martedì 7 aprile 2009

Una lieve scossa di terremoto

L'altra notte dormivo e non ho sentito la scossa del terremoto, 3 minuti fa l'ho sentita, è stata leggera, il lampadario ha ondeggiato, scendo,uffa! Che faccio..mannaggia.
Il terremoto dell'80 ci ha sconvolti, anche una piccola scossa ci fa cadere nella paura.



che fai tu luna in ciel? ...
Ancor non sei tu paga
di riandare i sempiterni calli? ...
Ove tende
questo vagar mio breve
il tuo corso immortale? ...
Che vuol dir questa
solitudine immensa?
Ed io che sono?
Leopardi.

14 commenti:

  1. Ciao Rosy immagino che una piccola scossa possa farti ritornare indietro in quei giorni difficili del terremoto dell'80.
    Un forte abbracio cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Ci credi che nn ce la facciamo +??
    oggi ce ne sono state due forti...alle 11 e mezza e alle 19 e 50....ma quando la smette la terra?

    RispondiElimina
  3. Matty, caro hai ragione, stiamo cosi in pena per voi, il nostro cuore e il nostro pensiero sta accanto a voi.

    Anche qui ne abbiamo avuto una leggerissima,ma abbiamo paura, una paura che ci portiamo dentro dal terremoto dell'irpinia.

    Vredrai che la terra si fermerà, deve fermarsi.
    Ti abbraccio, un bacio alla bambina.

    RispondiElimina
  4. Caro Tommaso, il terremoto dell'80 ci ha ha lasciato dentro una forte paura, pensa che come ho sentito la piccola scossa non sapevo cosa fare, il cuore mi e tremato.
    Che dio aiuti adesso gli abruzzesi.
    Ti abbraccio.Grazie

    RispondiElimina
  5. La paura è un sentimento subdolo, difficile da controllare. Cerca di stare tranquilla, cara.

    Un abbraccio
    annarita

    RispondiElimina
  6. Annarita, mio marito mi ha fermata mio marito mi ha bloccata gia stavo scendendo giù.
    Non dimenticherò mai l'80, per la paura mi bloccai sulle scale e le gambe non si muovevano più, mio marito mi prese in braccio e d'allora anche se si muovono i vetri per il vento mi viene la tachicardia per la paura.
    Grazie Annarita. Cercherò di stare calma.

    RispondiElimina
  7. io non l'ho sentita, stavo sul treno questa sera alle 19.42, ma mi hanno detto che a roma si è sentita molto forte, immagino lì. Mi dispiace che ti vengono le paure dell'80, io non so che dire. Su Facebook abbiamo proposto di donare il jackpot del superenalotto a loro che purtroppo sono i protagonisti sfortunati. Non ti preoccupare la solidarietà c'è, anzi nelle mie condizioni economiche disastrose, ho fatto una piccola donazione, ho fatto quello che potevo! un abbraccio!
    fra

    RispondiElimina
  8. Cara Francesca, stavo alla scivania quando questa ha traballato, non ho capito subito dopo ha traballato di nuovo ma meno forte, cosi ho immediatamente guardato il lampadario e si muoveva, ho preso il cappotto e stavo uscendo,,,scappando, Angelo mio marito mi ha fermato, e cosi mi sono riseduta alla scrivania e ho scritto il post con addosso il cappotto.

    Dall'80 ho una paura che tu non immagini, son sicura che stanotte non dormirò e ne mi spoglierò. Sarò esagerata ma la mia è solo paura.

    Evidentemente sul treno non si avverte tanto meglio per te..e che stiamo tutti shoc vedendo quello che è successo in Abruzzo.

    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  9. Ciao Rosy,un saluto dalla sede abituale.Per ora ci sono.
    Le notizie di quanto è accaduto e sta ancora accadendo,non ci lasciano certo insensibili,ed immagino anche le tue paure,dopo quello che hai vissuto,nell'80.
    Un caro abbraccio.

    RispondiElimina
  10. Cara Chicchina,come stai?
    Quando ritorni?
    Domani vado alla posta perchè devo spedire un pacchetiino ad una amica.
    Come ho finito l'imballaggio, mi sono seduta e tac, arriva la scossa.
    Cara amica mia, adesso ti scrivo.

    RispondiElimina
  11. Rosy, immagino che spavento! che situazione angosciante da ieri...speriamo che presto tutto torni alla normalità da poter pensare solo ad aiutare che è sopravvissuto.
    Un bacione.

    RispondiElimina
  12. Cara Paola, buongiorno, speriamo che la terra si fermi.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  13. Buongiorno Rosy... dici cose assolutamente sperimentate.
    La paura di "quel" giorno del 1976, per noi Friulani, è stampata nelle nostre anime e ogni piccolo sommovimento ce la risveglia.
    Sai che io mi ricordo quella domenica del novembre 1980?
    Ero in pizzeria con l'allora fidanzato (ora marito)... e la notizia del terremoto in Campania ci fece chiudere la serata perchè ci metteva a disagio la troppa "leggerezza" del clima...
    Un abbraccio solidale!

    RispondiElimina
  14. buongiorno kaiske, un po tutti abbiamo subito la grande paura del terremoto e non possiamo fare nulla contro di lui.Grazie
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...