martedì 6 novembre 2012

Il Sabato Del Villaggio

Leopardi "Il Sabato Del Villaggio"
La donzelletta vien dalla campagna in sul calar del sole,
 col suo fascio dell'erba;
e reca in mano un mazzolin di rose e viole,
onde, siccome suole, ornare ella si appresta
dimani, al dí di festa, il petto e il crine.

Siede con le vicine
su la scala a filar la vecchierella,
incontro là dove si perde il giorno;
e novellando vien del suo buon tempo,
quando ai dí della festa ella si ornava,
ed ancor sana e snella
solea danzar la sera intra di quei
ch'ebbe compagni nell'età piú bella.

Già tutta l'aria imbruna,
torna azzurro il sereno, e tornan l'ombre
giú da' colli e da' tetti,
al biancheggiar della recente luna.
Or la squilla dà segno
della festa che viene;
ed a quel suon diresti
che il cor si riconforta.
I fanciulli gridando
su la piazzuola in frotta,
e qua e là saltando,
fanno un lieto romore;
e intanto riede alla sua parca mensa,
fischiando, il zappatore,
e seco pensa al dí del suo riposo.

Poi quando intorno è spenta ogni altra face,
e tutto l'altro tace,
odi il martel picchiare, odi la sega
del legnaiuol, che veglia
nella chiusa bottega alla lucerna,
e s'affretta, e s'adopra
di fornir l'opra anzi al chiarir dell'alba.

Questo di sette è il più gradito giorno,
pien di speme e di gioia:
diman tristezza e noia
recheran l'ore, ed al travaglio usato
ciascuno in suo pensier farà ritorno.

Garzoncello scherzoso,
cotesta età fiorita
è come un giorno d'allegrezza pieno,
giorno chiaro, sereno,
che precorre alla festa di tua vita.
Godi, fanciullo mio; stato soave,
stagion lieta è cotesta.
Altro dirti non vo'; ma la tua festa
ch'anco tardi a venir non ti sia grave.


Ispirazioni del poeta, Ernesto Mirabelli.

 Dal libro, Napoli  Rosa e Nera.

Dal Sabato Del Villaggio di G.Leopardi.

Sabbato A Sera.
E ttorna' a figliulella d' a campagna
accomme scenne' o sole,
cu ll'evera p'a crapa,'a zappa e' e sciure
chine' e calure, gruosse e piccirille,
ca dimane, che è festa,
s'e mmette 'int'e capille
e se l'apponta a 'avesta.

Na nonna vicchiarella
'ncoppa a ' e ggrare d'a casa
scusennose nu cammise viola,
racconta a tutta 'a rocchia
ca quann'era figliola,
l'uommene s'a magnavano cu ll'uocchie.
E a tutte 'e vicchiarelle
le passano pe 'nnanze 'e tiempe belle.

Sabbato a sera, buvero  'è campagna:
ll'urdimi piccerelle for'a via
ca iocano  strillando:
Sona l'Avummaria
e 'ncopp'a tutte 'cose
scenne ll'ombra d'o sole ca reposa!

Trasenno dint'o o vascio, 'o zappatore
se fa nu signo 'e croce:
e fenuta 'asemmana
e 'stu reposo e ddoce.

Mmece nu masterascio puvuriello,
nchiuso dint'a puteca,
(pecchè nun vvò fà sentere 'o martiello
e 'o rummore d'a sec)
nun sape si nce 'a fa
a cunsignà dimane pe' mmagnà

Sabbato a ssera:
ll'ora cchiù bella 'e tutta na semmana
ca passa e se ne va:
dimane già se pensa a ffaticà.

E' nnora allera ccomme a 'a giuventù
ca pur'essa fenesce
dimmane a ssera, comme scenne o'sole,
pe' nnun riturnà cchiù.



Un libro che ho trovato nella  libreria, mentre la pulivo ma  è  tutto rovinato,   senza  neanche la copertina. Lo stavo buttando, ma prima di buttarlo l'ho sfogliato, e sono rimasta piacevolmente sorpresa quando ho visto che era un libro di poesie napoletane, di un poeta mai sentito. Una breve ricerca su internet e l'ho  trovato qui...
Grazie, Internet! Sai tutto di tutti.
Tra tante poesie ho scelto di postare -Sabbato A Sera- che mi è sembrata alquanto originale...
L'ispirazione del poeta napoletano con il Sabato Del Villaggio Di G.L.

Guida rapida al dialetto napoletano.

 

14 commenti:

  1. I libri sono sempre una sorpresa, e hanno sempre qualcosa da insegnare.
    Chissà perchè, ma ho sempre collegato il Sabato del Villaggio al sabato allora giorno scolastico.
    Come avrei preferito allora, il sabato a fine pomeriggio, tornare dalla campagna anzichè uscire dopo una intera giornatya di scuola!

    RispondiElimina
  2. Cara Rosy che post meraviglioso hai pubblicato, ce da perdersi nelle poesie ed di tutto il resto.
    Grazie di aver condiviso tutto.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Ciao cara mia, é bello venire da te e godere questa calma poetica. Mi sento un po stanca ma serena. Buona notte serena anche a te sorellina

    RispondiElimina
  4. Ciao Rosy, sono un pò giù... anche Ice mi ha lasciata....

    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  5. Cara Rosellina adoravo Leopardi..un bacio.

    RispondiElimina
  6. Tu Rosy sei bravissima a farmi leggere quello che scrivi facendomi fare risate e commuovendomi.
    Grazie, un abbraccione,
    aldo.

    RispondiElimina
  7. La poesia del Leopardi l'ho sempre amata alle superiori...anche quando qualche compagno mi sbeffeggiava un po'.
    Ora davvero vorrei poter sentire recitare quella meraviglia in lingua napoletana che riporti sotto. Ho provato a leggerla silenziosamente immaginando la voce di Eduardo...da brivido.

    RispondiElimina
  8. Un bacio ed un sorriso che rivoglio indietro:-)

    RispondiElimina
  9. Ma che bella sorpresa,Rosy! Ti avviso,la rubo e la posterò fra le preferite,forse la imparerò a memoria.Ha una musicalità così dolce e me la immagino,come dice anche Sandra,recitata da un bravo napoletano verace,come di certo ce ne sono ancora,anche se noi ricordiamoi grandi,privileggio dei nostri giovani anni!

    RispondiElimina
  10. Ciao Rosy, dopo aver riletto queste bellissime poesie ti mando una buona notte e abbraccioni

    RispondiElimina
  11. Ciao Rosy, grazie per il bellissimo commento di sostegno che mi hai lasciato.
    Sono un pò demoralizzata, per non dire disperata, l'altra cagnolina l'ha presa duramente, non sta mangiando ed è completamente persa, speriamo che reagisca al più presto, visto che anche lei è una vecchiettina, non vorrei che succedesse il peggio.

    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  12. Ciao, un abbraccio. Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  13. Rosy ...Leopardi il mio poeta preferito...
    E poi il tutto tradotto in napoletano, che musicalità!
    Grazie e buon week-end!

    RispondiElimina
  14. Un grazie di cuore a tutti della vostra presenza oramai i vostri volti e vostri avatar, fanno parte del mio quotidiano.
    Buon pomeriggio.

    Chcchina, prendi quello che vuoi che è un piacere la condivisione.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...