sabato 26 dicembre 2009

Coriandoli di vita.


Il 26 Dicembre sono stata a pranzo a casa di mia figlia Laura. Eravamo in sedici, una rimpatriata di vecchi amici di università di mia figlia, anche un miei.  Tra un esame e l'altro i ragazzi si rifugiavano sempre da noi. Ero contenta, mi piaceva stare con loro,   erano dei ragazzi molto divertenti ed educati.  Con grande gioia preparavo per loro cenette sfiziose,  si parlava di tutto.
Oggi a tavola abbiamo un pochino ripercorso insieme il passato e abbiamo ricordato tante cose tra cui una,  che a distanza di tempo nessuno può dimenticarla, specie Laura, mio marito ed io.


Il primo figlio prese la patente e ogni sabato sera gli veniva data la macchina del papà.
Dopo due anni prese la patente Laura  e succedevano sempre discussioni.
Laura litigava sempre con il padre.."Papà perchè a Davide ogni sabato sera gli dai la macchina e con me fai sempre tante storie"?  
Personalmente la sentivo un'ingiustizia e stavo dalla parte di Laura.   Un giorno di nascosto di Angelo feci una copia della macchina. Una sera che Angelo andò a letto presto, scattò il piano. Guardai mia figlia e le dissi..  Laurè, invece di guardare la TV stasera noi due usciamo!  Ma lei  non voleva venire,  la convinsi. Arrivate giù le dissi...dai fammi vedere come guidi e le diedi la copia delle chiavi della macchina.
Salimmo in macchina, ci facemmo un bel giro, ci fermammo anche al bar, dopo aver consumato ritornammo a casa contente. Quella sera  ci divertimmo tanto.
Giustizia era stata fatta.
Una sera litigai con mio marito  ma di brutto e  me ne usci sbattendo la porta.
Laura aspettò un pochino,  vedendo che non rientravo,  era anche tardino,
Prese la copia delle chiavi della macchina mi segui e mi trovò. Salì in macchina e andammo un po a zonzo.


Nei pressi della Reggia una volante della polizia ci fermò, scesero due poliziotti
con i mitra spianati, lessero la targa della macchina e uno di loro dice al collega...chiama la centrale, avverti che abbiamo trovato la macchina.
I poliziotti ci invitarono a seguirli e così  fummo  scortate  fino alla questura. Io ero tranquilla,  tanto sapevo che non avevamo nulla da nascondere.


Arrivati in questura,  fummo  dal commissario,  e chi c'era seduto nella stanza del commissario? Mio marito!  Si,  lui!  Era sceso, per venire a cercare me e Laura, non trovando la macchina e non sapendo della copia delle chiavi, andò in questura a denunciare la scomparsa della  sua macchina. Laura,   nel vedere il padre esclamò... Papà! Io lo guardai e dissi,  Tu?!  Che ci fai qui? Angelo nel vedere me e la figlia si alzò di scatto e a sua volta esclamò, Voi!?
Il commissario  guardò a tutti e tre e anche lui  esclamò.. A quando vedo conoscete molto bene i ladri? Rivolgendosi a mio marito e si mise a ridere. Ma  ci invitò a sederci, così per pura  curiosità.   Volle sapere perchè non avevamo avvertito il papà di aver preso la macchina?
Laura, guardando il padre gli dice... Papà,  ti chiedo scusa per me e per mamma, però tu perchè a Davide gli dai la macchina e a me no?   Così ci siamo fatte una copia delle chiavi.
Il commissario ascoltava divertito e sorrideva Alla fine ci accompagnò fuori dalla questura. Ci salutammo tra il divertimento del commissario e dei poliziotti  presenti.  Il commissario  nel dare la mano ad Angelo  gli disse... Lei dia la macchina anche a sua figlia,  non solo al figlio.
Angelo da quella notte imparò  a dare la macchina anche a Laura.    Fu così, anche se in modo tragicomico e per vie traverse si chiuse per sempre la faccenda macchina in casa Panucci.
Ieri tra una portata e l'altra abbiamo ricordato tante altre cose.. Una più divertente dell'altra.




Auguri e Buon Anno a tutti!

23 commenti:

  1. Cara Rosy leggendo i tuoi post si capisce quanto unita è la tua famiglia.
    Questi racconti mi fa pensare tanti anni fa, la mia giovinezza dove queste riunioni erano molto spesso, ora qui da me ci troviamo solo i miei di famiglia, sono però felice di averli tutti intorno a me.
    Auguro a te e a tutti un nuovo anno che ci porti quelle cose che ognuno di noi da tempo aspetta,
    un abbraccio infinito
    Tomaso
    Già dimenticavo il mio blog compie un anno, passa e lo vedrai un bacione!

    RispondiElimina
  2. intorno alla tavola, insieme agli amici, ai parenti...con i figli ormai grandi....si sta bene, si ricorda, si ride...e si mangia, si mangia, si mangia....
    buone feste

    RispondiElimina
  3. E' bello ritrovarsi in famiglia e ricordare le cose dell'infanzia. Tra noi c'è chi ricorda molto e chi ha rimosso tutto a distanza di anni.
    Io ricordo ancora quanto aspettavo l'arrivo di Gesù Bambino. Non si usava ancora Babbo Natale...

    Un abbraccio e grazie dei tuoi divertenti racconti

    RispondiElimina
  4. Rosy, insomma vergognati! Rubare una macchina....
    Ti ho gia detto che dobbiamo scrivere un libro intitolato "le nostre sfortune", deciditi che incominciamo e vedrai che sara un successone.
    Un abbraccio, Viviana

    RispondiElimina
  5. Sembra una barzelletta e io mi sono fatto un sacco di risate.
    M'immagino la faccia di tuo marito Angelo quando vi ha visto condotte
    al commissariato con due poliziotti
    ai lati per evitare una vostra eventuale fuga.
    Ma eravate con o senza manette?

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Ciao Rosy
    grazie per le tue parole nel commento....annaritra è forbidabile come tutti gli amici della blogsfera.... tanti auguri, anche se in ritardo, di un buon Natale e felice feste

    RispondiElimina
  8. Ah, Rosaria! Una ne pensi e cento ne fai...mi ha fatto morire dal ridere immaginare voi tre a guardarvi in commissariato.:)))

    Lo dico sempre che se non ci fossi ti si dovrebe inventare.

    Però che bello ricordare intorno al tavolo...dà un senso di unione, complicità, appartenenza.

    Grazie di questi momenti, che, in allegria, fanno riflettere.

    Un bacione a te e salutoni a tutti.
    annarita

    RispondiElimina
  9. Beh, questa è BELLISSIMA!!!!!
    Mi hai fatto fare un sacco di risate!
    Che storia.
    ah ah ah, immagino le facce!

    RispondiElimina
  10. Tomaso, i racconti del passato, ci portano sempre indietro nel tempo,e quando si raccontano hanno tutto un fascino particolare.
    Siamo una famiglia abbastanza unita, ma come vedi di cose strane ne succedono...
    Ti rinnovo gli auguri per il tuo blog.. con l'augurio di cento anni di vita e di tante cose belle ancora da leggere e da condividere insieme
    Ancora auguri per il Natale e per l'anno nuovo.
    Bacione.

    RispondiElimina
  11. Signora in rosso, a tavola si dice che non si invecchia mai, mettici anche le risate che i ricordi buffli ti regalano, il caldo affetto dei figli e degli amici, tutto diventa perfetto e armonioso.
    Auguri per l'anno nuovo.
    Ciao

    RispondiElimina
  12. Rosalba, che Natale sarebbe senza i ricordi?
    Il Natale è sempre magico,
    la famiglia si riunisce e tutti hanno voglia di raccontare e ascoltare.
    Grazie cara Rosalba,
    i miei racconti sono semplici, com'è stata semplice la mia vita.

    Ti abbraccio, bacione

    RispondiElimina
  13. Aldo, sembra una barzelletta, solo che è ttta vera..anzi oggi mia figlia leggendo il post, mi ha fatto notare che ho dimenticato di dire una cosa...quando la polizia a sirene spiegate ci sorpassò, e ci tagliò la strada per fecero a Laura fu...a chi ha rubato questa macchina?
    A mio padre rispose Laura.

    Che serata, gli amici per questo fatto son stati a ridere per un mese.Non ci ammanettarono no!
    Ti abbraccio Alduccio.

    RispondiElimina
  14. Viviana si sono una ladra di macchine
    Sono sempre pronta a scrivere un libro a quattro mani...mettiamoci d'accordo, almeno, ci spassiamo se non altro.
    Un abbraccio cara Viviana.
    Saluti a Mao.

    RispondiElimina
  15. Bruno parole scitte perchè sentite
    siete bravi e vi rifaccio i miei auguri nel cammino artistico e nella vita...Buon anno ragazzi

    RispondiElimina
  16. Annarita, dovevi vedere la faccia di Angelo..scattò all'impiedi con gli occhi da fuori quando ci vide
    I poliziotti e il commissario come se la ridevano

    Almeno una cosa terminò..le discussioni sulla macchina.
    Panucci si arrese.

    Bacioni

    RispondiElimina
  17. Follettina mi fa piacere che ti sei divertita, quand ci rincontreremo, te la racconteremo dal vivo
    Ciao follettina bacioni.

    RispondiElimina
  18. si si, vi prego, me la raccontate che è troppo bellina!

    RispondiElimina
  19. Ermes, Buon Anno anche a te e che la speranza non non abbandoni mai il tuo cuore e che brilli sempre in alto nel tuo cuore.
    Grazie!

    RispondiElimina
  20. Jana, raccontata dal vivo, questa storia risulterà ancora più divertente.
    bacio a te follettina.

    RispondiElimina
  21. Immaginando la scenetta al commissariato mi sembrava di assistere alla scena di un film! molto divertente e chissà a tavola, quanto ne avrete riso tutti insieme. E' molto bello, intorno ad una bella tavola imbandita, circondati da persone care, raccontare e rdere insieme: momenti indimenticabili,
    Ciao Rosy, buon proseguimento di serata e tanti bacioni

    RispondiElimina
  22. Bruno, Auguri anche a voi e buon 2010 sempre con la musica.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...