domenica 13 dicembre 2009

QUANN’ERO GUAGLIUNCIELLO


@
Caro Gaetano, ho capito che adori Natale in casa Cupiello e cosi ho inserito per te e per gli amici il video che va a completare la tua bella e nostalgica sestina, parole che arrivano al cuore. Questo post ha per cornice, magia e poesia e questo
grazie a te.



Natale viene con il freddo, due compagni inseparabili, o no?
Se c'è il tepore di un caminetto certo che no.


Il freddo e con esso il vento, mi suggerisce di contraccambiare
il tuo regalo con un'altra mia breve poesia in napoletano,
una sestina in rime, questa:


QUANN’ERO GUAGLIUNCIELLO


Ddoce è ‘a nuttata quanno
a fora, ‘o vient’ soscie forte.
Me stregn’ sott’ ‘e cuperte
e m’addormo penzanno.
Penzo a comm’era bello
quann’ero guagliunciello.


Buon Natale anche a te e alla tua famiglia,
Gaetano Barbella


13 dicembre 2009 15.30





Questa sera intorno al caminetto con me c'è Gaetano che mi sta recitando la sua bella poesia in napoletano. Anche un caminetto virtuale ha il suo fascino e il suo calore, la sua legna cresce in un bosco speciale, la sua vegetazione sono le parole sempreverdi del cuore che mai invecchia e sempre sogna.

Caro Gaetano
Grazie per la poesia bellissima
e per gli auguri che ricambio
con questa bella e antica
canzone napoletana.
Per restare in tema
con il Natale e il focolare
Buon Natale anche a te e famiglia
rosy





Mai tanta festa! Cara Rosaria mi hai riempito il cuore là dove sembrava vuoto. Giusto il luogo dei "presepi" da apprezzare (ci teneva tanto Cupiello luminosa creatura di Edoardo De filippo) ora col Natale vicino. E poi mai tanti nuovi amici a farmi festa per quel "guagliunciello" in me che mi parla notte e giorno.

@ il monticiano,
@ tomaso,
@ Rosalba,
@ Janas,

E poi la cara Annarita,
ed ancora Rosaria,

Grazie, grazie, ma u "guagliunciello" in me è pure 'nu poco "zapugnaro" e perciò a suo nome vi dedica un'altra breve sua poesia in napoletano, una settina in rime, questa:

O GULIO CHE SFRECULEA (gulio: voglia)

Che guaio ‘a calura senz’aria de’ ssere:
è scura pe’ l’omme che nun tene niente,
quanno ‘o gulio le ven’ pe’ lo sfreculià.
Chissà, passa n’anima amica e sente:
vien’ cu mmè a magnà, cantà e vevere.
Ma è longa ‘st’attesa, che fa sulo pallià. (pallià: illudere)
Fa cap’ a ‘nu supplizio che lo fa lacremà,
e co’ chelle ssere senz’aria, pe’ lo cresemà.

Buon Natale a tutti voi, ma ci risentiremo ancora prima.
Gaetano
14 dicembre 2009 09.33




23 commenti:

  1. Gaetano è stato grande per questa sua poesia, in dialetto poi che a me piace tanto.
    Ringrazialo ma io ringrazio anche te per avercelo fatto conoscere.

    RispondiElimina
  2. Aldo, allora devi ringraziare anche me perché Rosaria lo ha conosciuto per mio tramite;)

    Rosaria il cognome di Gaetano è Barbella;)

    Gaetano, complimenti! In pochi versi hai saputo concentrare un pensiero e un'atmosfera. D'altronde, per me che ti conosco bene, non è una novità questa tua versatilità.

    Un ringraziamento a Rosaria per aver ospitato il tuo bel componimento.

    Un abbraccio cumulativo a tutti gli amici.
    annarita

    RispondiElimina
  3. Cara Rosy io non incomincio con i nomi, io so solo dirti che sei favolosa, grazie che ci fai vivere tante emozioni con i tuoi bellissimi racconti.
    Un abbraccio infinito.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Aldo, lo so che adori Napoli il napoletano e i napoletani e io adoro Roma, i romani e il romanesco.
    Certamente che lo ringrazio, ma conoscendo Gaetano sarà lui a ringraziare te.
    Un abbraccio caro Aldo.
    A proposito.. Gaetano l'ho conosciuto tramite Annarita, ha ragione Annarita dobiamo ringraziare lei.
    Un bacio Aldo.

    RispondiElimina
  5. Annarita, grazie, ho corretto.

    Un bacione

    RispondiElimina
  6. Rosaria, avevo dimenticato di ringraziarti per la bellissima e antica canzone napoletana, che ho riascoltato con emozione.

    Per il ringraziamento di aver conosciuto Gaetano, è sufficiente "anche" perché senza di te il cerchio non si sarebbe chiuso:)

    Con affetto.
    annarita

    RispondiElimina
  7. Che bell'atmosfera di Natale, fatta di emozioni e racconti teneri.

    Complimenti a Gaetano per i versi

    Grazie rosy
    un saluto ai commentatori del blog leggo sempre con piacere.

    RispondiElimina
  8. Annarita, questa canzone la sentivo da piccola, più grandicella mi immaginavo Napoli che ancora non conoscevo, immaginavo la tristezza della ragazza del zampognaro e come odiavo la signora di Napoli
    Da grande ci ridevo non sulla canzone ma sui miei pensieri di ragazza.

    Per formare e chiudere un cerchio ci vogliono mani che si stringono
    tra loro...forse non siamo noi a decidere, ma qualcosa che sta intorno a noi decide per noi.

    Un immenso abbraccio.

    RispondiElimina
  9. Rosalba, grazie a te.
    Un bacione.

    RispondiElimina
  10. Tomaso sei di una tenerezza unica
    sei una persona che odore di buono.
    Un bacione anche alla tua signora.

    RispondiElimina
  11. Una bellissima poesia, ho dato anche una sbirciatina al blog di Gaetano, molto interessante e da guardare con molta calma.
    Un saluto anche ad Annarita, ciao ciao.

    RispondiElimina
  12. Mai tanta festa! Cara Rosalba mi hai riempito il cuore là dove sembrava vuoto. Giusto il luogo dei "presepi" da apprezzare (ci teneva tanto Cupiello luminosa creatura di Edoardo De filippo) ora col Natale vicino.
    E poi mai tanti nuovi amici a farmi festa per quel "guagliunciello" in me che mi parla notte e giorno.

    @ il monticiano,
    @ tomaso,
    @ Rosalba,
    @ Janas,

    E poi la cara Annarita,
    ed ancora Rosaria,

    Grazie, grazie, ma u "guagliunciello" in me è pure 'nu poco "zapugnaro" e perciò a suo nome vi dedica un'altra breve sua poesia in napoletano, una settina in rime, questa:

    O GULIO CHE SFRECULEA (gulio: voglia)

    Che guaio ‘a calura senz’aria de’ ssere:
    è scura pe’ l’omme che nun tene niente,
    quanno ‘o gulio le ven’ pe’ lo sfreculià.
    Chissà, passa n’anima amica e sente:
    vien’ cu mmè a magnà, cantà e vevere.
    Ma è longa ‘st’attesa, che fa sulo pallià. (pallià: illudere)
    Fa cap’ a ‘nu supplizio che lo fa lacremà,
    e co’ chelle ssere senz’aria, pe’ lo cresemà.

    Buon Natale a tutti voi, ma ci risentiremo ancora prima.
    Gaetano

    RispondiElimina
  13. Gaetà ora tocca a me!

    Rosy sono contenta che anche tu conosci Gaetano: è a fin romunn...

    Sono andata già da Annarita.
    Bacioni

    RispondiElimina
  14. Caro Gaetano, ho capito che adori Natale in casa Cupiello e cosi ho inserito per te e per gli amici il video che va a cmpletare la tua bella e nostalgica sestina, parole che arrivano al cuore.Un post che ha per cornice, magia e poesia
    Grazie.
    Un abbraccio e buona settimana.

    RispondiElimina
  15. Stella, ho conosciuto Gaetano tramite Annarita, hai ragione a dire che è a fin romunn...Bacioni.

    RispondiElimina
  16. Wè, a domani!
    Però dopo ci sentiamo, bacini-baciotti!

    RispondiElimina
  17. Janas ok aspetto una tua chiamata.

    RispondiElimina
  18. Ora è veramente il Natale che Rosaria ha voluto allestire per me! Ci mancava la giusta cometa, tu cara Stella, di nome e di fatto. Ma non è la fine, come tu dici, perché c'è sempre di meglio, altrimenti perché ci diamo gli auguri?
    Abbracci,
    Gaetano

    RispondiElimina
  19. Grazie delal cartolina Rosi, sei tanto cara. La prendo subito.

    RispondiElimina
  20. Ciao Antonella, allora posso iniziare a togliere chi le ha ritirate
    Un bacio.

    RispondiElimina
  21. passo per un saluto...buona giornata

    RispondiElimina
  22. Rosy non ti ho fatto gli auguri e me ne scuso ...passa da me c'è un cuccioletto regalo per te !!!
    buona fine e buon inizio ....
    2011...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...