ascoltate il vostro cuore, sempre sempre... »

    Hai fatto parlare il cuore, quello di Tom, del giusto bene, ma è anche l'addio.
    Ho sentito con un tonfo in me, nel mio cuore, un'emozione che forse mi aspettavo da te, Rosaria quasi pagana, sublimata però e non blasfema e avversa al Cristo.

    Poco fa ho così commentato un post di facebook

    Oggi te lo posso dire Patrizia,
    ieri era per il santo d'Assisi.

    Scrive Graves in La dea bianca:
    « La Luna nuova è la dea bianca
    della nascita e della crescita;
    la Luna piena, la dea rossa
    dell'amore e della battaglia;
    la Luna calante,
    la dea nera della morte. »

    Ma non sono immagini
    e nemmeno idee al sorgere di lei.
    Nella foto scruti il mare e i monti,
    e forse oltre ravvisi l'emozione.
    Ma essa la vedo sulla via del tramonto.
    È l'ultima dea, quella nera
    che si erge sul tuo capo:
    Una ciocca come un corno lunare
    che si staglia alla luce, sublimandosi.

    Non ti turbare a tal pagano segno,
    forse ha prevalso quello del santo,
    ha salvato le tue lune dell'emozione
    ed ora sono in cielo, nel tuo.

    Gaetano

    RispondiElimina
  4. Sublime passaggio l'eredità morale di Tom, aldilà delle congiunture della storia, molto toccanti, le tue parole restano scolpite nel cuore.

    Bravissima
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  5. Ciao Rosaria, passaggino veloce veloce. Sono tornata con un altro blog e adesso faccio il giro degli altri per rifare la lista dei blog che seguo. Bacione, Viviana
    http://orchidearossaabis.blogspot.com/

    RispondiElimina
  6. Ho letto l'ultimo post sopra di oggi 6 ottobre e mi si è stretto il cuore. Un abbraccio forte, forte. Non ti dimenticheremo mai!

    RispondiElimina
  7. Ciao Rosy, vorrei poterti scrivere più a lungo, hai lasciato una bella traccia in tutti noi:-)Sei una bella figlia del sud, difficile da scordare, bella dentro e fuori:-)

    RispondiElimina
  8. Ciao Rosi è strano l'ltimo tuo post non ho trovato il modo di poterlo commentare ci deve essere qualcosa che non va.
    è un po' che non te sento spero che tutto vada bene!!!
    un caro saluto,
    Tomaso

    RispondiElimina
  9. Spero che passi di qui ogni tanto. a te il mio abbraccio. E grazie per le parole che mi regali nei commenti. Buon fine settimana e buona salute, cara Rosy!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...