sabato 31 luglio 2010

La canapa


La canapa normalmente cresceva rigogliosa e spesso superava i tre metri. A fine luglio, inizio agosto, con una falce particolare, i lunghi steli della canapa venivano tagliati e posati a terra per l'essicazione delle foglie.
In questo periodo il  collegio  ci dava le   vacanze estive. Nel cortile della nonna in estate  era una cascata di colori, quelli della terra dal pomodoro, ai fagioli, al grano e tante altre cose.  All'epoca  si raccoglieva e si lavorava anche la canapa. Mi piaceva il rito di questo lavoro  della canapa tutto esclusivamente femminile.Il cortile veniva pulito bene bene e si faceva spazio alle macennule che erano tutte di legno 



(Nell'immagine il Museo contadino di San Nicola la strada. La macennula).

con un grosso manico che serviva per la battitura. Le macennule si mettevano in fila con accanto fasci di canapa. Ogni donna si metteva accanto alla sua, tutte si legavano un grosso fazzoletto in testa e quando erano pronte in coro strillavano uno, due e tre via... Quel rumore della canapa che veniva battuta  faceva ta,ta, tatata in tutte le strade del paese era lo stesso suono. Le donne facevano a gara a chi faceva più fasci.  I nonni provvedevano ai nipotini e noi grandicelli non potevamo avvicinarci alle  macennule perchè i  canucci saltavano in alto e potevano anche colpire gli occhi ed erano pericolosi. ( i cannucci sono  il rivestimento legnoso che avvolge la canapa)  Mentre le donne lavoravano cantavano a squarciagola stornelli anche piccanti, che all'epoca non capivo. In tutto questo c'erano anche i neonati, ogni tanto si sentiva il pianto di un neonato, che attirava l'attenzione delle donne  che smettevano di colpo  di lavorare.
Ogni mamma  riconosceva il pianto del suo bambino e correva subito  verso di lui e la scena che il mio cervello fotografava era bellissima. 
La donna tutta sudata correva  sorridendo verso il suo  bambino  slegandosi  dalla testa il grande fazzoletto con il quale,  si asciugava il sudore, quasi a voler essere pulita per il suo bambino,   lasciava il fazzoletto  intorno al collo e con un bel sorriso apriva le braccia al bambino   se lo stringeva  al seno e  sussurrava "bell e mamma u picciril e mamma tene fam e mamma ti da a mangià" mentre parlava  si sbottonava la camicetta, appariva un grosso seno,  le manine del bambino si aggrappavano a quel seno  mentre la boccuccia cercava il capezzolo,  la mamma l' aiutava e finalmente il pianto del bambino si fermava Con la mano libera la donna accarezzava la fronte del bambino mani dure, grosse e non curate ma in quel momento diventavano leggere come piume Osservavo le piccole labbra del bambino
piccoline piccoline, all'inizio erano voraci, poi il bambino si addormentava e la mamma lo solleticava sforandogli le labbra o accarezzandolo  dietro alle orecchie  per svegliarlo e  il bambino riprendeva a succhiare Sulle labbra della mamma  un dolce e velato  sorriso captavo e  mentre, con gli occhi  scrutava il volto del  suo bambino  lo accarezzava dolcemente (chi sa cosa pensava in quel momento, avrei voluto essere in quella mente)  Ai lati della boccuccia del bambino  un rivolo  di latte scendeva, ricordo che lo guardavo e pensavo (che strano colore che ha questo latte non è come quello che beviamo noi grandi).La poppata terminava, la mamma dopo aver accarezzato per l'ennesima volta  il suo  bambino lo affidava alle braccia della nonna
e diceva fa u brav a mamma che mamma addà faticà Se ne andava lei e un altro bambino iniziava a piangere, un'altra mamma correva, la scena era sempre la stessa  e pensai all'epoca,  ma le mamme dicono tutte le stesse parole? Quando diventai mamma mi accorsi che  anche io dicevo le stesse cose ai miei figli,li guardavo, li scrutavo memorizzavo ogni piccola piega del loro visino e  solo allora  capi che la stessa cosa facevano anche  le mamme del mio paese. Già,  ci sono donne intelligenti,preparate ma  il ruolo di mamma e uguale per tutte le donne. 

Il lavoro della canapa durava molti giorni e tutta la giornata non si mangiava...verso le 5 di pomeriggio  si smetteva, le donne contavano il loro lavoro mettevano a posto i fasci di  canapa lavorata, pulivano le macennule si radunavano i cannucci, che  si conservano nei sacchi e si sarebbero usati d'inverno per accendere il camino, si puliva il cortile Dopo con cavalletti e tavole si preparava  un lungo tavolo sul quale si metteva tutto quello che le nonne avevano cucinato nella giornata, gli uomini scendevano in cantina prendevano il vino e su questo enorme tavolo c'era di tutto e si divideva tutto da buon fratelli, anche chi non portava nulla non era un problema, i grandi sapevano chi poteva e chi no e cucinavano anche per loro. Si mangiava in allegria fino ad  arrivare a cantare e c'era sempre qualcuno che sapeva suonare la fisarmonica. Poi tutti a nanna che la mattina dopo si ricominciava.Io mi alzavo presto e correvo da nonna e li restavo tutta la giornata a gustarmi il meraviglioso teatro della vita, un teatro senza quinte tutto era allo scoperto e non c'erano prove, era vita reale e in diretta Sono fiera di aver conosciuto e di essere cresciuta tra  gente genuina.L'ultimo giorno di lavoro si faceva una grande festa che durava tutta la notte tra suoni tarantelle e canti e salario da ritirare il cortile scoppiettava di gioia (Se non sbaglio l'ultimo giorno offriva tutto il capo, ma  non ne sono sicura)







Tu  Donna
 che stringi tra le braccia il tuo bambino
non aver paura del suo pianto, 
guai se quel pianto di bambino si fermasse 
di colpo si fermerebbe la vita
Tu contadino che lavori la terra
e raccogli  i frutti da te seminati
sii felice 
guai se tu non lo facessi
tutto si fermerebbe
Il pianto di un bambino
il raccolto di un contadino
questa  è la continuità.

Scritta nel 68
 quando diventai mamma.



11 commenti:

  1. Cara Rosy, il video finale di Beppe Grillo è il sigillo rosso da applicare a questo tuo post scritto, rigorosamente a mano e con la penna d'oca, su una grandissima
    pergamena.
    Perché le nuove generazioni sappiano.

    RispondiElimina
  2. Carissima Rosy che post! sono immerso su quanto hai scritto.
    Le nuove generazioni ignorano tantissime cose, forse la scuola dovrebbe occuparsi anche di questo.
    Vedo che ti prepari per andare su quell'isola del paradiso, dico paradiso perchè l'isola D'Elba ha dei posti che di sicuro assomigliano al paradiso.
    Lo so che li forse avrai l'occasione di vedere la cara Paola, se avrai l'occasione di incontrarla, me la saluti tanto.
    Un abbraccio augurandoti un buon viaggio.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Bello questo tuo post che ricorda antichi mestieri dimenticati. Per fortuna ora ci sono le macchine (ma solo per la fatica, il contatto umano quello non si può sotituire).
    Però quanta nostalgia mi fai venire dei ricordi che sento spesso snocciolare da mia madre.

    Brava come sempre Rosaria.
    Ti abbraccio e ti auguro un buon viaggio verso la mia amata isola.

    Rosalba

    RispondiElimina
  4. Grazie amici dei vostri bellissimi commenti
    Aldo addirittura una pergamena, semmai di canapa.
    ciao aldo ci sentiamo per i saluti

    tomaso sei eccezzionele ciao

    Rosalba con te ci sentiremo e ci incontreremo.

    Adesso chiudo e passo
    Arri-sentirci dalla Sardegna
    chiavetta internet permettendo

    Baci a tutti
    adesso vi devo lasciare

    RispondiElimina
  5. Ciao Rosy, non sapevo se ci fossi ancora, sono passata e leggo che vai via, allora ti auguro delle bellissime vacanze, visto il posto meraviglioso che visiterai, lo saranno:-)
    Il tuo post è molto interessante, ero completamente a digiuno per quanto riguarda la canapa, diciamo che ho fatto (da ragazzina) qualche nottata per i pomodori, una festa e poi ho visto in Puglia nel cortile di una casa, la lavorazione del tabacco..Penso che un pò i riti si somiglino, nella gioia e condivisione, nonostante la fatica..tenera la poesia e le foto delicate:-) Un bacio ed a risentirci al ritorno:-)o nipotino permettendo (vuol toccare il pc.) dal mare..

    RispondiElimina
  6. Mio Dio che bel post...ho le lacrime agli occhi..I neonati amati, le mamme, Donne-Signore, lavoratrici cantanti,e il sudore...conseguenza sublime della meravigliosa riconoscenza alla vita e alla terra...grazie per le emozioni che mi hai trasmesso e per i bei ricordi che hai voluto condividere...

    RispondiElimina
  7. Da casertano mi preme aggiungere delle note di pregio sulla canapa tessile, ma anche un gran dispiacere nel dover conservare nella memoria un vanto agricolo della Terra di Lavoro, il nome e motto della provincia di Caserta.

    Ricordo gli insegnamenti scolastici di agraria dell'Istituto Geometri di Caserta quando si studiava la cosiddetta "rotazione agraria" che, proprio nelle campagne di Caserta, e particolarmente nella zona di S. Nicola La Strada (di Rosaria), si praticava. Ma per spiegare di che si tratta ne parlo in relazione alla canapa tessile qui a commento.

    I pregi agronomici della canapa tessile erano ben conosciuti dai contadini casertani che la utilizzavano per tenere sotto controllo le erbe infestanti. Dello stesso parere sono oggi i più accreditati esperti della fertilità del suolo: "..la canapa deve essere considerata una coltura da avvicendamento di grande interesse per le sue rese (ove vengano utilizzate varietà ad alta resa come quelle italiane) e per il potere rinettante che, consentendo di evitare l'uso massiccio di 'fumigazioni' o altre tecniche di disinfestazione, riduce il costo delle coltivazioni che con essa vengono avvicendate..". Di qui la comprensione della "rotazione" che prevedeva l'avvicendamento di tre culture, di cui due di grande sfruttamento del terreno ed il terzo di riposo e contemporaneamente di arricchimento del suolo di elementi azotati. Le due culture dei primi anni erano la canapa e il tabacco cui si avvicendava la lupinella e il trifoglio. Occorre sottolineare che il suono della Terra di Lavoro è di una fertilità eccezionale.

    In quest'epoca, dello spauracchio del drammatico impoverimento dei suoli (la cosiddetta "desertificazione”) che ormai interessa la maggior parte delle aree del nostro paese, viene da auspicare un urgente procedere al recupero graduale dei terreni degradati dalla monocoltura.

    A pensare che per secoli l'Italia – con le produzioni del Piemonte, dell'Emilia Romagna, delle Marche e della Campania in prima fila – è stata la maggior produttrice di canapa, e ancora nel primo '900, insieme alla Russia, forniva l'80% del mercato e nel '52 aveva ancora il primato dell'esportazione. I tessuti da noi prodotti erano considerati i migliori. Poi altre culture meno onerose per l'impiego della mano d'opera e più meccanizzate hanno decretato la fine della produzione della canapa tessile. Ma oggi è particolarmente una legge che ostacola la rinascita di questa cultura, la legge antidroga Jervolino-Vassalli perché purtroppo la canapa può servire anche come droga, nota come "Cannabis indica" con proprietà psicoattive e l'altra tessile, la "Canapa sativa" da fibra.

    Il problema sta nella difficoltà degli organismi di controllo di distinguere morfologicamente le due varietà. L'applicazione della normativa antidroga, oltre all'enorme danno economico fatto subire al settore agricolo per non aver fruito dei fondi CEE, ha anche scoraggiato la ricerca che in varie Università italiane stava dando buoni risultati con la selezione delle varietà di canapa denominate Electa Campana, Super Fibra e Fibranova. Il rispetto delle normative vigenti però ha costretto a cedere i semi ai più lungimiranti francesi i quali avrebbero individuato un gene inibitore del principio attivo THC. E così che la maggior parte delle varietà italiane dei semi di canapa si sarebbero perse per sempre con danni incalcolabili al nostro patrimonio genetico. Per più di un decennio i francesi sono stati gli unici produttori di canapa in Europa gestendo, a proprio uso e consumo, tutta la politica comunitaria dei sussidi.

    Comunque c'è speranza che qualcosa avvenga in Italia per rimettere in piedi la produzione della canapa tessile.

    Buon viaggio, Rosaria
    Gaetano

    RispondiElimina
  8. Rosaria, leggo velocemente solo adesso. Blogger non mi aveva dato l'aggiornamento del post!!!

    Rileggerò tutto con la dovuta attenzione. Ci sentiremo quindi per un commento più approfondito.

    Fai buon viaggio...ma sai che ci sentiremo comunque.

    bacioni

    RispondiElimina
  9. Ciao Rosy.
    la mia nonna (1900/1996) mi raccontava dell "marcite" per la canapa e della sua lavorazione.
    Ai suoi tempi lei legava l'ultimo nato ad una sedia rovesciata, tutto bello infagottato nelle fascie e sistemato sotto l'ombra di un albero...e via in campagna a lavorare!
    Quando ero piccola ricordo che non lontano da casa mia c'era un fabbricante di corde: ero affascinata dalla manualità dei lavoranti.
    Tutto scomparso.
    Buone vacanze!!!

    RispondiElimina
  10. ...tutto bello infagottato nelle FASCE e non fascIe!!!
    Ultimamente con le I faccio dei gran pasticci: chiederò ripetizioni ai miei ex alunni :O))

    RispondiElimina
  11. Ciao Rosy, nella mia Isola, come la chiami tu, si coltivava la canapa perché nell'ottocento c'era una fabbrica che produceva carta che era di proprietà della famiglia Doria..poi con l'avvento dell'industrializzazione è andata in rovina perché non si è adeguata. Oggi rimangono solo le rovine e il toponimo del luogo papeira dal francese papier.
    Un abbraccio. Roberta

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...