sabato 5 maggio 2012

Torna maggio




Con maggio tornano le rose
 e i fioretti



Quasi tutte le donne nel mese di maggio fanno qualche fioretto,  tranne i maschietti..chi non mangia le ciliegie, chi non fuma, chi rinuncia ai gelati.Il fioretto ha valore solo se si rinuncia alla cosa che più piace.
Le ciliegie non mi fanno impazzire, i gelati neppure e dovrei rinunciare alle sigarette, ma evito questo fioretto anche perchè so in partenza che non lo porterei a termine e farei peccato.
Cosa offrire alla madonnina nel mese di maggio?
Potrei allontanarmi per un mese dal pc, ma sarebbe esagerato ma si è davvero esagerato e poi ne ho fatti tanti di fioretti in collegio.
Imposti dalle suore.
 Le suore davano ad ogni ragazza un foglio bello pulito e grande sul quale  si metteva la data e ogni giorno si annotava qualcosa tutto quello a cui si rinunciava.
Chi rinunciava alla frutta e la dava all'amica, chi per un mese si rendeva utile in qualcosa che non le competeva, cose di questo genere.
Per un mese si girava sempre avendo con se questo foglio, ogni  azione buona azione veniva annotata sul foglio anche se si combinava qualcosa di non troppo bello lo si scriveva lo stesso.
Il 31 maggio dopo la messa della sera, prima di andare a refettorio ci si riuniva tutte  nel giardino  suore ragazze  e  presiedeva anche  la madre superiora.
Nel giardino si metteva un braciere e in fila si passava accanto al braciere e ogni ragazza lasciava cadere  nel braciere la sua letterina accompagnata da una preghiera personale.
La mia preghiera personale era sempre la stessa..madonnina fa star bene a mamma, a mio fratello a mia sorella ai nonni a tutti e fammi diventare buona come Te.
Quando tutte le letterine stavano nel braciere venivano bruciate e il fumo saliva in alto le suore ci dicevano che quel fumo sarebbe arrivato tanto in alto e la madonnina avrebbe letto le nostre buone azioni e la nostra richiesta , mentre le letterine bruciavano si sentiva anche l'odore dell'incenso.
Mi piaceva questa cosa e ci credevo tantissimo..anche se devo dire ed è la verità sul foglio non scrivevo quasi nulla ma non perchè non  facessi anche io i fioretti  mi dimenticavo di annotarli   a me piaceva solo la funzione finale.
 Insegnai anche ai miei figli di fare il fioretto nel mese di maggio a dire il vero solo Lauretta lo faceva.
Laura era molto golosa e un anno fece il fioretto dei gelati e dei dolci. I ragazzi del cortile sapendolo le andavano vicino mostrandole il gelato che stavano mangiando ma lei non si feceva corrompere e quando il mese di maggio terminò le comprai un bel gelato e non lo volle da quel momento le passò ogni golosità   dolci e  gelato li assaggia solo per far contenti noi.
Post dedicato a mia madre
Cliccare sull'
immagine 
Ecco a cosa servivano i fioretti a educarci e a frenare  le golosità e anche a diventare più buoni. Queste suore le sapevano tutte. Visto che io non sono mai stata golosa,  le caramelle che tanto piacciono ai bambini a me mi stancavano  a tenerle in bocca, la frutta poteva anche non esserci ancora oggi consumo poca frutta. Non mi ricordo che fioretto facevo in collegio ma qualcosa facevo.
Sempre faccio qualcosa come in questi giorni sono riuscita a fare gli eBook..libri virtuali.
Belli li sognavo da tanto tempo e adesso li so fareeee!!!
Bellissimo!  brava  a Rosaria
Buon fine settimana e buon mese di maggio a tutti.

22 commenti:

  1. Cara Rosaria, i fioretti assumono un significato diverso per ciascuno di noi. L'intenzionalità è apprezzabile, ma io sono sempre stata una ribelle e i fioretti non mi sono mai piaciuti. Perdona la sincerità. Per incamminarmi sulla via della bontà, cercavo altri modi.

    Un "bravissima" per gli ebook:).

    Un abbraccio.
    Annarita

    RispondiElimina
  2. Cara Annarita, ecco perchè il mio foglio era sempre bianco alla fine del mese ero piccola e rifiutavo questa cosa..
    Hai ragione tu cara Annarita
    la tua sincerità è verità.

    Grazie per gli ebook lo sai che sono contentissima vero?

    Un bacione ciao

    RispondiElimina
  3. Cara Rosellina, i fioretti non fanno per me:-) Però la tua storia (parte della tua vita passata) mi colpisce, ci sono persone che fanno amare di più un mese, come te, come questo maggio che ci porta pioggia e sole, ma è la natura ..bella sempre. Un abbraccio grande!!!!

    RispondiElimina
  4. Non ricordo che a noi fossero richiesti; forse sapevano che la nostra vita era un fioretto perenne.
    Fioretti riguardanti dolciumi, caramelle, gelati...
    Magari!
    Avrebbe voluto dire che li avevamo a disposizione. E sacrificare le tre caramelle o il mandarino la notte di Natale, più che un fioretto sarebbe stato una fesseria, che manco il Cielo ci avrebbe perdonato.
    Abbraccio grande.

    RispondiElimina
  5. Hai ragione cara Rosy ma io da parte mia sono a posto in quanto sono già troppi anni che ho dovuto fare "fioretti", ho rinunciato a tanto, troppo. L'ultima rinuncia 13 anni fa: caffé e sigarette.

    RispondiElimina
  6. I fioretti... quanti ne ho fatti... ma ora non più... non ci riesco proprio più...
    Bello il tuo post e bello il tuo ebook... bravissima!!!
    Rosy ho pasticciato con il mio blog ed ora non ho più la voce
    ... ReadSpeaker... tutto da rifare....
    Un bacio

    RispondiElimina
  7. Cara, un sorriso che rivoglio indietro, subito subito..vedi tu:-)) Baci e buon inizio settimana.

    RispondiElimina
  8. Ciao dolce amica, mi sembra una cosa bella fare i fioretti in maggio.Da noi non si usa peró ma penso che sia un mezzo che renderebbe migliori le persone che ora non vogliono/sanno rinunciare di niente ma pretendono e pretendono... Mi piace la tua storia molto umana. Quanto a me dovrei rinunciare della sigaretta anch'io ma so che non ne sono capace:)) Altrimenti nella vita ho imparato a rinunciare di alcune cose.
    É un post molto bello che mi ha fatto pensare.
    Baci e buona serata

    RispondiElimina
  9. Cara Rosy,
    la voce c'è di nuovo...
    Credo di aver finito... posso accogliere le amiche nel nuovo spazio.
    E' tardi per un caffè???
    Un bacio

    RispondiElimina
  10. Ciao Rosy cara, bel racconto il ricordo della tua infanzia. Devo dire che non faccio quasi mai fioretti a maggio. Stranamente li faccio durante l'anno e per qualcosa di serio. Potrei farlo con le sigarette ma ho sempre il timore di non riuscire, e allora vado con il cioccolato fondente che mangio un poco tutti i giorni.. non riesco a farne a meno. Una volta l'ho fatto per mio figlio, era una cosa seria, mi sono astenuta dal mangiarlo per un anno intero. E' bellissima l'idea del libro, e sei stata bravissima.
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  11. Ciao Rosy, bello veramente il rito finale del bruciare i vostri foglietti!
    Da piccole noi a maggio facevamo "l'altarino" sistemando un angolo di mobile o un tavolino con centrini, qualche fiore e qualche immaginetta, di cui facevamo incetta.
    In ogni caso il senso religioso non ha attecchito...

    RispondiElimina
  12. Ciao cara, oggi ho Zucchero, ma ti mando un bacio lo stesso. Dopo la giornata discreta di ieri, adesso il cielo è nero nero..maròòòòò

    RispondiElimina
  13. Ah...i fioretti! Mi viene un po' l'orticaria solo a sentirne il nome: a scuola dalle suore, sai....una gran bella e pesante imposizione e con taaanti...ma taaaaanti...ma così tanti sensi di colpa che qualcuna di noi si sentiva in obbligo di barare e segnarne (avevamo il quadernetto dei fioretti!)anche di inesistenti. CON CONSEGUENTE INGIGANTIRSI DEL SENSO DI COLPA DI CUI SOPRA ...ah...ah...ah!
    Macca
    P.S.: meraviglia delle meraviglie queste tue creazioni-libro-virtuale!!! Mi piacciono un sacco e grazie stramille per quello che mi hai dedicato.

    RispondiElimina
  14. cara Riri, sei sempre molto buona con me.Il mese di maggio, tra fioretti e preghiere è il mese che incontrai Angelo...precisamente il 29 maggio ci fidanzammo..son 44 anni che faccio il fioretto;))
    bacio ciao

    RispondiElimina
  15. Ciao Gattone o micione?
    Dici bene, i fioretti noi non dovevamo farli, anche il cielo secondo me piangeva, per noi.
    Un abbraccio grande a te Ciao.

    RispondiElimina
  16. Alduccio anche tu hai ragione..
    Un caldo abbraccione ciao.

    RispondiElimina
  17. Cara zicin,basta con i fioretti, neppure io li faccio più, ma veramente non li mai fatti.
    Son troppo debole per sottopormi volontariamente a questa "schiavitù"
    Bacione..Evviva l'ascolto che è tornato.

    RispondiElimina
  18. Cara Lina, ma so che questo mese farai un altro fioretto, vedrai che vincerai tu.
    Sempre se non cambi idea...
    In bocca al lupo!
    Bacione

    RispondiElimina
  19. gelati, e allora forse per dare un freno alle bambine si usava fare i fioretti dedicata alla Madonnina che è il suo mese..
    Ogni mese è bello ma maggio e il mese delle rose e della Madre celeste.
    Un bacione ciao

    RispondiElimina
  20. Ciao vania, i ricordi dell'infanzia hanno il sapore delle cose buone e genuine e noi tutti quei sapori antichi li conserviamo come perline delicate e ogni tanto regaliamo al mondo una perlina..tutti facciamo cosi..non ci sono ricordi più belli e puri, anche quelli brutti col tempo diventano i più preziosi e cari.
    Ciao Vania e salutami Roma..bacione.

    RispondiElimina
  21. Si, cara Nina anche a me piaceva il finale, l'odore dell'incenso e il silenzio che regnava nel giardino..forse ogni bambina in quel momento pensava alla sua casa e pregava per le persone care.
    Un bacione Nina..
    Il senso religioso ognuno di noi lo trova a modo suo..
    La religiosità è una parola molto vasta
    Un bacione ciao ninetta

    RispondiElimina
  22. E' vero sandra, a me succedeva con la confessione, mi inventavio i peccati del tipo..ho risposto male all'amica, ho rubato l'arancia sull'albero, ho detto una cattiva parola..tutte cose che mi inventavo..
    La confessione per me era un problema e pensa che ci confessavamo ogni sabato pomeriggio
    ma che peccato potevamo fare in collegio?
    Sono contenta che ti è piaciuto il pensiero. Anche Aldo e vania hanno avuto il mio pensiero.
    ciao

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...