mercoledì 1 febbraio 2012

Aspetto.

Aspetto mio figlio che torna, è uscito questa mattina per andare in ufficio.
Oggi pomeriggio mi arriva una sua mail dove mi  dice che non torna per cena.

Mi prefiggo sempre di non aspettarlo, indosso il pigiama ma poi resto qui ad aspettarlo.
Non si può andare a letto senza rivederlo.
Non sono mai riuscita ad andare a letto e dormire sapendo che i miei ragazzi dovevano  ancora rientrare.
Oggi ho il pc e gli scacchi  che mi fanno compagnia
Lucariello mio fai sempre tardi la sera e io appresso a te.
Prima con i tuoi fratelli e ora con te.
La lampada che vedete è da anni che mi fa compagnia, aspettiamo insieme, la lampada si spegne quando la famiglia è al completo e ognuno sta nei propri letti.
I condomini e chi ci conosce sanno che fino a quando questa lampada è accesa la famiglia Panucci non è ancora al  completo

L'estate scorsa incontrai un amico del mio primo figlio anche lui quarantenne e abbracciandomi mi disse.
L'altra sera sono passato sotto casa vostra è ho guardato su e ho visto  la lampada accesa e ho detto a mia moglie ..la famiglia Panucci non è ancora al completo..
Spiegai a mia moglie la faccenda della lampada accesa., che non sapeva.
Ma devo dire la verità i primi due figli uscivano solo il sabato, tutta la settimana dovevano studiare e alle dieci già stavano a casa , poi il sabato si faceva mattina e molte volte mentre aspettavo mi preparavo il pranzo della domenica.
Ma lucariello ha superato i fratelli e poi la mattina per svegliarsi che mi fa passare se sono le otto dico che sono le otto e mezza, insomma di mattina vado sempre mezz'ora avanti.
 Buonanotte e dormite voi che potete.

27 commenti:

  1. Rosy cara, con la scena che la mattina vai a svegliare Lucariello mi hai fatto tornare in mente quella di "Natale in casa Cupiello" quando la madre va a svegliare il figlio col caffè in mano chiamandolo più volte "Lucarie', Lucarie'...".
    Un vero spasso.
    Per te no, con la tua lampada accesa
    Un abbraccione,
    aldo.

    RispondiElimina
  2. Cara Rosy è molto triste leggere questa tua inquietudine, lo so le mamme non riescono addormentarsi quando si sentono serene e tranquille, io direi di provare a pensare che il tuo caro figlio se non abitassi da te cosa faresti?
    Lo so che è una domanda strana io spero che tu mi capisca cosa intendo dire, ciao e buona giornata amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Cara, col mio Davide era così, andavo a letto, ma finchè non arrivava leggevo, grazie a lui mi sono acculturata:-))Lro non lo sanno he c'è qualcuno che li aspetta, sono giovani e devono viversi la loro vita..ma la lampada accesa è tropo forte, i vicini, da un dettaglio, possono dire tutto di e, succede anche qui..baci e buona giornata.
    ps.brrrrr chefreddochefa!!!-7

    RispondiElimina
  4. Cara rosy Buon giorno .
    Mi sa che a Lucariello lo stai viziando un po troppo . In fondo ha quasi trent'anni. Non trattarlo come un banboccione:-)quello finisce che trovandosi troppo bene con i genitore non lo vedrai mai sposato! . Come si dice? nel dire e il fare c'è di mezzo il mare . Scherzavo ; anch'io ero come te . .
    CIAO A PRESTO LINA

    RispondiElimina
  5. ciao Rosy,
    quando mio figlio Mario, ancora al liceo, era in casa e la sera usciva , io cercavo di andare a letto presto e di addormentarmi prima del suo rientro.
    Pensi che fossi particolarmente serena o spensierata? tutt'altro: è che cercavo di evitare che l'ansia per un suo possibile ritardo mi divorasse, facendomi immaginare catastrofi.
    Se non riuscivo a dormire e lui tardava, arrivavo a fare cose estreme, come telefonare alle due di notte a casa del suo professore preferito(con il quale mi aveva detto che si sarebbe visto) svegliando lui, la moglie e forse anche i loro vicini...
    Ora, da un po' di tempo è rientrata in casa - provvisoriamente - mia figlia Giulia. Il meccanismo dell'ansia è lì in agguato benché per anni, quando abitava per conto suo, se ne sia stato tranquillo.
    Perciò, quando adesso esce la sera, le raccomando solo di coprirsi che fa freddo e poi vado a letto un po' più presto del solito.
    cuori di mamme!

    RispondiElimina
  6. Eh, sì, è il destino di tutte le mamme! Anch'io ho un figlio di trent'anni che vive ancora con noi e se mi accorgo che ad una certa ora non è rientrato sto in ansia.
    Però ha ragione Tomaso...

    RispondiElimina
  7. Solo un abbraccio, ti capisco, come padre. Una buona serata a te e famiglia.

    RispondiElimina
  8. le mamme sono sempre mamme. ti abbraccio

    RispondiElimina
  9. Per fortuna, Stefano è sempre impegnato con lo studio ed esce soltanto il sabato o la domenica. Se mi dà un orario per il rientro, in genere, lo rispetta oppure mi manda un sms per avvertirmi che ritarderà. La femminuccia è invece troppo piccola per le uscite serali!

    Anch'io, comunque, lo aspetto sveglia perché non riuscirei ad andare a letto sapendolo fuori...

    Un abbraccio.
    Annarita

    RispondiElimina
  10. Ciao Rosy, ti capisco molto bene. I miei figli non vivono giá con noi.Ma quando erano ancora a casa non potevo dormire neanch'io finché la famiglia non era al completo. Laura si é sfogata alla grande negli anni di prima il matrimonio:)). Zoli peró ora vive una vita che meglio non vedere da troppo vicino (abita e lavora a Budapest da quando ha finito l'universitá cioé da 6-7 anni).
    É importante sapere che stanno bene e di tanto in tanto ci visitano:)).
    Baci cara e buon riposo

    RispondiElimina
  11. Eccomi per il risveglio!!Qui continua ad imperversare il maltempo, ma ci prendiamo quello che viene ed usciamo lo stesso. Un abbraccio dormigliona
    :-))

    RispondiElimina
  12. Ognuno con i propri sistemi,e dobbiamo inventarcene di cose,co sti figli!
    Col mio abbiamo trovato un accordo:dice che per il su lavoro preferisce la notte,meno distrazioni(fa il programmatore).
    Così,dopo cena mi lascia,io mi organizzo,un po di tv un po di pc,un po di lettura.Ogni tanto scende,gli preparo sempre una tisana,prima di andare a dormire.Poi non lo sento e non lo vedo fino almeno alle 10 del giorno dopo.
    Finchè dura...

    RispondiElimina
  13. ciao Rosy, qui continua il freddo (ora meno di -10) e promettono grande neve per il fine settimana. Io adoro vedere la neve ma solo dalla finestra:)). L'inverno con il freddo e con le strade scivolose non é la mia stagione preferita.
    Buona notte cara con la lampadina spenta

    RispondiElimina
  14. ROSY CARA .
    E vero , oggi sono ci siamo viste e ne sentite neppure per telefono . Siamo rimasti in Panne con la macchina io e tuo fratello e non ti dico ....Domani vengo da te per il solito caffè e ti racconto tutto . Ora vado a letto .Buona notte anche a te . A presto Lina

    RispondiElimina
  15. Alduccio, Lucariello era così tranquillo da piccolo, non voleva uscire mai...sta facendo gli arretrati.
    Mi riempie la casa di amici, questo mi piace anche perchè sono tutti bravi pirati.
    Il loro complessino si chiama la ciurma e tra loro si chiamano mozzo, ammiraglio e Lucariello è il capitano e io sono la mamma del capitano per loro.
    Ma è più giusto dire che sono la cuoca della ciurma.

    Ma in fondo sono contenta di Lucariello mio, ha ragione quando mi dice...mamma, se non ci fossi io con voi mi sai dire cosa fareste tu e papà...lo guardo e seriamente gli dico...prima di tutto non laverei tanto e non cucinerei tanto...ma visto che tu sei il capitano e io la cuoca dell'equipaggio sono felice di cucinare per voi.

    Buona giornata alduccio...Un bacione ciao

    E' arrivata la neve a Roma?

    RispondiElimina
  16. Caro Tomaso, hai ragione, ma certamente quando i figli si sposano la cosa cambia , ho due figli sposati e la prassi la conosco si sta sempre in'ansia ma un'ansia più tranquilla.
    Quando il mio Lucariello deciderà di sposarsi certamente l'ansia si mitigherà
    Ti abbraccio ciao

    RispondiElimina
  17. Riri cara, allora vedi che noi mamme siamo tutte uguali?
    L'esagerata non sono io siamo tutte esagerate noi mamme.
    -7?! come fate a resistere? Il nemico è il freddo lo odio, ma passerà, siamo a febbraio e il mese prossimo vedremo i primi fiorellini che dolcemente e timidamente
    si spargeranno tra i campi.

    Un bacio e buona giornata.

    RispondiElimina
  18. Lina cara, Non sto viziando Luca e che sto facendo con lui le stesse cose che ho fatto ai fratelli.
    Poi, se lo sto viziamndo in pochetto di più e anche giusto è il piccolo della famiglia arrivato dopo dodici anni dall'ultima gravidanza e portò e la sua nascita portò nella famiglia tanta gioia a noi genitori e ai fratelli.

    Un bacio ciao Lina

    RispondiElimina
  19. Nina cara, l'ansia dei genitori è tanta anche per i tempi che corrono ne sentiamo tante...
    Anche io con il ritardo mi faccio tanti film in testa e certe volte l'ansia e così tanta che chiamo Luca per sapere se sta bene e mi manda a quel paese,, in modo arbato ma mi ci manda, in cambio so che sta bene e così i film dalla testa mi scompaiano.
    L'ansia dei genitori passa solo apparentamente è sempre in agguato lo confermi tu parlando della tua Giulia.
    Un bacione e buona giornata.

    RispondiElimina
  20. Cara Lellina, Tomaso ha ragione ma gli uomini sono diversi...mio marito dorme beatamente mentre io sto qui che aspetto i nostri figli...beato lui che ci riesce.

    Un bacio e buona giornata.

    RispondiElimina
  21. Nicola ricambio il tuo abbraccio.
    Grazie di aver capito.
    Buona giornata bacio.

    RispondiElimina
  22. Alessandralace..un abbraccio e buona giornata e grazie del tuo passaggio.

    RispondiElimina
  23. nnarita cara, Davide e Laura anche loro si son comportati come il tuo Stefano, erano anche loro impegnati nello studio e devo dire che tranne il sabato sera i primi due in confronto a Lucariello erano patatofolai.

    Ma questo Luca che come sai lavora e lavora da che aveva 19 anni dopo dopo la maturità scientifica, poi ci fiu l'incontro con Giancarlo e decisi di Lavorare e non andare all'università cosa che mi diede dolore all'epoca e ancora adesso se ci penso.

    Ho detto questo per dire che il lavoro gli ha dato immediatamente l'indipendenza econimica, cosa che i fratelli non avevano da studenti e questa indipendenza economica ha fattio di lui un draculino come lo chiamo io.
    Il giorno sempre chiuso in ufficio e la notte vive, come farà non lo so e poi la mattina è mezzo rimbambito, ma si riprende subito, sempre con ritardo arriva in ufficio ma facendo un lavoro indipendente se lo può anche permettere di fare ritardo.

    Annarita anche tu stai in pensiero allora è un fatto comune a tutte le mamme Evviva le mamme!

    Ti abbraccio e buona giornata.

    RispondiElimina
  24. Cara Caterina, Evviva che mi capisci.
    A quando vedo scopro che noi mamme appresso a questi figli dormiamo molto poco di notte.

    Laura ha fatto bene che si è sfogata prima anche se questo suo sfogo portava a te stare sveglia.

    laura abitando a Budapest con il marito ha trovato la sua calma

    Zoli di meno...evitiamo di guardare la sua vita da vicino...come si dice..occhi che non vedono, cuore non duole.
    Ti abbraccio ciao

    RispondiElimina
  25. Cara chicchina, questi programmatori hanno tutti le stesse abitudini a quando apprendo.
    Questi figli che stanno ancora con noi, dobbiamo ringraziarli come mi dice il mio Lucariello, senza di loro la casa sarebbe più vuota.

    Giusto la chiusura del tuo commento
    Finchè dura...

    Teniamo duro...

    Bacione ciao e buona giornata.

    RispondiElimina
  26. Lina, mi dispiace che siete rimasti in panne, ma forse forse è venuto il momento di cambiarla macchina? Tu che dici?

    Ti aspetto per il caffè
    Bacione ciao.

    RispondiElimina
  27. Ieri sera sono andata a letto alle dieci, Luca non è uscito
    Mi sono fatta una bella dormita.
    Grazie a tutti cari amici
    Adesso verrò a portarvi il buongiorno.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...