sabato 12 dicembre 2009

Sviluppare una riflessione sui modi di dire

Stamattina mi sono alzata con un pensiero.Quando mi si dice che sono antica nei sentimenti be', sono contenta,trovo che sia un complimento,perchè i valori che mi hanno accompagnato nella vita vuol dire che sono ancora tutti intatti e devo a loro se oggi sono come sono. L'importante è non essere arretrati mentalmente. L'arretratezza e ben diversa...questa parola si che mi offenderebbe. Essere moderni, cosa significa? forse essere giovani? No, si può definire moderno anche un centenario, se è preparato sulla vita Cosa vuol dire essere preparati sulla vita? Vuol dire una sola cosa... tenersi aggiornati e di non perdere mai il desiderio del sapere e della conoscenza
Per me è moderno solo chi non si allontana mai dalla cultura e sa camminare nella storia del suo tempo, poi, giovani, vecchi e bambini del nostro tempo, saremo tutti definiti nell'epoca che verrà dopo la nostra, contemporanei e questo ci fa capire di come il tempo annulla le distanze, rendendo i modi di dire molto sciocchi.

26 commenti:

  1. Sottoscrivo quanto affermi rosy e aggiungo l'arretratezza è trasversale al ceto o alla posizione sociale.

    Bel post bravissima!

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Brava rosy, quoto tutte le tue riflessioni, a volte ci creiamo noi stessi delle distanze....l'importante è usare il cervello nel modo corretto....ma qual'è il modo corretto?
    per me è pensare in positivo....questo mi aiuta molto spesso a superare momenti brutti e difficili, perchè anch'io come tutti ne ho!
    ciao ringraziandoti della bella cartolina che mi hai inviato, roberta

    RispondiElimina
  3. Cosa potrei aggiungere! confermo tutto quanto dici, purtroppo per quanto fanno solo pochi riescono, la ricerca è l'unica speranza dunque per quanto poco si da messo insieme diventa tanto.
    quando andiamo il giro magari sorridendo con delle belle battute, proviamo a guardare dietro e vedere quanti non sanno o non possono sorridere, proviamo a farli sorridere, non sarà facile ma dobbiamo provare.
    un abbraccio forte a te cara Rosa. Tomaso

    RispondiElimina
  4. Nuda e cruda verità,
    Forse io lo affermo perché come età sono arrivato alla quarta?
    Può darsi, ma ne sono convinto.

    RispondiElimina
  5. Hai pensato bene Rosaria, «...giovani e vecchi saremo tutti definiti nell'epoca che verrà... contemporanei e questo ci fa capire di come il tempo annulla le distanze,...».
    Questo modo di concepire "essere moderno" è quanto di più centrato si possa perseguire nella vita di un uomo che viaggia nel tempo evolvendosi, ma restando continuamente vincolato alle sue origini. "Giovane e vecchio", anzi "vecchio e bambino", invertendo i termini, era la definizione di Lao Tze, il Vecchio Maestro, il Signore del Tao. Ma è una denominazione che può indicare tutti o nessuno, o più semplicemente può indicare la "sapienza" che giace, più o meno addormentata, nel cuore di tutti gli uomini. La tradizione vuole che questo appellativo fu dato ad un maestro in ossa e carne che visse ai tempi di K'ung Fu-tzu, cioè di Confucio, (551 – 479 a.C) e che è considerato l'autore del Tao Te Ching, (Classico della Via e della Virtù, nonché uno dei padri del taoismo.
    Di lui non si sa il nome esatto, «Lao-tze» essendo un titolo: letteralmente vuol dire il «fanciullo vecchio», al che si associa la leggenda popolare secondo cui egli sarebbe nato già con l'aspetto di un vecchio e coi capelli bianchi. Senonché la vecchiaia nella tradizione cinese ha anche avuto un significato traslato, divenendo sinonimo di perennità e perfino di immortalità (così, per esempio, la traduzione giusta del nome di una grande divinità, Huang-lao kiun, non è «Vecchio Signore Giallo» ma l'«Immortale Signore del Centro» - il giallo e il colore del centro ). Per cui «Lao-tze» - «fanciullo vecchio» - sta propriamente a designare la qualità di perenne attualità, durata e giovinezza propria a chi si mantiene in contatto con le origini, secondo ciò che si attribuisce agli «uomini del Tao». (Dal libro "Tao-Te-Ching" di Julus Evola. Ediz. Mediterranee)
    Abbracci,
    Gaetano

    RispondiElimina
  6. E brava, la mia Rosaria, quanta saggezza!

    Hai centrato perfettamente il significato di modernità..."Per me è moderno solo chi non si allontana mai dalla cultura e sa camminare nella storia del suo tempo."

    E' proprio come tu affermi. Oscar Wild affermava che "Tutto ciò che è moderno viene, prima o poi, superato" quindi saper camminare nella storia del proprio tempo va anche oltre il concetto di modernità.

    Lo stesso Wild affermava che "Nulla è pericoloso quanto l'essere troppo moderni. Si rischia di diventare improvvisamente fuori moda". Hai quindi ragione di considerarlo un complimento quando ti si dice che sei "antica".

    Rosaria, so che ti piace leggere, perciò ti consiglio, a proposito di modernità, la lettura di qualche opera del sociologo inglese Anthony Gidden, considerato oggi uno dei più conosciuti e autorevoli scienziati sociali, non solo britannici ma anche a livello mondiale.

    Un bacione
    annarita

    RispondiElimina
  7. Rosaria, ho letto i tuoi due commenti sul "Piccolo Popolo", pubblicati da Cancello ed Arnone News. Vi troverai le mie relative risposte. È stato un piacere.

    Buona Domenica,
    Gaetano

    RispondiElimina
  8. Rosaria, mi scuso per aver storpiato il cognome del grande WILDE scrivendolo Wild...ma il sommo comprenderà! Colpa dell'orario assurdo...

    Oggi è Santa Lucia; colgo l'occasione per fare gli auguri alle tue lettrici che portano questo bellissimo nome.

    Bacioni
    annarita

    RispondiElimina
  9. bello, bello, bello, mi è piaciuto questo post!
    I sentimenti non hanno tempo, no, non c'è un tempo per definire e rinchiudere delle emozioni e dei valori.

    RispondiElimina
  10. Rosalba, l'arretratezza mentale può colpire tutti i ceti, ma nelle persone che hanno studiato e appartegono anche a ceti elevati, non è raro trovare arretratezza mentale che accompagna anche quella spituale e queste persone sono le più pericolose.

    Ciao, un bacione grande.

    RispondiElimina
  11. Cara Roberta, nessuno crea le distanze volutamente è perchè perchè molte volte non si ha nulla da dire l'uno a l'altro, poi magari all'improvviso basta una parola per veder scomparire le distanze.
    Nelle distanze che creiamo o ci creano gli altri a volte c'è solo paura di ferire o di essere feriti.

    Il modo corretto del cervello qual'è? Credo che ognuno di noi dovrebbe imparare a conoscere i propri limiti, e non oltrapassarli mai, altrimenti, il cervello va in tilt come il pc quando lo carichiamo molto..e questo crea disagio a noi e agli altri.
    Le poste virtuali funzionano molto bene

    Un bacio.

    RispondiElimina
  12. Tomaso caro, hai ragione su tutto.
    Ognuno di noi dovrebbe saper abbracciare il suo simile con amore
    sincero.

    Tomaso, guarda sulla destra del pc
    c'è una cartolina per te, se ti fa piacere puoi ritirarla.

    Un abbraccio a te e famiglia.

    RispondiElimina
  13. Gaetano, i tuoi commenti, cosi bene illustrati, mi fanno sorgere nuovi pensieri.
    Ho sempre creduto e credo che che quello che la mia mente pensa in privato...è cosi sciocco da non essere preso in considerazione, invece mi accorgo dai commenti che non sono poi cosi stupide le cose che penso.
    Grazie per questo esauriente e interessante commento che cercherò di approfondire,anche perchè e nella mia natura di non lasciare mai nulla in sospeso.

    Ti abbraccio e ti auguro un
    Buon proseguimento di Domenica.

    RispondiElimina
  14. Aldo,ogni età ha i suoi frutti,
    quelli della maturita, sono i più belli, i più succosi, sono maturati "sull'albero della vita"

    L'universo con tutte le sue stelle
    scrivono in cielo la loro età, cosi e anche per noi che siamo solo una piccola nota, che leggera passa nella grande armonia della vita.

    Ti abbraccio ciao,

    RispondiElimina
  15. Carissima Rosaria, preso per il tema di questo post, mi è sfuggito di ringraziarti per la cartolina di Buon Natale. Chissà cosa mi riserba di buono il pacco che hai confezionato per me!

    Natale viene con il freddo, due compagni inseparabili, o no? Se c'è il tepore di un caminetto certo che no.

    Il freddo e con esso il vento, mi suggerisce di contraccambiare il tuo regalo con un'altra mia breve poesia in napoletano, una sestina in rime, questa:

    QUANN’ERO GUAGLIUNCIELLO

    Ddoce è ‘a nuttata quanno
    a fora, ‘o vient’ soscie forte.
    Me stregn’ sott’ ‘e cuperte
    e m’addormo penzanno.
    Penzo a comm’era bello
    quann’ero guagliunciello.

    Buon Natale anche a te e alla tua famiglia,
    Gaetano

    RispondiElimina
  16. Cara Annarita, so che sei oberata di lavoro e ti ringrazio d'aver trovato un po di tempo per me. Grazie.

    Non lo so se ono saggia cara amica, ma mi piacerebbe esserlo e mi fa piacere che me lo dici.

    Allora visto che senza volerlo ho centrato con il mio post il pensiero del
    grande WILDE comprerò anche il libro Anthony Gidden,che mi hai consigliato, lo leggerò piano piano e forse mi sarà utile... grazie e ti farò sapere.

    Un abbraccione e grazie, di tutto.

    RispondiElimina
  17. Caro Gaetano, posterò la tua bellissima poesia e la leggeremo insieme accanto al caminetto...che ne dici?

    RispondiElimina
  18. Gaetano, andrò a leggere le tue risposte ai miei commenti.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  19. Janas, è contenta di questo post,
    perchè sei una vera follettina, piena di sentimenti...
    A martedi...nell'attesa ti mando un bacione.

    RispondiElimina
  20. Stella, la saggezza, è un bene raro e mi piacerrebbe possederlo, ma non lo possengo.
    Un bacione.

    RispondiElimina
  21. Bellissima idea, Rosalia.
    Gaetano

    RispondiElimina
  22. Grazie, cara Rosy, degli auguri!
    Anch'io sono d'accordo con la tua bella riflessione. L'età non conta quando il cuore ha sentimenti freschi e genuini come dimostri tu.
    Un caro saluto!

    RispondiElimina
  23. Angelo, giusto sono i sentimenti che contano senza di loro siamo sacchi vuoti
    di nuovo tanti auguri
    ciao.

    RispondiElimina
  24. Allora caro Gaetano posto la tua bella poesia.
    ciao

    RispondiElimina
  25. Angelo,a te auguro buon pomeriggio
    Ciao

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...