domenica 24 maggio 2009

Era da maggio


Era de maggio
versi di Salvatore Di Giacomo, musica di Mario Costa (1885)

Era de maggio e te cadéano 'nzino,
a schiocche a schiocche, li ccerase rosse...
Fresca era ll'aria...e tutto lu ciardino
addurava de rose a ciento passe...

Era de maggio, io no, nun mme ne scordo,
na canzone cantávamo a doje voce...
Cchiù tiempo passa e cchiù mme n'allicordo,
fresca era ll'aria e la canzona doce...
E diceva: "Core, core!
core mio, luntano vaje,
tu mme lasse, io conto ll'ore...
chisà quanno turnarraje!"

Rispunnev'io: "Turnarraggio
quanno tornano li rrose...
si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá...

Si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá."
E só' turnato e mo, comm'a na vota,
cantammo 'nzieme lu mutivo antico;
passa lu tiempo e lu munno s'avota,
ma 'ammore vero no, nun vota vico...

De te, bellezza mia, mme 'nnammuraje,
si t'allicuorde, 'nnanz'a la funtana:
Ll'acqua, llá dinto, nun se sécca maje,
e ferita d'ammore nun se sana...

Nun se sana: ca sanata,
si se fosse, gioja mia,
'mmiez'a st'aria 'mbarzamata,
a guardarte io nun starría !
E te dico: "Core, core!
core mio, turnato io só'...
Torna maggio e torna 'ammore:
fa' de me chello che vuó'!

Torna maggio e torna 'ammore:
fa' de me chello che vuó'!"

11 commenti:

  1. Hai ragione cara Rosy.
    Io vorrei aggiungere non solo poesie ma anche arte,
    una buona domenica anche a te cara amica,
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Sono d'accordo con te Rosy, sono proprio poesie, e bellissime!!!
    Ti abbraccio e ti auguro una buona domenica, ciao

    RispondiElimina
  3. Si e vero che c'incontriamo in vari blog, grazie per esserti aggiunta tra i miei sostenitori. Restituendo i soldi a quella ragazza, mi ripresi anche tutti i prodotti perchè non volle andare avanti ed insieme al mio magazzino avevo in casa qualcosa come 7600 euro di prodotti herbalife. Un mio amico, medico sportivo di una scuadra di calcio minore, mi acquistò tutto perchè a loro andavano benissimo e poi erano assunti con il controllo medico; in quella maniera evitai di perdere tanti soldi e potei uscirne alla pari. Non avevo mai sentito questa canzone, mi e piaciuta molto. Grazie ancora, buona domenica e buona vita. Viviana

    24 maggio 2009 12.07

    RispondiElimina
  4. Buona domenica Rosy cara :-)

    RispondiElimina
  5. Rosy, la tua poesia è pubblicata.

    RispondiElimina
  6. Commovente, bellissima.
    Grazie Rosy!!!
    Lara

    RispondiElimina
  7. Era de maggio.....
    Che versi, che modo di usare le parole in maniera così musicale.
    Ultimamente, vedo con enorme piacere, ti stai dedicando al dialetto. Rosy: mi piace. I tuoi post con traduzione in napoletano sarebbero perfetti. Perchè non ci pensi seriamente???
    Tu lo sai che ci faresti tutti contenti?
    Ragazzi.... dico a voi, lettori, amici, siete d'accordo?

    RispondiElimina
  8. Tommaso: a napoli sono tutti artisti
    Un bacio e buon inizio di settimana.

    Punto croce: A te auguro una buona settimana con i tuoi splendidi lavori.Un bacio.


    Stella: tu oramai fai parte del nord da tanto tempo... e nu rest ca e suspirà...un bacio e buona settimana.


    Viviana: grazie e benvenuta nel mio spazio virtuale. Ieri, ho camminato nel tuo e devo dire che è veramente bello, ma sopratutto veritiero.
    Buona vita anche a te e buona settimana.


    Rosy: cara rosy, buona settimana, tra poco le scuole chiuderanno, insegnanti e alunni potete tutti finalmente riposare.Bacio.

    Lara: i classici napoletani sono la mia passione...la canzone napoletana di oggi,è molto cambiata e sono poche le belle...
    bacio e buona settimana.

    janas, la tua è una bella idea...ma scrivere in napoletano è un'impresa molto difficile, dovrei comprarmi il dizionario.
    Parlare della nostra Napoli, sarebbe bello...perchè non lo facciamo insieme?
    Sarebbe una buona idea...che dici?
    Bacio follettina e buona settimana.

    RispondiElimina
  9. D'accordissimo su chillo ca dice
    Janas ma mò che m'avete fatto chiagnere cu "era de maggio" pijateve 'sta listerella de canzuncine ca me sento nu jorno sì e puro chill'appresso. Da Renzo Arbore e l'Orchestra Italiana:
    o sarracino, voce e notte, dicitencello vuje, chella là, te vojo bene assai, malafemmena, luna rossa, canzone marenara, o sole mio,come facette mammeta, aummo aummo, 'o surdato 'nnamorato, reginella, a tazza 'e caffè.
    E per dessert:Mia Martini e Murolo che cantano: Cumme!
    Chist'è Napule!

    RispondiElimina
  10. Aldo, ti ho risposto con un post.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...