mercoledì 13 luglio 2011

Coriandoli di Vita

...sono validi in tutto.
Speriamo davvero che  la canapa rinasca
Il video  sulla canapa è lungo ma credo che valga la pena di vederlo... caldo permettendo:))




La canapa normalmente cresceva rigogliosa e spesso superava i tre metri. A fine luglio, inizio agosto, con una falce particolare, i lunghi steli della canapa venivano tagliati e posati a terra per l'essicazione delle foglie.
In questo periodo il  collegio  ci dava le   vacanze estive. Nel cortile della nonna in estate  era una cascata di colori, quelli della terra.. dal pomodoro, ai fagioli, al grano e tante altre cose.  All'epoca  si raccoglieva e si lavorava anche la canapa. Mi piaceva il rito   di questo lavoro  finale,  tutto esclusivamente femminile. Il cortile veniva pulito bene bene e si faceva spazio alle macennule che erano tutte di legno 



(Nell'immagine il Museo contadino di San Nicola la strada. La macennula).

con un grosso manico che serviva per la battitura. Le macennule si mettevano in fila con accanto fasci di canapa. Ogni donna si metteva accanto alla sua, tutte si legavano un grosso fazzoletto in testa e quando erano tutte pronte in coro strillavano uno, due e tre via... Il rumore della canapa  sbattuta  faceva ta, ta, tatata.. in tutte le strade del paese risonava alta la stessa nota..nota, che nei lunghi pomeriggi assollati di luglio la si percepiva come un canto di speranza..(la fame all'epoca era tanta e le donne del mio paese lavoravano come gli uomini).  Le donne facevano a gara a chi faceva più fasci.  I nonni provvedevano ai nipotini e noi grandicelli non potevamo avvicinarci alle  macennule perchè i  canucci saltavano in alto e potevano anche colpire gli occhi, ed erano pericolosi. ( i cannucci sono  il rivestimento legnoso che avvolge la canapa)  Mentre le donne lavoravano cantavano a squarciagola stornelli anche piccanti che all'epoca non capivo. In tutto questo c'erano anche i neonati, ogni tanto si sentiva il pianto di un neonato, che attirava l'attenzione delle donne  che smettevano di colpo  di lavorare e il ta, ta, tatata di una macennula  si fermava.


Ogni mamma  riconosceva il pianto del suo bambino e correva lesta   verso di lui , la scena che il mio cervello fotografava era bellissima, indimenticabile, una foto che neppure il tempo ha ingiallito. 


La mamma correva  tutta sudata verso il suo bambino, nel breve tragitto si slegava    dalla testa il grande fazzoletto, con il quale  si asciugava il sudore, quasi a voler essere pulita per il suo bambino.. Lasciava cadre  il fazzoletto  intorno al collo e con un bel sorriso apriva le braccia al bambino se lo stringeva  al seno e  sussurrava "bell e mamma u picciril e mamma ten fam?  E mamma ti da a mangià" mentre parlava  si sbottonava la camicetta, appariva un grosso seno.  Le manine del bambino si aggrappavano a quel seno  mentre la boccuccia cercava il capezzolo,  la mamma l' aiutava e, finalmente il pianto del bambino si fermava. Con la mano libera la donna accarezzava la fronte del  suo bambino. Mani dure, grosse e non curate ma in quel momento diventavano leggere come piume..mani tenere. Dal mio angolo  osservavo le piccole labbra del bambino, piccoline piccoline, all'inizio erano voraci, poi il bambino si addormentava e la mamma lo solleticava sforandogli le labbra o accarezzandolo  dietro alle orecchie  per svegliarlo, il bambino riprendeva a succhiare.  Sulle labbra della mamma  un dolce e velato  sorriso captavo e  mentre, con gli occhi  scrutava il volto del  suo bambino  lo accarezzava dolcemente (chi sa cosa pensava in quel momento, avrei voluto essere in quella mente)  Ai lati della boccuccia del bambino  un rivolo  di latte scendeva, ricordo che lo guardavo e pensavo (che strano colore che ha questo latte non è come quello che beviamo noi grandi).La poppata terminava, la mamma dopo aver accarezzato per l'ennesima volta  il suo  bambino lo affidava alle braccia della nonna
e diceva... fa u brav a mamma che mammà addà faticà... Se ne andava lei e un altro bambino iniziava a piangere, un'altra mamma correva, la scena era sempre la stessa  e pensai all'epoca,  ma le mamme dicono tutte le stesse parole? Quando diventai mamma mi accorsi che  anche io dicevo le stesse cose ai miei figli, li guardavo, li scrutavo memorizzavo ogni piccola piega del loro visino e  solo allora  capi  i pensieri  delle mamme del mio paese. Già,  ci sono donne intelligenti, preparate,  ma  il ruolo di mamma, è uguale per tutte le donne. 





Il lavoro della canapa durava molti giorni, tutta la giornata non si mangiava...verso le 5 di pomeriggio  si smetteva.  Ogni donna contava il loro lavoro, si  mettevano a posto i fasci di  canapa lavorata, pulivano le macennule si radunavano i cannucci, che  si conservano nei sacchi, i quali  si sarebbero usati d'inverno per accendere il camino, si puliva il cortile. Dopo con cavalletti e tavole si preparava  un lungo tavolo sul quale si metteva tutto quello che le nonne avevano cucinato nella giornata, gli uomini scendevano in cantina prendevano il vino e su questo enorme tavolo c'era di tutto e si divideva tutto da buon fratelli, anche chi non portava nulla non era un problema, i grandi sapevano chi poteva e chi no. Si mangiava in allegria fino ad  arrivare a cantare e c'era sempre qualcuno che sapeva suonare la fisarmonica. Poi tutti a nanna che la mattina dopo si ricominciava. Io mi alzavo presto e correvo da nonna e li restavo tutta la giornata a gustarmi il meraviglioso teatro della vita. Un teatro senza quinte tutto era allo scoperto non c'erano prove, era vita reale. Sono fiera di aver conosciuto e di essere cresciuta tra  gente genuina.L'ultimo giorno di lavoro si faceva una grande festa che durava tutta la notte tra suoni tarantelle e canti e salario da ritirare il cortile scoppiettava di gioia (Se non sbaglio l'ultimo giorno offriva tutto il capo, ma  non ne sono sicura)



Il Museo che si vede in queste immagini e l'ex refettorio del collegio dove ho vissuto dai quattro ai quindici anni. ( nella foto di sinistra  si vede un angolo di tavolo, quello del refettorio,ad ogni tavolo 10 ragazze due a capotavola e 4 ai lati d'inverno il marmo era freddissimo. Quella a   destra  dalla finestra s'intravede il parco dove giocavamo. Proprio accanto a questa finestra  la sottoscritta ha mangiato in ginocchio  per un intero mese a colazione a pranzo e a cena. Scontai un  mese di castigo ma ne valeva la pena. La causa era giusta. Le ragazze facevano a gara a portarmi il mangiare sapevano che stavo scontando una colpa non mia,  mi sentivo un eroina. Le suore sapevano che non avrei mai parlato e cosi per dispetto mi diedero un mese intero di castigo fui la sola in assoluto che io mi ricordi  ad avere avuto  un castigo cosi duro e lungo. Ma oggi è un bel ricordo.  Col tempo tutto si ridimensiona. 


10 commenti:

il monticiano ha detto...

Rosa' tu si' 'na fata!
Che meraviglia di post!
Andrebe pubblicato in tutti i giornali d'Italia e conservato a lungo nella mente.
Un abbraccione doppio,
aldo

zicin ha detto...

Cara Rosa, l'ho letto attentamente, con calma e soffermandomi... appena lo hai postato, ed ora, finite le faccende, eccomi a te.
Questo post è una poesia in prosa... uno spaccato dei lavori rurali degli anni cinquanta... una pagina di storia... una testimonianza da custodire.
E' stupendo!!!
Sei davvero molto brava!!!
Mi piace la tenerezza e il senso del dovere che trasuda da queste righe e che commuove.
Complimenti!!!
Non posso votarti perchè da te non c'è il bottoncino, ma se potessi ti voterei più volte.
Grazie per il link... utilissimo e chiaro.
Vado a ringraziare Annarita per l'articolo.
Oggi ho imparato molte cose
Grazie
Un bacio con lo schiocco

riri ha detto...

Rosellina, questo post è bellissimo, perchè dentro c'è tutto, romanticismo, storia, arte, cultura
:-) Me lo farò stampare (la mia stampante è rotta):-( Un bacio ed un ricordo per il tuo amato cuginetto .

rosy ha detto...

Alduccio, per la fata mi sta anche bene...
ma vedere il mio post sui giornali d'Italia, questo è troppo.

Un bacione doppio
ciao che caldo.

rosy ha detto...

Zicin, questi ricordi che conservo fin da bambina, sono la letizia del mio cuore.

Onore alle Donne del passato.

Grazie.
bacione

rosy ha detto...

Riri, un grazie di cuore.
Ho raccolto con gioia il tuo pensiero per il mio amato cuginetto.

bacione a te

zicin ha detto...

Cara Rosy, grazie per gli auguri e per i bellissimi fiori.
Oggi tengo o cor ind o zuccher
anche perchè domani vado da mia figlia.
Cosa voglio di più???
Un bacio ed un sorriso

rosy ha detto...

zicin,son contenta che Oggi tien o cor ind o zuccher e ci credo tra l'anniversario di matrimonio e la partenza di domani...zucchero in giro non c'è ne più
Te pigliat tutt tu!
Evvaii!!
Buon di tutto e buon viaggio!

Annarita ha detto...

Questo post è un affresco meraviglioso di una cultura e una civiltà contadine ormai scomparse.

Sei fortunata ad aver vissuto un'esperienza così pregnante e formativa, sicuramente impossbile da dimenticare e che rimane una componente fondamentale per quanti come te ne hanno fatto parte.

Brava, rosaria. Hai saputo renderne l'atmosfera in modo toccante e vitale. Grazie per aver condiviso con noi un ricordo così bello. Grazie per le foto che ci mostrano dove sei nata e dove hai vissuto la tua infanzia e la tua adolescenza sino alla primissima giovinezza. Grazie per averci fatto conoscere Michele attraverso i tuoi ricordi.

Un pensiero al tuo amato cugino e un abbraccio grande a te.

annarita

rosy ha detto...

Annarita, grazie.
I ricordi nel ricordarli mi danno la certezza di aver vissuto.
Sembra strano ma è cosi
Aver memoria del passato e un modo di confermare al presente quello che siamo ora.

Grazie per il tuo pensiero per Michele
Ricambio il tuo abbraccio con tanto affetto. Ciao.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...