martedì 19 maggio 2015

E che d’è ‘stu quatto ‘e Maggio?


'O quatto 'e Maggio
E che d’è ‘stu quatto ‘e Maggio?
E che cos’è questo quattro Maggio?
 Si tratta di un risalente detto napoletano, che prende le mosse dall’usanza di effettuare i traslochi in città il 4 di questo mese. Probabilmente dai tempi dell’Impero Romano, il mese adibito a sfratti e traslochi era un determinato giorno del mese di Agosto, che a Napoli era il 10, per evitare che tutti i giorni dell’anno ci fossero famiglie che giravano per tutta la città, portandosi dietro il carretto contenente le proprietà, al fine di cercare una nuova abitazione. Col tempo questa usanza si perse e la città ripiombò nel caos, finché nel 1587 il viceré don Juan de Zuniga, che ricopriva la carica da circa un anno e aveva il pallino dell’ordine pubblico, fu autore di una norma con cui reintrodusse la giornata dei traslochi: Agosto, essendo un mese caldo, non era l’ideale per correre, salire e scendere per smontare e montare la mobilia, portarla in giro per Napoli, e allora scelse il primo dì  Maggio, dimenticando che era quello in cui ricorreva la festa dei Santi Filippo e Giacomo, molto amati e venerati dai partenopei, e dei quali possiamo ammirare la bellissima chiesa situata nel centro storico. La conseguenza fu che la disposizione non veniva rispettata, perciò nel 1611 don Pedro de Castro la mutò stabilendo che fosse il 4 Maggio il giorno dei traslochi, anche perché coincideva con una delle 3 scadenze annuali del canone di locazione, ‘o pesone (il pigione), insieme al 4 Gennaio e al 4 Settembre. Adesso i Napoletani non avevano più nessuna “scusa” per non osservare la norma, e ‘o quatto ‘ e Maggio divenne per Napoli il giorno dell’ammuina per eccellenza, con tantissime persone intente a ricercare la casa che meglio si confacesse alle proprie esigenze e disponibilità economiche, generalmente scarse e da richiedere lunghe trattative, tanto che ogni volta che c’era chiasso si usava dire che c’era ‘o quatto ‘ Maggio, detto che è sopravvissuto fino ai nostri giorni, seppur caduto un po’ in disuso.

 Tale spiegazione la si può trovare anche in Raffaele Bracale, il quale la affronta parlando della canzone ‘E Quatto ‘e Maggio scritta da Armando Gill e interpretata, tra gli altri, anche da Giacomo Rondinella, e che racconta dello stato d’animo di un salumiere costretto, a malincuore, a cambiare puteca. (Negozio).

=E te pareva.. che i napoletani non dedicassero anche una melodia al 4 maggio?

Grandiosi=! 

Dal Web


2 commenti:

  1. Ciao Rosaria,
    ho letto con vero interesse questa documentatissima e vivace spiegazione del modo di dire napoletano e della sua complessa storia, così intrisa della vita e dello spirito di quella incomparabile città e dei suoi abitanti.
    Complimenti e saluti cari:-)
    Marilena

    RispondiElimina
  2. Cara Rosaria, rieccomi dopo il silenzio causa l'adunata di noi alpini a Aquila le foto la documentano molto bene. Poi è molto interessante questo racconto, di come è la vita e come viene vissuta da voi napoletani. Parlando della bella canzone, io posso affermare che per me Giacomo Rondinella rappresenta la voce che interpreta a perfezione la canzone napoletana.
    Ciao e buona settimana cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...