domenica 3 maggio 2015

Era De Maggio

Il grande poeta napoletano amò moltissimo questi versi, cui è legato un simpatico aneddoto. Di Giacomo aveva inviato la poesia al grande musicista Pasquale Mario Costa (l’autore di “Catarì” e “‘A frangesa”), appuntando, in calce al manoscritto, la frase: “Mario, ma quant’è bella!”. Dopo due giorni arriva a casa Di Giacomo, a Napoli, un rotolo di musica. Sotto, la firma di Costa e la postilla: “Salvatò, ‘e chesta manch’è scema!” (cioè: neanche questa è da buttar via…).
E in effetti la canzone risultò di una bellezza e una fama tali da ammaliare perfino il grande Riccardo Wagner (che nel Golfo di Napoli, soprattutto a Ravello, era di casa), il quale, incantato dalla canzone che gli aveva fatto ascoltare un posteggiatore (un tal Giuseppe Di Francesco), non esitò a portarsi in Germania lo sconosciuto (e sicuramente sbigottito…) “artista”.



Era de maggio è una canzone in lingua napoletana, basata sui versi di una poesia del 1885 di Salvatore Di Giacomo e messa in musica da Mario Pasquale Costa.

Era de Maggio
« Era de maggio e te cadéano 'nzino,
a schiocche a schiocche, li ccerase rosse.
Fresca era ll'aria, e tutto lu ciardino
addurava de rose a ciento passe.
Era de maggio; io no, nun mme ne scordo,
na canzone cantávemo a doje voce.
Cchiù tiempo passa e cchiù mme n'allicordo,
fresca era ll'aria e la canzona doce.
E diceva: "Core, core!
core mio, luntano vaje,
tu mme lasse e io conto ll'ore...
chisà quanno turnarraje?"
Rispunnev'io: "Turnarraggio
quanno tornano li rrose.
si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá.
Si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá."
E so' turnato e mo, comm'a 'na vota,
cantammo 'nzieme lu mutivo antico;
passa lu tiempo e lu munno s'avota,
ma 'ammore vero no, nun vota vico.
De te, bellezza mia, mme 'nnammuraje,
si t'allicuorde, 'nnanze a la funtana:
Ll'acqua llá dinto, nun se sécca maje,
e ferita d'ammore nun se sana.
Nun se sana: ca sanata,
si se fosse, gioia mia,
'mmiez'a st'aria
'mbarzamata,
a guardarte io nun starría !
E te dico: "Core, core!
core mio, turnato io so'.
Torna maggio e torna
'ammore:
fa' de me chello che vuo'!
Torna maggio e torna
'ammore: fa' de me chello che vuo' " »



Traduzione in'italiano
« Era di maggio e ti
cadevano in grembo
a ciocche a ciocche le ciliege rosse
fresca era l'aria di tutto il giardino
profumava di rose a cento passi.
Era di maggio, e io no, non me ne dimentico
cantavamo una canzone a due voci
più tempo passa e più me ne ricordo,
fresca era l'aria e la canzone dolce.
E diceva, "Cuore, cuore!
cuore mio lontano vai,
tu mi lasci e io conto le ore.
chi sa quando tornerai?"
Rispondevo io "Tornerò
quando tornano le rose.
Se questo fiore torna a maggio
pure a maggio io sarò qui
Se questo fiore torna a maggio
pure a maggio io sarò qui"
E son tornato, ed ora, come una volta,
cantiamo insieme il motivo antico;
passa il tempo e il mondo si volge
ma l'amore vero, no, non volta strada.
Di te, bellezza mia,
m'innamorai
se ti ricordi, dinanzi alla fontana:
l'acqua, là dentro, non si secca mai,
e ferita d'amore non si sana
Non si sana: perché se sanata
si fosse, o gioia mia
in mezzo a quest'aria profumata
a guardarti non starei!
E ti dico: "Cuore, cuore,
cuore mio tornato sono...
torna maggio e torna l'amore:
fa' di me quello che vuoi!
torna maggio e torna l'amore:
fa' di me quello che vuoi"
»


Tutto dal Web

4 commenti:

Tomaso ha detto...

Cara Rosaria, a me piace moltissimo la canzone napoletana, tutta la melodia delle canzoni napoletane mi affascinano, e non mi stanco mai di ascoltarle.
Ciao e buona domenica cara amica.
Tomaso

il monticiano ha detto...

Rosy, chilla tradotta nun l'aggio veduta, me so' ciecato.
Un abbraccione,
aldo.

Rosaria ha detto...

Tomaso mi fa piacere che la canzone napoletana ti piaccia.
Sono belli i classici non quelle che fanno ora, questi sono intramontabili!

Buona serata a te e famiglia!

Rosaria ha detto...

Chella tradotta non si vede bene?

Un abbraccione a te Alduccio

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...