domenica 3 maggio 2015

Era De Maggio

Il grande poeta napoletano amò moltissimo questi versi, cui è legato un simpatico aneddoto. Di Giacomo aveva inviato la poesia al grande musicista Pasquale Mario Costa (l’autore di “Catarì” e “‘A frangesa”), appuntando, in calce al manoscritto, la frase: “Mario, ma quant’è bella!”. Dopo due giorni arriva a casa Di Giacomo, a Napoli, un rotolo di musica. Sotto, la firma di Costa e la postilla: “Salvatò, ‘e chesta manch’è scema!” (cioè: neanche questa è da buttar via…).
E in effetti la canzone risultò di una bellezza e una fama tali da ammaliare perfino il grande Riccardo Wagner (che nel Golfo di Napoli, soprattutto a Ravello, era di casa), il quale, incantato dalla canzone che gli aveva fatto ascoltare un posteggiatore (un tal Giuseppe Di Francesco), non esitò a portarsi in Germania lo sconosciuto (e sicuramente sbigottito…) “artista”.



Era de maggio è una canzone in lingua napoletana, basata sui versi di una poesia del 1885 di Salvatore Di Giacomo e messa in musica da Mario Pasquale Costa.

Era de Maggio
« Era de maggio e te cadéano 'nzino,
a schiocche a schiocche, li ccerase rosse.
Fresca era ll'aria, e tutto lu ciardino
addurava de rose a ciento passe.
Era de maggio; io no, nun mme ne scordo,
na canzone cantávemo a doje voce.
Cchiù tiempo passa e cchiù mme n'allicordo,
fresca era ll'aria e la canzona doce.
E diceva: "Core, core!
core mio, luntano vaje,
tu mme lasse e io conto ll'ore...
chisà quanno turnarraje?"
Rispunnev'io: "Turnarraggio
quanno tornano li rrose.
si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá.
Si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá."
E so' turnato e mo, comm'a 'na vota,
cantammo 'nzieme lu mutivo antico;
passa lu tiempo e lu munno s'avota,
ma 'ammore vero no, nun vota vico.
De te, bellezza mia, mme 'nnammuraje,
si t'allicuorde, 'nnanze a la funtana:
Ll'acqua llá dinto, nun se sécca maje,
e ferita d'ammore nun se sana.
Nun se sana: ca sanata,
si se fosse, gioia mia,
'mmiez'a st'aria
'mbarzamata,
a guardarte io nun starría !
E te dico: "Core, core!
core mio, turnato io so'.
Torna maggio e torna
'ammore:
fa' de me chello che vuo'!
Torna maggio e torna
'ammore: fa' de me chello che vuo' " »



Traduzione in'italiano
« Era di maggio e ti
cadevano in grembo
a ciocche a ciocche le ciliege rosse
fresca era l'aria di tutto il giardino
profumava di rose a cento passi.
Era di maggio, e io no, non me ne dimentico
cantavamo una canzone a due voci
più tempo passa e più me ne ricordo,
fresca era l'aria e la canzone dolce.
E diceva, "Cuore, cuore!
cuore mio lontano vai,
tu mi lasci e io conto le ore.
chi sa quando tornerai?"
Rispondevo io "Tornerò
quando tornano le rose.
Se questo fiore torna a maggio
pure a maggio io sarò qui
Se questo fiore torna a maggio
pure a maggio io sarò qui"
E son tornato, ed ora, come una volta,
cantiamo insieme il motivo antico;
passa il tempo e il mondo si volge
ma l'amore vero, no, non volta strada.
Di te, bellezza mia,
m'innamorai
se ti ricordi, dinanzi alla fontana:
l'acqua, là dentro, non si secca mai,
e ferita d'amore non si sana
Non si sana: perché se sanata
si fosse, o gioia mia
in mezzo a quest'aria profumata
a guardarti non starei!
E ti dico: "Cuore, cuore,
cuore mio tornato sono...
torna maggio e torna l'amore:
fa' di me quello che vuoi!
torna maggio e torna l'amore:
fa' di me quello che vuoi"
»


Tutto dal Web

4 commenti:

  1. Cara Rosaria, a me piace moltissimo la canzone napoletana, tutta la melodia delle canzoni napoletane mi affascinano, e non mi stanco mai di ascoltarle.
    Ciao e buona domenica cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tomaso mi fa piacere che la canzone napoletana ti piaccia.
      Sono belli i classici non quelle che fanno ora, questi sono intramontabili!

      Buona serata a te e famiglia!

      Elimina
  2. Rosy, chilla tradotta nun l'aggio veduta, me so' ciecato.
    Un abbraccione,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chella tradotta non si vede bene?

      Un abbraccione a te Alduccio

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...