venerdì 24 settembre 2010

Tema

Parla della vita

Svolgimento.


 Fisso il foglio bianco  lo guardo e non so cosa scrivere, non vorrei sporcarlo, scrivendo cose inutili.

Il tema da svolgere  è importante. Tempo per scrivere ne ho avuto eppure, non so  cosa scrivere.

Non si può parlare della vita senza averla conosciuta, per la mia età dovrei conoscerla, ma non è cosi.

La scuola della vita ha tante materie  è la scuola più difficile da frequentare e non è teorica...

Il suo libro lo scriviamo noi tutti insieme e tante penne tracciano la loro materia preferita

Sfogliando questo grande libro si legge  un gran disordine... troppe  penne lo scrivono, ognuno a modo suo

La materia principale di questa scuola è l'amore
sotto tutti i punti di vista, l'amore verso i  figli,  l'amore per  un uomo verso una donna e viceversa, l'amore  verso l'amicizia,  l'amore  per i più deboli, per  gli emarginati  insomma, l'amore ha un ricco repertorio che abbraccia dolcezza e  sentimento e da luce ad ogni vita.
Ma quanti di noi riescono ad amare veramente?  Quanti di noi siamo i primi in questa materia?


(Personalmente ne ho conosciuti tantissimi)

Tra i  banchi di questa scuola ho incontrato tante altre materie, alcune primeggiano e sono  raggruppate sotto una sola voce

 La Cattiveria. Questa materia pare che abbia molti  sostenitori  nel mondo è una materia che va alla grande!
Ma lei non è sola ha per compagni: l'arrivismo, 
l'egoismo, l'orgoglio, la presunzione, la  futilità,  la superficialità insomma, è una materia bene agguerrita, che ferisce continuamente, spargendo confusione,  guerre e  sofferenze, ma  pare che con tutto il suo ardire,  non sia la prima della classe. 


La Dignità, bella materia ma caduta in disuso, è stato difficile per me studiare questa materia, era quasi introvabile ma mi sbagliavo, mi sbagliavo, lei esiste ancora e la troviamo in un sorriso composto, in una frase appena appena accennata, in un gesto che si ferma nell'aria timoroso.
Dio com'è bella questa materia, è aggraziata, gentile e si posa nei cuori,  leggera come una piuma. 

Ho cercato di studiare tanto questa materia per farla mia e non lo so se ci sono riuscita, ma mi sarebbe piaciuto tanto 

Come tutte le scuole, anche quella della vita ha la sua palestra...
ed su questo difficile campo che ci alleniamo, per poi decidere la materia 
 che accompagnerà la nostra vita e i nostri pensieri.


Ho vissuto tanto per  dire  tanto poco..

Signora Maestra, ho cercato di essere sempre attenta ai tuoi insegnamenti eppure, eccomi qui a dirti che più di questo non so scrivere. Ma ti prometto che continuerò a leggere il tuo libro 
e forse, più avanti, sarò più diligente.Ma una cosa ho capito 
che la tua scuola è molto difficile, ma ti prometto che continuerò ad impegnarmi.

Rosaria

18 commenti:

  1. Cara Rosaria,
    mi soffermo qui, un passo che vale un enorme tesoro:

    «... La dignità, bella materia ma caduta in disuso, è stato difficile per me studiare questa materia, era quasi introvabile ma mi sbagliavo, mi sbagliavo, lei esiste ancora e la troviamo in un sorriso composto, in una frase appena appena accennata, in un gesto che si ferma nell'aria timoroso.
    Dio com'è bella questa materia, è aggraziata, gentile e si posa nei cuori leggera, come una piuma.
    Ho cercato di studiarla tanto per farla mia, non lo so se ci sono riuscita, ma mi sarebbe piaciuto tanto riuscirci...».

    È ciò che più mi è piaciuto leggere, perché tu intendi la dignità vestita di umiltà.
    Mi sovviene Beatrice immortalata dal sommo poeta Dante che la ritrae in questo intensissimo sonetto che proviene dall'opera "Vita Nuova":

    "Tanto gentile e tanto onesta pare"

    Tanto gentile e tanto onesta pare
    la donna mia quand'ella altrui saluta,
    ch'ogne lingua deven tremando muta,
    e li occhi no l'ardiscon di guardare.

    Ella si va sentendosi laudare,
    benignamente d'umiltà vestuta;
    e par che sia una cosa venuta
    da cielo in terra a miracol mostrare.

    Mostrasi sì piacente a chi la mira,
    che dà per li occhi una dolcezza al core,
    che 'ntender no la può chi no la prova:

    e par che da le sue labbia si mova
    uno spirito soave pien d'amore,
    che va dicendo a l'anima: Sospira.

    Un caro abbraccio,
    Gaetano

    RispondiElimina
  2. Rosy ma tu perchè pensi alla cattiveria? Non è materia che ti riguarda. Lasciala agli altri.
    Tu conosci altre materie oltre la dignità: l'affetto,l'amicizia, la bontà, la cordialità, la generosità e le hai imparate molto bene.

    RispondiElimina
  3. Cara Rosy , sei stata una brava allieva nella vita ed ora stai raccogliendo i frutti . Chi semina bene non può che avere un buon raccolto . Purtroppo il male esiste e lasciamo che se ne nutrano altri, persone senza scrupoli ed egoiste .
    Sono però convinta che intorno a noi ci siano tanti angeli , persone che amano veramente il loro prossimo ( non quelli che dicono di amarlo,l'aspirazione al bene non è il bene)persone che spandono intorno questa ricchezza , questo dono senza fine anche a chi le respinge.Purtroppo non fanno notizia!!!

    Ciao cara Rosy ,non ho dubbi che ti impegnerai ancora nella scuola della vita !
    Un abbraccio
    Paola

    RispondiElimina
  4. Belle metafore nel tuo "tema", cara Rosaria.
    Non pensare alla cattiveria..."non ragioniam di lor ma guarda e passa" dice Dante, per bocca di Virgilio!
    Ciao e buon week-end.

    RispondiElimina
  5. La vita: maestra, scuola, materia.

    Per me è scuola e più la frequento e meno mi accorgo di sapere. E ci sono materie Rosaria che non ho imparato proprio un pò come te che appunto con la cattiveria non c'entri nulla. Come ha detto Aldo.

    Invece una cosa che sto imparando sempre di più è prendere meno sul serio alcune materie della vita, anche a riderci se è il caso.
    Questo mi piace perchè per andare bene nella scuola della vita e con la maestra che rappresenta occorre essere leggeri, camminare in punta di piedi proprio come ti ho visto fare da quando ti ho conosciuto.

    un bacino

    RispondiElimina
  6. Ciao carissima,
    grazie per le tue parole dolci che mi hai scritto.
    Dopo il grande giorno ritorneró da te.
    Un grande abbraccio

    RispondiElimina
  7. Rosy, tu sei una brava allieva... e le materie della vita le conosci tutte.
    Sincera, altruista, generosa, ci sono io a difenderti, non temere.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  8. Rosariella, anch'io come Gaetano sono rimasta colpita da questo passaggio del tuo tema:

    "...La dignità, bella materia ma caduta in disuso, è stato difficile per me studiare questa materia, era quasi introvabile ma mi sbagliavo, mi sbagliavo, lei esiste ancora e la troviamo in un sorriso composto, in una frase appena appena accennata, in un gesto che si ferma nell'aria timoroso.
    Dio com'è bella questa materia, è aggraziata, gentile e si posa nei cuori leggera, come una piuma.
    Ho cercato di studiarla tanto per farla mia, non lo so se ci sono riuscita, ma mi sarebbe piaciuto tanto riuscirci...".

    Diversamente da lui, però, a me è venuta in mente "La Madre" di Ungaretti, composta dal poeta a breve distanza dalla morte della propria madre.

    E il cuore quando d’un ultimo battito
    Avrà fatto cadere il muro d’ombra,
    Per condurmi, Madre, sino al Signore,
    Come una volta mi darai la mano.
    In ginocchio, decisa,
    Sarai una statua di fronte all’Eterno,
    Come già ti vedeva
    Quando eri ancora in vita.
    Alzerai tremante le vecchie braccia,
    Come quando spirasti
    Dicendo: Mio Dio, eccomi.
    E solo quando m’avrà perdonato,
    Ti verrà desiderio di guardarmi.
    Ricorderai d’avermi atteso tanto,
    E avrai negli occhi un rapido sospiro.


    Ungaretti immagina il momento in cui rivedrà la figura materna al cospetto del Signore.

    E il cuore…d’ombra, ovvero e quando il cuore, con il suo ultimo battito, avrà fatto cadere l’ostacolo terreno che impedisce ai viventi la visione del mondo ultraterreno...

    Questa lirica ha per me la dignità di una preghiera, Rosariella.

    Continua a svolgere il tuo tema...

    Un bacio.
    annarita

    RispondiElimina
  9. Ciao Rosy, bellissime riflessioni quelle che leggo. La vita è un diario da riempire ogni giorno, è vero. Ognuno ci mette del suo, c'è ci riesce meglio, altri hanno più difficoltà pur mettendoci l'impegno. Altri ancora lasciano cattive tracce, magari con intenzione. L'amore e il rispetto per la vita dovrebbero essere il filo conduttore di questo nostro diario, ma non sempre va così.
    Noi ci impegnamo nel farlo, comunque, poi ci sarà chi saprà leggere tra le righe.

    RispondiElimina
  10. Caro Gaetano,hai ragione la dignità è un grande tesoro ed è stato sempre la mia materia preferita.
    Ma va studiata attentamente, per non perdere di lei le sue belle sfumature...che sono le pennellate che danno a questa bella Signora la vera bellezza le sue sfumature sono: l'amore, la discrezione, l'umiltà, la stima. sfumature che la rendono unica.
    Lei non mira agli onori, ne al successo delle vane parole e se parla lo fa sempre con timidezza, timidezza che nasce dal timore di offendere.

    Mi fa molto piacere che hai colto questo passaggio, non poteva essere diversamente, conoscendo la tua sensibilità

    Devo dire con molta contenuta gioia che le bellissime parole di Dante alla sua Beatrice le conoscevo e mi ha fatto tanto piacere leggerle insieme a te

    Buon fine settimana, caro Gaetano.
    Ricambio il tuo abbraccio.

    RispondiElimina
  11. Caro Aldo, la cattiveria, non possiamo negare che nella scuola della vita è una materia che esiste e fa tanti danni
    con la sua stoltezza.

    Certamente persone come noi e i nostri amici che ci leggono e tanti altri ne siamo esenti e conosciamo solo le più belle materie che sono quelle da te elencate
    Come siamo fortunati.

    Un abbraccione fratellone e buon fine settimana
    Ciao

    RispondiElimina
  12. Cara Paola, il tuo voto al mio Tema diciamo che è un po' di parte...dai che è vero!

    Il male esiste e dici bene ma lasciamo liberi di chi si vuole nutrire di questa materia, che a quando ho sentito a lungo andare ha le sue contro-indicazioni...

    Continuerò a scrivere il mio tema
    con impegno.

    Bacione e buon fine settimana.
    Ciao!

    RispondiElimina
  13. Cara Sandra la vita è tutta una metafora...
    Guarda è passa...detto da Dante per bocca di Virgilio deve essere vero... se è riferito al male

    Ma lo sguardo non deve mai passare oltre, quando sulla nostra strada incontriamo persone degne della nostra considerazione e molte volte
    si guarda più al male e alla futilità che al buono, forse è nella natura umana?
    Allora è preferibile in questo caso andare contro natura...

    Un bacio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  14. Cara Rosalba, la vita deve essere leggerezza, dobbiamo imparare a volteggiare tra le sue pieghe in punta di piedi come fanno le ballerine
    e avere sempre occhi vigili e testa alta, questo darà al nostro volteggiare
    fierezza.

    Come hai visto ho più anni di te e della vita ho imparato poche cose.

    Nella scuola della vita solo i saggi hanno capito qualcosa, ma parlano cosi poco loro.
    Tocca a noi imparare!
    Ma io son sicura che prima o poi anche lo scolaro più disattento la sua lezione imparerà

    Un bacino e buon fine settimana

    RispondiElimina
  15. Cara follettina, lo so che tu verresti in mio aiuto e cosi confortante avere per amica una folletta e le follettine sono magiche.

    Ma sai anche che anche io verrò in tuo aiuto ma non sono magica come te

    Un bacione e buon fine settimana
    Ciao follettina.

    RispondiElimina
  16. Cara Caterina, ti rinnovo gli auguri per il grande giorno e per il grande Si
    di tua figlia
    Un Si che sarà sempre suggellato dall'amore, ne sono sicura!

    Un abbraccio speciale alla mamma della sposa.

    Dopo ci racconti?

    RispondiElimina
  17. Cara Angelo, saper leggere tra le righe, vuol dire saper volteggiare nelle pieghe della vita ( come ho detto a Rosalba) per saper cogliere il buono che si si nasconde.

    Un bacione e buon fine settimana.

    PS scusami angioletto del mio assenteismo nel tuo abbaino...stavo in attesa degli occhiali nuovi e limitavo le mie visite...facevo troppi errori...ora ne dovrei fare di meno visto che scrivo con i nuovi

    A molto presto!
    Ciao

    RispondiElimina
  18. Cara Annarita, come sempre hai visto giusto
    La poesia di Ungaretti,
    mi riporta al pensiero di mia madre, alla quale, va il mio il mio grazie!

    A lei devo questa mia ricerca alla materia più bella! Attraverso lei rincorsi la dignità, non ha più importanza il perchè e per il come...
    so solo che oggi a lei va tutto il merito di quella che sono diventata..

    Ti abbraccio forte
    Un bacione

    Ti auguro un buon fine settimana con i fiocchi...
    Ciao

    PS Annarita Ho dovuto cancellare il commento scritto in precedenza, al tuo, non era giusto chiamare
    Ungaretti... Angaretti

    Ribacione!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...