lunedì 23 aprile 2012

La Storia cambia..

Il 25 aprile è la Festa della Liberazione: uomini e donne di tutte le età sono morti per garantire a noi  diritti democratici dei quali oggi godiamo  ma che uno stato pappone ha riportato l'Italia non alla guerra quella con i fucili e con  le bombe ma ad una guerra ancor più pericolosa che miete  ingiustizie e morti  tra le più peggiori.
Forse ci dobbiamo svegliare tutti   per meglio onorare chi è morto,  per garantire a noi tutti un futuro migliore. Se  l'Italia non si sveglia, vuol dire solo una cosa,  che la maggior parte degli italiani stanno bene.

ONORE AI FRATELLI PARTIGGIANI,  ALLE DONNE E AGLI UOMINI CHE HANNO SAPUTO LOTTARE  E MORIRE PER I PROPRI  IDEALI.
CARI FRATELLI, QUESTA E' LA REALTA' DELLA NOSTRA ITALIA DI OGGI.








 eliminiamoli,  il caro Monti ci sarà grato, lui stesso ha detto che il posto fisso è monotono.


19/ 12/ 96 Riflessione dopo aver visto il film ..(Italiani brava gente).
Morti per la pace.
Ma cosa andavano a fare in mezzo alla neve e al gelo
chissà se volevano o dovevano andare
certo è che a noi sembra così assurdo, così triste
e nessuno di noi sarebbe contento se si vedessero di nuovo
quelle scene di guerra e di morte di 50 anni fà
dopo aver visto uomini morire come birilli
viene subito da pensare che è meglio un solo giorno
in pace che 100 in guerra e che tutto si può accettare
e su tutto si può ragionare tranne che su una morte del genere
Ma cosa volevano conquistare...migliaia di kilometri di neve,
di steppa, di niente, gente semplice, povera che
stava in pace, volevano conquistare il niente
o una cosa talmente grande da rendere impossibile
ogni possibilità di riuscita.
Povera gente contro povera gente che procedeva in mezzo al niente
per conquistare l'assurdo superfluo
Ridimensioniamo la nostra esuberanza e cupidigia
mettiamo la pace nelle controversie dove è possibile
e arrendiamoci ad essa quando sta per sfuggire
perchè un bene così immenso che oggi abbiamo
lo dobbiamo anche alle migliaia di soldati, di uomini
che per niente andarono a morire e che per niente
al mondo forse lo avrebbero rifatto.


11 commenti:

  1. Perfetto Rosy, c'è di tutto in questo post, dalla Resistenza in poi, compreso ironia e politica.
    Un abbraccione,
    aldo.

    RispondiElimina
  2. Quanto bello sarebbe cara Rosy!!!
    c è un vecchio detto! che dal dire! al fare! c è in mezzo il mare...
    Povera Italia... Cioè poveri gli italiani, ciao cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. La nave Enrico Ievoli, con sei italiani a bordo, è stata liberata.
    Restano solo più 59 milioni di italiani da liberare, prigionieri di una casta dura a morire.
    (Vorrei postare le tue bellissime immagini da me il 25 aprile, sempre che riesca a prelevarle: posso?).
    Ciao.

    RispondiElimina
  4. Certo gattonero che puoi sono tutte tue.

    Una casta dura a morire.
    Dici bene.

    Il 25 aprile questi assassini sfileranno onorando la memoria dei caduti..ipocriti.Sfileranno le parole più belle..ma non fanno più effetto.. non li sopporto più.

    Ciao.

    RispondiElimina
  5. Sono d'accordo con Aldone! Un post giustamente graffiante che dovrebbe far riflettere.

    Sono d'accordo con te: la maggior parte degli italiani sta bene, altrimenti si darebbero da fare per modificare lo stato delle cose.

    Onore agli uomini e alle donne del passato recente che hanno sacrificato la propria vita per garantire a noi quegli ideali democratici, oggi tristemente traditi.

    Un abbraccio.
    Annarita

    RispondiElimina
  6. Alduccio, grazie, ma il momento è amaro.
    La vita è una corsa verso il possesso e gli ideali pare che so spariti, siamo un popolo senza sogni.
    Ti abbraccio.

    Tomaso..tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare..e hai ragione..ma navighiamo in un mare di melma e forse ci sta anche bene?
    Vedo che ti sei ripreso, mi fa piacere.
    Ciao


    Annarita mia, gli ideali pare che li abbiamo smarriti, i sogni anche quelli son spariti Stiamo vivendo davvero momenti tragici e ancora non finisce qui..la ripresa non ci sarà mai e poi mai..
    Quando la politica si ritira e da la responsabilità ad un governo tecnico, questo la dice lunga.

    Il 25 si festeggerà la liberazione..
    Mi è venuto in mente che ho una poesia forse è il caso che la pubblichi in questo post.

    Un abbraccione a te.

    RispondiElimina
  7. Cara Rosy .
    Sotto il Fascismo non c'era nessuna libertà , c'erano solo sogni .Ora che c'è la libertà di parola ma ci hanno rubato anche i sogni .Poveri noi . Ciao Lina

    RispondiElimina
  8. Cara Rosy, quanti italiani sono ancora da liberare!
    Condivido quanto scritto da Gattonero.

    E tu sei stata favolosa.
    Grazie e un bacione,
    Lara

    RispondiElimina
  9. Cara Rosellina, anch'io come l'amica Lara condivido il pensiero del Gatto Nero, siamo un popolo che dorme, forse non siamo ancora alla fame, anche se per moltissimi non è così..Buon 25 aprile, nonostante tutto nonostante gli italiani!Baci

    RispondiElimina
  10. Ciao Rosy, tu sei la cosciemza viva degli italiani! É un post bellissimo. Buon 25 aprile per tutti voi!
    Baci

    RispondiElimina
  11. Baci, qui cielo grigio su..foglie gialle giù..sognando California:-)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...