giovedì 3 giugno 2010

La nuova Edimburgo


La nuova Edimburgo
Ai primi del Settecento Edimburgo mantiene ancora il suo carattere di città mediavale.In seguito all'atto di Unione del 1707, che unifica politicamente ed economicamente la Scozia all'Inghilterra, la città al di là della perdita di importanti direzione funzionali, vive un periodo di vivace ripresa culturale ed economica.


 Edimburgo veduta aerea



Ai primi del Settecento l'amministrazione locale si occupa sopratutto dell'edificazioni di alcuni edifici pubblici già esistenti, mentre verso la metà del secolo inizia un'espansione verso sud a opera sopratutto dell'aristocrazia con l'apertura di alcuni -squares- sul modello delle piazze di Londra.
Nel frattempo si incomincia a pensare a un'espansione della città verso nord, dove molti terreni erano pubblici. Il concorso indetto per la pianificazione di questa zona, viene vinto da James Graig, che sarà l'artefice della nuova Edimburgo Il piano di Graig comprende un vasto quartiere residenziale organizzato su un'asse centrale, George Street, chiuso all'estremità da due piazze e affiancato da due arterie principali, Princess Street, e Queen Street

Princess Street   (foto d'epoca)
L'intervento, più che un nuovo quartiere, dà vita a una nuova città che si pone in netto contrasto alla struttura stretta e compatta del vicino tessuto medievale, grazie all'ideazione di larghe strade e grandi piazze, con isolati aperti e numerose aree verdi.
Il consiglio della città nel 1791, chiama Robert Adam, per l'ideazione delle architetture che si affacciano su Charlotte Square, da ottenere un progetto unitario.L'architetto realizza una sistemazione omogenea degli edifici impostati secondo il modo palladiano monumentali su  tre piani. Man mano che si presentano le occasioni la città nuova prosegue nella sua crescita.Verso la fine del secolo, il prolungamento di Princess Street crea un collegamento verso la collina di Calton, uno dei più suggestivi punti panoramici della città. Sull'altura sorgono nuovi edifici monumentali liberamenti disposti. Secondo un progetto iniziale la collina doveva ospitare Il National Monument,
una sorta di acropoli neoclassica copia del Partenone di Atene, eretto in memoria di coloro che erano morti  nella guerra napoleoniche, Iniziato nel 1822, il progetto non sarà mai portato a termine a causa della mancanza di fondi, riducendosi a un frammento classico isolato.
Calton Hill diviene quindi un parco paesaggistico suburbano disseminato da diversi monumenti quali il Vecchio e il Nuovo Osservatorio, il monumento di Nelson e la Royal High School.


Lo sviluppo urbanistico settecentesco e ottocentesco di Edimburgo è il risultato di una vera e propria divisione di classe,  tipico esempio della consapevole affermazione di ruolo di classe dominante da parte  dell'aristocrazia e della borghesia scozzesi.
In questo nuovo tessuto urbano, le strutture più recenti dominano sulle vecchie di un centro ormai declassato e impoverito, dove, a fronte di un patrimonio edilizio costante (l'edificazione delle prime case operaie risale al 1851), la popolazione raddoppia conducendo inevitabilmente al degrado delle già arretrate condizioni  dell'antico tessuto medievale.




Edimburgo (in inglese Edinburgh, in gaelico scozzese Dùn Èideann), chiamata dagli Scozzesi anche Edìnbra, è una città (463.000 abitanti) del Regno Unito, capitale della Scozia dal 1437 e sede del Parlamento dal 1999. La città è situata sulla costa orientale della Scozia e sulla riva meridionale del Firth of Forth, a circa 70 km ad est di Glasgow.
La città sorge su di una serie di colline e a chiunque la veda per la prima volta, appare talmente bella che si è guadagnata nel tempo l'appellativo di Atene del Nord. Le parti storiche della città (Old e New Town) nel 1995 sono state dichiarate Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO.
Dopo Londra, la capitale scozzese è la città più visitata della Gran Bretagna con circa 2 milioni di turisti l'anno e a questo successo contribuisce anche il Festival di Edimburgo, che si tiene ogni anno ed è accompagnato da numerose manifestazioni collaterali.



*****
Stop
Carissimi amici miei, vi avverto che  sono riuscita con fatica a postare. Il mio pc si è un poco stancato,(poverino) ha bisogno di essere ripreso da mani esperte.(Poi, ci penso io scassarlo di nuovo) Con questo post vi saluto, e speriamo di rileggerci MOOLTO presto.Nell'attesa, leggete con comodo, sempre se vi fa piacere. Un caro abbraccio a tutti da Rosaria (chissà se vi mancherò, come voi mancherete a me) 

18 commenti:

  1. Grazie di avermi permesso di conosc ere in anteprima questa città !Mia figlia andrà in settembre con la scuola .Mi sembra molto bella e vivibile !Un bacio Sandra

    RispondiElimina
  2. Ho dei parenti che vi abitano, mio marito ci ha vissuto per due anni...mi dice spesso che gli manca, chissà forse un giorno ci andrò.
    Ciao Rosy un abbraccio, Roberta.

    RispondiElimina
  3. Anzitutto il saluto che ti rivolgo è un arrivederci a presto, anzi prestissimo, appena il tuo pc sarà "restaurato"! Già so che ci mancherai!
    Poi, che dire su Edimburgo?
    Ci sono stata la scorsa estate e ho dei ricordi molto belli.
    Grazie per questo omaggio che hai fatto alla città: se lo merita tutto!
    Un grosso bacio da parte mia.
    E a presto!

    RispondiElimina
  4. Posso dire di esserci stato dopo aver letto il tuo post così dettagliato. Mi stavo meravigliando all'inizio perché non vedevo lo scozzese classico col gonnellino - che ha un suo nome preciso, mi sembra kilt - e con la cornamusa. Ma dopo l'ho trovato insieme alla musica.
    Sbrigati a tornare e di' al tuo pasquale che la finisca e che metta la testa a posto.

    RispondiElimina
  5. Rosy altro tuo interessante post, entrare qui da te è un po' come viaggiare.
    Edimburgo è una città molto bella e ricca di storia. Mi piacerebbe visitarla. Spero più avanti nel tempo di riuscire a vedere tutte le città meravigliose che proponi nei tuoi post.

    Un bacione grande grande

    RispondiElimina
  6. Cara Rosaria, ho visitato Edimburgo circa 7 anni fa. E' una città magica, e tu ne hai saputo rendere tutto il fascino.

    Mi è sembrato quasi di riviverne l'atmosfera.

    Brava.

    Un abbraccio.
    annarita

    RispondiElimina
  7. Ho visitato tante citta Europee e Edinburgo mi manca all'appello, virtualmente mi hai dato il piacere di conoscere un pochino di piu questa città. Quando torni batti un colpo che già mi manchi.
    Bacione, Viviana

    RispondiElimina
  8. Cara Sandra, allora, buon viaggio e buon divertimento a tua figlia
    Anche io grazie a questi post sto girando per le capitali.
    Un bacio
    ciao A presto.

    RispondiElimina
  9. Cara Roberta, allora ci devi andare
    primo, per accontentare tuo marito e secondo per te dicono che è bellissima.
    Io per il momento mi accontento di visitarle da questa bellissima finestra di internet, sperando e sognando che un un bel di posso partire.
    Un bacione
    Ciao.

    RispondiElimina
  10. Cara azzurrina,
    grazie al mio figlio, che mi ha rimesso a posto il pc sono qui tra voi.
    Ci sei stata, bene bene,dimmi è veramente bella.

    Un bacione
    ciao

    RispondiElimina
  11. Caro Aldo, a mettere a posto pasquale ci ha pensato Lucariello e si è calmato.
    Il famoso scozzese con le cornamusa
    non poteva mancare, sarebbe stata una grave mancanza...non credi?

    Un bacione ciao

    RispondiElimina
  12. Cara Rosalba, mentre preparo il post, ho l'impressione di viaggiare
    e mi accontento, e poi scopro un sacco di belle cose, ma tutto il mondo è bello.
    Ti auguro di visitare tutto il mondo.

    Un bacione grande ciao Rosalbina.

    RispondiElimina
  13. Cara Annarita, una città magica, giusto hai detto bene.
    Anche se non ci sono stata ma mentre preparavo il post è come averla visitata.

    Un abbraccione
    ciao.

    RispondiElimina
  14. Cara Viviana, allora metti in lista Edimburgo e non ti accontentare del virtuale.Ti auguro di andarci al più presto.

    Sono ritornata
    Un bacione a oggi.
    ciao

    RispondiElimina
  15. Ecco una delle tante carte di credito del turismo di Edimburgo prese da internet:

    La nobile bellezza di Edimburgo, che lascia senza fiato al primo sguardo.
    L’eleganza senza pari delle residenze di campagna, avvolte dal verde brillante dei parchi, ai bordi dell’acqua.
    Qualche nota di mistero: le abbazie diroccate sparse nel paesaggio, i simboli massonici e degli immancabili Templari sparsi sui muri della Rosslyn Chapel. E i paesaggi a contrasto: selvatici oppure “educati” dall’uomo, secondo i principi della grande arte del giardino paesaggistico all’inglese.
    La Scozia non tradisce mai le aspettative dei viaggiatori, potenziandole con l’emozione della scoperta ed il colorito gusto di vivere del suo popolo.

    L'esoterismo: poteva non avere Edimburgo questo fiore all'occhiello che peraltro tocca tutta la Scozia?

    Altre in sintonia con l'esoterismo da internet:

    Lo sapevate che a Edimburgo esiste da tempo la cattedra di parapsicologia. Scelta dettata dalla morte del romanziere Koestler che, suicidatosi con la propria moglie, lasciò diversi soldi ed un testamento ad essi legato, la volontà di una struttura accademica che si occupasse in modo scientifico delle facoltà "psi" dell'essere umano. Al momento la facoltà sta studiando il fenomeno dei fantasmi e delle entità che, sia chi ci crede che chi spergiura che non esistono, non possono che essere viste e sentite.

    In Italia, fino a qualche anno fa le facoltà di parapsicologia erano una realtà neanche degna di nota. A Palermo ad esempio c’era la specializzazione di tre anni, inserita nei 5 di psicologia. Una cosa che è venuta improvvisamente a mancare senza alcuna spiegazione, evidentemente per quache scoperta in grado di minare le certezze di qualcuno.

    Rosà, forse ti ci vuole un paranormale per guarire il tuo computer, che ne dici?

    Buona domenica,
    Gaetano

    RispondiElimina
  16. Caro Gaetano, quante belle cose che hai scritto, notizie che non sapevo.
    Mi piace credere alla parapsicologia, in fondo, che ne sappiamo noi dei tanti misteri che ci circondano?

    Se è vero che siamo fatti di energia credo che qualcosa di vero e di misterioso intorno a noi esiste, e io ci credo.
    Non ha importanza come definiamo questa energia, ma esiste qualcosa che va al di là delle nostro vivere quotidiano.

    Gaetano se non era per il mio Lucariello il mio pc non si metteva a posto.
    Buona Domenica a te Gaetano
    Ciao.

    RispondiElimina
  17. Allora, Lucariello è un po' paranormale.
    Chissà che pazziann pazziann...
    Ciao Rosà
    Gaetano

    RispondiElimina
  18. Lucariello, può essere tutto
    una cosa è certa che è molto disordinato...come la mamma.
    Buona settimana Gaetano.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...