mercoledì 2 marzo 2011

Tutta una vita ho detto...

...che mi sarebbe piaciuto vivere a Roma
adesso e come se ci vivessi.
Questa piccola pensione di 6 stanze
e dove sosto quando vado a Roma.
Quando entro e come se entrassi a casa mia.
La signora G, che si vede nel video
ci ha preso in simpatia e ogni volta ci da sempre
la solita stanza che è quella color salmone, l'ultima del video.
Questa è l'unica stanza più grande e  affaccia direttamente sul terrazzo.




Ma qui ci ritornerò per un fine settimana, quando tutto sarà finito
e mi devo godere tre giorni Roma come dico io.
Già e tutto progettato, sul terrazzo faremo una bella cena, con i cugini di mio genero che son romani, con due amiche romane, la mia consuocera,forse anche Laura con famiglia
Poi vedremo.
Se ne sono andati tanti soldi,che ho perso il conto
Bhe, ne voglio spendere altri ma per divertimento.
Visto che l'uomo propone e Dio dispone.
Ti prego mio Dio cerca di disporre a modo mio,
 una volta tanto fai uno sforzo.

Vi abbraccio tutti e grazie, sempre amiche e amici.

ps Se vedete che sono un poco assente nei vostri abbaini, non prendetela a male
e solo che dopo la punturina si è formata una bolla d'aria  nell'occhio
che più che impedirmi a scrivere mi rende nervosa perchè
 è sempre qui che mi danza davanti agli occhi.
Ci sono giorni che il dolore ha di bisogno di essere  stonato, stordito
da una sbornia di allegria. Oggi io canto

Canta che ti passa! ma si ma va  cantiamo anche  gli stornelli.
Allegria!!

Questa mattina niente cuore poetico, niente di niente, voglio camminare e cantare a bassa quota. Ogni tanto anche questo ci vuole.
 E gli stornelli anche loro raccontano la vita, non in modo poetico ma stamattina voglio cantare cosi a squarciagola!

************
Un bel copia e incolla dalla rete.


Fior de cicuta
La rapa, la cucuzza e la carota
Fanno i colori dell’Itaja unita.


Gli stornelli romaneschi sono sempre stati considerati come un aspetto semplicemente "pittoresco" e "popolare" della vita quotidiana romana senza un vero valore artistico e culturale, perché troppo legati alla passione e alla violenza di una vita dominata dalla miseria e dall’ignoranza.
Eppure gli stornelli romani, sempre nati dall’improvvisazione e dall’estro del momento, traevano la loro forza proprio dal fatto di essere così autentici e genuini, sia quando venivano cantati dalle popolane come "sfottò" da balcone a balcone, sia quando assumevano gli accenti drammatici dei carcerati di Regina Coeli. Lo stornello romano di solito breve e immediato e rivolto ad un esiguo pubblico, viene poi ripreso e tramandato dai cantori di strada, dai carrettieri o venditori, da autentici aedi ciechi come Omero, i cosiddetti Pasquali.
La loro genuinità rimase intatta almeno fino alla fine dell’ 800, finché cioè vari studiosi non cominciarono a ricercarli e a trascriverli, tradendone in qualche modo, per motivi commerciali, lo spirito originale.

24 commenti:

  1. Buon divertimento a Roma cara Rosy, continua così che sei stupenda.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Visto e considerato che ritornacce nun'è peccato Roma nun vede l'ora de rivede' 'sta bella signora.

    RispondiElimina
  3. Tomaso oggi voglio divertirmi e cosi non penso a nulla.
    Bacio.

    RispondiElimina
  4. A monticià ci ritorno, eccome che ci ritorno. Chiudiamo prima questa parentesi... e quello che non sai tu che la sera della cena su quel terrazzo tu sarai accanto a me.
    Ti verremo a prendere e ti accompagneremo.
    Qui lo dico e qui non lo nego.
    Oramai alla pensione tutti sanno di questa cena e si è prenotata anche Luba chi è Luba?
    Luba e la signora che fa le pulizie ha detto che ci vuole stare anche lei le ho detto di si.
    Devi sapere che Luba viene mezz'ora prima in albergo per me sa che mi devo alzare presto e cosi mi prepara il caffè che già sa che deve essere doppio.
    E dunque merita.

    Bacione. ciao

    RispondiElimina
  5. Anvedi...
    a Rosà, ma lo sai che pure a me Roma me piace da 'mpazzì!!!
    E' nà favola, è magica, te stordisce co' la bellezza sua, e te fà sognà...
    Canta Rosà, canta, e nel frattempo eccoti un mio abbraccio, tutto pè tte!!
    Un bacio dalla follettina tua

    RispondiElimina
  6. Cara Rosy,
    sei mitica!!!
    Sai che mi sei mancata un pò e ti ho pensata in quel di Roma???
    Simpatica la tua pensione.
    Rosy, che ne dici...cantiamo un pò insieme???
    Sappi però... che io sono stonata come una campana, ma canto lo stesso perchè mi piace cantare.
    Allora facciamo così...cantiamo una canzone semplice che stono di meno.
    Un bacio

    RispondiElimina
  7. Ciao Rosy, ti tratti bene... e se anche oggi sei in vena di scherzi..sei la benvenuta e non sei la sola.Allora cantiamo, ma anch'io sono stonato come l'amica Zicin, se ti accontenti.
    Un abbraccio e buona serata, oggi giornata tranquilla.

    RispondiElimina
  8. CIAOOO ROSY.
    Queta canzone me lo sentita molte volte . anche a tuo fratello gli ha fatto piacere risentirla .
    Mette davvero un pò di buon umore ... Ciao a domani.. verrò da te x il solito caffè . Ormai e diventato una dolce abitudine .
    BUONA SERATA UN BACIO LINA

    RispondiElimina
  9. Ciao cara,bentornata! Mi piace molto cantare in coro:)). Ho una vocina soprana, che ne dici?
    Grazie per il tuo commento nel mio blog!!!!Sei una donna tutto cuore.
    Baci e buona notte

    RispondiElimina
  10. Rosaria, come ti capisco. Roma è Roma. Punto!

    Ci sono stata diverse volte negli anni passati e sempre mi sono lasciata catturare dal suo fascino malandrino!

    Fai bene a volerci ritornare per un fine settimana, a tempo debito. E fai bene a voler cantare "a bassa quota", stornellando...

    Bacione.

    RispondiElimina
  11. Cara Rosellina, mi unisco al coro dei tuoi/nostri amici e canto gli stornelli, sono un po' stonata, ma mi perdonerai:-) Roma è stata per me una città dalle mille sfumature, vi ho trascorso giorni interi per un concorso, domeniche intere allo stadio per il Napoli, quando giocava in trasferta, momenti memorabili..Vorrei esserci:-) Il tuo hotel è molto bello.
    Adesso accomodati con chi vuoi e porta pure chi ti aggrada, il rito del caffè puo' iniziare:-)Baci

    RispondiElimina
  12. Follettina Roma è fantastica! Lo sarebbe ancora di più se non fosse "Roma Capoccia" Capisci a me...
    Un bacione alla mia follettina.

    RispondiElimina
  13. cizin anch'io sono stonata, stonatissima ma mi piace cantare.
    Quando ero una giovane mamma rispondevo
    spesso ai perchè dei ragazzi con una canzone da grandi mi fecero togliere il vizio.
    Ma ogni tanto ci ricado.
    Bacione ciao

    RispondiElimina
  14. Nicola, siamo in tre a stonare
    io peggio di una campana a detta di altri ma io son convinta di cantare bene e mi piace tanto.
    Un abbraccio a te e buona giornata

    RispondiElimina
  15. Lina ti aspetto. ciao a tra poco.

    RispondiElimina
  16. Caterina finalmente una che sa cantare
    beata te sarebbe bello ascoltarti
    un bel video con la tua vocina da soprano sarebbe delizioso.
    Buongiorno a te cara Caterina.
    Bacio ciao.

    RispondiElimina
  17. Annarita dici bene Roma è Roma Punto!
    Contenta che anche a te Roma ti affascina a me mi trasporta in un altro mondo dove posi gli occhi sei affascinata.

    Ci ritornerò a tempo debito per godermi tanta bellezza.
    Voglio camminare tra le sue strade tra il moderno e l'antico.
    E ascoltare quel suo romanesco che tanto mi piace.

    Bacione ciao

    RispondiElimina
  18. Cara riri, vedo che Roma piace a tutti
    lei ti ruba il cuore è fantastica!
    Poi i romani sono cosi aperti, cordiali
    e simpatici.
    Vieni anche tu per la cena a Roma prendi l'aereo dormi nella nostra stanza dove ci sono tre lettini e anche il divanetto.
    Bacione ciao.

    RispondiElimina
  19. Buon dì Rosy,
    non sai come son contenta per te.
    Bene, benissimo.
    Il tempo fa ancora i capricci, ma pare che fra qualche giorno dovrebbe migliorare... e questo grigiore finalmente andrà via.
    Ho voglia di colore e di allegria e con te sto in ottima compagnia...
    Scusa le rime, ma scrivo in armonia con la tua gran simpatia.
    Un bacio

    RispondiElimina
  20. Cizin
    Anche la mia Simpatia per te
    è in armonia
    con la tua simpatia
    Scusa se rispondo in rima
    ma loro son la mia malattia...
    rosy

    RispondiElimina
  21. ROSY.
    Domani come sai 4 marzo è il mio compleanno .Stò portando l'invito a tutti .Tu che che sei mia cognata non ci vuole l'invito . Dopo messo a posto la cucina vengo da te , così mi aiuti come fai sempre a trovare( in rete ) le torte lo spumante ed altro come hai sempre ... tu hai molto più fantasia di me!
    Allora ... a dopo . Ciao Lina

    RispondiElimina
  22. Ti aspetto Lina a tra poco.
    ciao

    RispondiElimina
  23. Ciao Rosy, la tua Roma é mitica e allegra, mi incanta. Ci sono stata 4-5 volte. I miei ricordi piú vivi sono i seguenti:)): pollo arrosto mangiato al sacco nella vicinanza del Colosseo. Un'amica che mi ha mostrato il "buco di Roma". Pranzo e chiacchiere in una casa proprio accanto alla ferrovia di una famiglia molto dolce (loro figlio era in coma nell'ospedale della mia cittá poi si é guarito per fortuna). La Basilica di San Pietro in cui potrebbe entrare almeno due volte la basilica piú grande di Ungheria (é segnato sul pavimento). Le suore di un convento che sorridevano quando abbiamo cambiato i pantalloni corti in quelli lunghi (in gran caldo) per non scandalizzare i romani. Un grande mercato vivacissimo, non me ne ricordo il nome.Un grandissimo gelato nella vicinanza della stadione olimpica. Pinocchi raccolti e portati a casa ( a scuola ne ho dato ai ragazzi che studiavano bene. Insegnavo allora in una scuola media superiore di agricoltura.C'era un ragazzo che aveva voti malissimi. Voleva anche lui seminarne e coltivarli. Gliene ho dato. Anni dopo mi ha mandato una foto sul suo alberino:)).
    Scusami se ti stanco con le mie storielle.
    Un caro saluto e baci

    RispondiElimina
  24. Caterina non mi stanchi anzi l'incontrario.
    Ascoltare storie è bello, specie se questi sono i racconti della vita.
    Mi è sempre piaciuto raccogliere le sfumature di quasto grande racconto dell'umanità e da questi blog ne sentiamo tanti e tutti ci comunicano qualcosa.
    I tuoi ricordi su Roma sono cosi vivi in te e questo dimostra quanto siamo legati ai ricordi che poi sono la somma della nostra vita.
    Il ragazzo è stato davvero gentile
    a ricordarsi dell'alberino e mandarti la foto, a ricordo di quel momento.
    I voti malissimi si prendono perchè alcune cose non si afferrano, ma in umanità e riconoscenza questo ragazzo merita il massimo del voto.

    Ti abbraccio e grazie per aver condiviso e mi fai sempre contenta
    racconta che i racconti sono la mia passione.
    Ti abbraccio ciao

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...