mercoledì 6 gennaio 2010

I Re magi sono arrivati.







Con l'Epifania si celebra la prima manifestazione della divinità di Gesù all'intera umanità, con la visita solenne, l'offerta di doni altamente significativi e l'adorazione dei magi, autorevoli esponenti di un popolo totalmente estraneo al mondo ebraico e mediterraneo. Avvenimento di fondamentale importanza per la tradizione cristiana, che ha trovato riscontro in numerosissime opere d'arte.




BuonaEpifania

13 commenti:

  1. Ciao Rosy, buona Epifania anche a te!

    RispondiElimina
  2. Che questa festa ti porti il dono che desideri e che ti spetta di diritto.

    RispondiElimina
  3. Allora cara Rosy, hai fatto le calzine ai nipotini? immagino che sarai indaffarata ai fornelli e tolgo il disturbo. Buona Epifania a te e a tutta la famiglia.
    Baci baci

    RispondiElimina
  4. Ciao Rosy, un proverbio dice che con l'Epifania tutte le feste si porta via!
    Spero che tutte le feste tu le abbia passate serenamente bene, un forte abbraccio,
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. Grazie di aver sottolineato il significato più vero e profondo dell'Epifania di Nostro Signore, la sua manifestazione al mondo intero.

    Un augurio sincero a te e agli amici del blog, e a tutti gli uomini di buona volontà, per estensione.

    Un abbraccio.
    annarita

    RispondiElimina
  6. Ciao Rosy , buona Epifania anche a te , nel vero significato che ha nella nostra religione .
    Ti abbraccio
    Paola

    RispondiElimina
  7. Angelo, grazie, ho lascito i miei
    auguri da te.
    Bacione.

    Aldo,questa festa, mi ha portato la prima gioia, riuscire a creare il mio primo piccolissimo video, questo è un buon segno,lo spero e che sia un buon segno per tutti!
    Ti abbraccio!
    Arrivederci in via della polveriera..a presto!
    ciao!

    RispondiElimina
  8. Paola, si, abbiamo fatte le calze ai bambini, ma Laura oggi è stata dai suoceri e son venuti oggi pomeriggio. A pranzo siamo stati noi tre Angelo Luca e io..e ci siamo un pochino riposati
    Spero che la tua giornata sia andata bene...
    bacioni ciao!
    ciao Saverio!

    RispondiElimina
  9. Stella, buona epifania anche ate e a tuo figlio..hai avuto la calza?
    Ciao!

    RispondiElimina
  10. Cara Rosaria, con l'epifania che ora tu stai celebrando sul tuo blog, si chiudono le feste. Ma sono in tempo per mantenere l'allegria e il buon umore. Una innocente ironia di tanti napoletani che tempo addietro si trovavano a malpartito a causa della spazzatura (pure Caserta). Si tratta di una poesia in napoletano che feci in quell'occasione, giusto in sintonia con il presepio natalizio che ora ospita i tre re magi.

    MA IO SONO NAPOLITANO!

    Po' dich'io, 'a ggente 'e Napule
    s'allament' pecché, da quann'
    se ne jette u rre, che pe' lloro era
    'nu ddio, 'e ccose se so' mmise
    assai malamente. Ma comme mai,
    doppe ne so' venut', fino a mò, tre,
    De Nicola, Leone e l'ulteme, chille
    'e mò, Napolitano, e nun'è cagnata
    'a museca? Cosa d'ascì scem'!

    Ma 'a ggent'e Napule nun tene
    tuort', pecché 'o guaio,
    sapit'addò stà? A Rroma.
    È Rroma 'a mammasantissima,
    chell' che fa cagnà faccia e core
    de tutt'a ggente che va llà.
    Pure chillo rre 'e Napule jette
    a Rroma, fujenne, fujenne, però.
    C'a pace 'e Ddio, pe' vvia d'o Papa,
    forse pur'isso cagnaje coll'anema,
    e accussì, dopp' muorto, pure 'n Paravise,
    nun se sapette cchiù 'e Napule bella.

    Io dicesse a chisto punto 'e fa 'na cosa,
    just' mò che sta venenne Natale.
    Chissà, 'sto President', cagnann' casa,
    cagnen' pur'e ccose pe' Napule.
    Dicesse, qua' Quirinale! Ce vò
    'o Presebbio pe' isso che 'na vota,
    era contro. Mò facesse, pe' penitenza,
    'a part' 'e San Giuseppe e abbarasse
    ai fatt' de Giesù Bambino, che so' pure
    chill' d'i napulitani. Tale e qual'a chilli
    dduje d'a Tivù che s'allamentene
    (d'o supierchio), dicenne sott' sott',
    un' 'e chille,
    ma io sono Paolo Bonolis!

    Per chi non sa il napoletano

    MA IO SONO NAPOLITANO!

    Dico io. La gente di Napoli
    si lamenta perché, da quando
    se ne andò il re, che per loro era
    un dio, le cose si sono messe
    assai male. Ma come mai,
    dopo ne sono venuti, fin'ora, tre,
    De Nicola, Leone e l'ultimo, quello
    di ora, Napolitano, e non è cambiato
    la musica? Cosa di diventare scemi!

    Ma la gente di Napoli non ha
    torto, perché il guaio,
    sapete dove stà? A Roma.
    È Roma la malandrina,
    quella che fa cambiare faccia e cuore
    di tutta la gente che va là.
    Pure quel re di Napoli andò
    a Roma, fuggendo, fuggendo, però.
    Con la pace di Dio, per via del Papa,
    forse pure lui cambio con l'anima,
    e così dopo morto, pure in Paradise,
    non si seppe più nulla di Napoli bella.

    Io direi a questo punto di fare una cosa,
    giusto ora che sta per venire Natale.
    Chissà, questo Presidente, cambiando casa,
    cambiano pure le cose per Napoli.
    Direi, quale Quirinale! Ci vuole
    il Presepe per lui che una volta,
    era contro. Ora facesse, per penitenza,
    la parte di San Giuseppe e badasse
    ai fatti di Gesù Bambino, che sono pure
    quelli dei napoletani. Tale e quale a quei
    due della Tivù che si lamentano
    (del troppo) dicendo sotto, sotto,
    uno di quelli,
    ma io sono Paolo Bonolis!

    Cari abbracci,
    Gaetano

    RispondiElimina
  11. Annarita, le suore ci hanno insegnato tanto cose belle, quando stavo con loro sbuffavo, solo a sentirle parlare ma poi ho messo in pratica tutte le loro prediche e quello che ci dicevano tra cui anche l'importanza di questo giorno.
    Oggi, è il giorno più importante della Divinità che da speranza al mondo intero.
    Ti abbraccio Ciao!

    RispondiElimina
  12. Caro Gaetano la tua poesia la posto, cosi, la possono leggere tutti!
    ma la inserisco nell'ultimo post
    cosi la possono leggere tutti.
    Cosa ti ha portato la befana?
    A me mi ha portato il video il primo video, non ci credo neppure io.
    Ti abbraccio!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...