venerdì 1 gennaio 2010

Giù le mani dalla mia lampadina.

Create funny pictures with your photos on FunPhotoBox.com

Forse avevo 33 anni, perchè Luca, l'ultimo figlio ancora non era nato, Luca è arrivato che avevo 35 anni, con dodici anni di distanza dall'ultima gravidanza.
Per un periodo di tempo abbastanza lungo  il mio problema in quel periodo, (oltre a tanti altri) era l'abasciur del mio comodino.
Mi piaceva leggere a letto,(come tutti) mentre mio marito faceva il suo cruciverba..io leggevo il libro di turno.
Succedeva spesso che la sera accendevo l'abasciur e la lampadina  la trovavo sempre fulminata, quella di Angelo non si fulminava mai.
Più di una volta, non ostante che la mattina mettevo la nuova, certe volte anche la nuova la sera non mi funzionava, cosi ci arrangiavamo a leggere con la luce che veniva dall'abasciur di Angelo, ma era impossibile leggere con una sola abasciur, era un continuo dire...Angelo, abbassa le gambe, Angelo  sposta la testa che la luce non mi arriva, Angelo sbuffava scocciato e cosi tagliavo la testa al toro e me ne andavo a leggere sul divano con la cara e vecchia abasciur, che mi fa  compagnia  da una vita e mai mi ha delusa

Pensando che fosse colpa dell'abasciur, ne comprai una nuova, ma  il problema non si risolveva.Oramai ogni sera prima di mettermi a letto provavo prima l'abasciur e tante volte zitta e muta me ne andavo sul divano, perchè la luce non funzionava.
Più di una volta, domandavo a mio marito...Angelo, ma com'è che a te la lampadina non si fulmina mai? E lui con una faccia da Angelo... mi guardava e diceva...che ne so  mica faccio l'elettrista io
Mi arresi, tanto dopo un tot di tempo la mia lampadina si fulminava sempre e cosi sfinita da questa storia una sera guardai la mia abasciur e le dissi... tu mi hai esaurita  e io ti mando a... si dissi proprio quello che avete  immaginate....e non sta bene dirlo sul blog.

Una sera, Angelo gia si era avviato in camera da letto, con il suo cruciverba, mentre rassettavo la cucina mi ricordai che durante il pomeriggio era arrivata una telefonata per lui da parte di un cliente e cosi mi precipitai in camera da letto
Entrai in camera da letto e la scena che vidi, son passati anni e non la dimentico.
Il  mio maritino, la mia dolce metà, l'amore mio...stava vicino alla mia abasciur e stava facendo il cambio di lampadine.
Allora eri tu che mi rubavi la  lampadina? Senti Panucci   (quando mi arrabbio con mio marito lo chiamo a cognome, per mantenere le distanze)  non sarai un elettricista ma un ladro di lampadine si...ecco perchè la tua non si fulminava mai! zitto zitto,  quatto quatto, a me davi la tua lampadina fulminata e ti prendevi la mia, hai capito l'amico frizz!
Lui negò, e disse  che solo quella sera l'aveva fatto...P,  sarà anche vero quello che dici, ma chi me l'assicura?
Certamente non tu! fatto è, che  da quella sera la  lampadina della mia abasciur non si fulminò piu.
Però mi trovavo cosi bene a leggere sul divano che rinunciai a leggere a letto.


Ps  cari amici, questo è il periodo della scoperta delle immagini gif  e come potete vedere dall'immagine mi sto divertendo un sacco...Tra poche ore gia stiamo al 2 Gennaio adesso arriva anche  la befana e le feste son finite...meno male.


Immagine prelevata dal blog di Rosalba.

12 commenti:

  1. Ma no, come? Ne vieni a capo, pizzicando il maritino e poi abbandoni l'abatjour perfettamente efficiente per andartene sul divano?

    Rosaria questi fatti sono esilaranti. Mi mettono di buon umore! Oggi non era proprio al top, ma leggendo questa storia mi hai risollevato non poco.

    Carinissima l'immagine;)

    Di nuovo buon primo dell'anno, tesoro.

    annarita:)

    ps: sai qual è la parolina della verifica? Tedaye...che staccata puoi leggerla te daye!;)

    RispondiElimina
  2. rosy ha detto...
    Cara Annarita, si abbandonai l'abasciur, sul divano stavo meglio...potevo almeno fumare mentre leggevo, cosa che in camera da letto non potevo fare.

    La mia vita coniugale è piena di questi fatti...
    Mi fa piacere questo mio racconto ti ha fatto divertire

    Grazie per l'immagine devo ancora imparare...può darsi che per il 2011
    riuscirò a far fare anche il botto al tappo dello spumante...

    Ti rifaccio i miei auguri che questo 2010 sia per te il trampolino magico per tutti gli anni che verranno.

    Un bacione ciao bellissima!



    ps: sai qual è la parolina della verifica? Tedaye...che staccata puoi leggerla te daye!;)

    AIUTO!! MAI SENTITA TEDAYE CHE E?

    RispondiElimina
  3. Storiella molto gustosa, come il solito del resto... buon proseguimento di questo 2010...affettuosamente.

    Se ti fa piacere, nel mio blog dei premi puoi prendere l'immagine dei due uccellini che ho messo nell'ultimo post, a simboleggiare l'Amicizia.
    http://premi-mondodipaola.blogspot.com/2009/12/una-certa-commozione.html

    RispondiElimina
  4. ... e chi poteva essere se non lui??
    Divertentissima storia cara Rosy!
    A me rimane una curiosità ma la sua lampadina si fulminava per davvero o faceva apposta queste azioni di "sabotaggio"?

    Un abbraccio forte e ancora tantissim auguri di buon anno.
    Un bacione

    RispondiElimina
  5. Ma che bel maritino guastatore che ti ritrovi! Te l'ho gia detto che devi scrivere un libro sulla tua vita. Avresti un successone garantito. Grazie per il buon'umore e buona vita.
    Viviana

    RispondiElimina
  6. Hai capito il tuo Angelo.
    C'è da ammirarla una persona così: parole poche ma fatti tanti.
    Uno dei quali ha costretto la povera rosy a gironzolare per casa a trovare la luce.
    Oltre quella ha trovato anche il divano per leggere in pace.

    RispondiElimina
  7. Rosalba io lo avevo mai capito che poteva essere lui...non mi passava neanche per l'anticamera del cervello, certe se non le fai non le pensi neppure.

    Mio marito è un angelo di fatti e di parole nel senso che agisce e non te ne accorgi.

    Alla prossima storia.
    Un bacione grande.
    Ciao!

    RispondiElimina
  8. Aldo, solo un uomo può ammirare le gesta gloriose di un altro uomo.

    già mio marito e di poche parole ma di tanti fatti, solo che io me ne accorgo sempre con ritardo, e sai perchè?
    Io non navigo sott'acqua, le mie gesta nel bene e nel male sono sempre trasparente.

    Un bacione. Ciao

    RispondiElimina
  9. Paola, questa storiella a distanza di cinque anni ritorna...la racconterò la prossima volta.. domani posto il tuo cuore.
    Finalmente le ho trovato una bella cornice....
    Un bacio.

    RispondiElimina
  10. Viviana se avessi saputo scrivere bene l'avrei scritto un libro, ma sono limitata e cosi mi limito a raccontare a modo mio i miei coriandoli di vita.
    Ti abbraccio forte saluti a mao.

    RispondiElimina
  11. ah ah ah, questi mariti!!! quante ne combinano e quante se ne inventano: secondo me voleva stare bello largo largo e comodo comodo.
    ciao, un bacino.

    RispondiElimina
  12. Cara Follettina, forse hai ragione tu...forse, anche perchè dopo un po di tempo, non ti dico quello che è successo
    Pensa che me lo trovavo anche nel tinello mi guardava e mi diceva...
    sono le due e leggi ancora?
    Evidentemente, la comodità del letto tutto per se, non la gradiva molto il mio maritino.

    Un bacione che fine hai fatto?
    Spero tutto bene.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...