martedì 18 agosto 2009

Il server


Un sabato di dieci anni fa Laura, esce con degli amici, vanno al bar e qui nota che un ragazzo la fissa continuamente,fino a quando il ragazzo le va vicino e le chiede sei Laura P, e cosi scoprono che erano stati compagni di scuola, alle elementari, il ragazzo l'aveva subito riconosciuta, per questo la fissava. All'epoca,i ragazzi si erano anche scambiate delle visite alle rispettive case, accompagnati dai genitori. Dopo due anni i compagni di scuola si sposano. Con l'entrata di Giancarlo nella nostra casa con lui entra la tecnologia. La prima cosa che regalò a Laura fu un computer, Luca era il più felice, anche perché G, provvide anche a mettere internet fisso, cosi quando veniva a casa poteva anche lavorare. Luca, stava sempre al pc, Laura doveva finire l'università e non aveva troppo tempo ed io odiavo questo affare perché Luca stava sempre vicino a questa diavoleria. La TV, non faceva che parlare male di internet ed io come tutte le mamme mi facevo i film in testa. Certe volte nella rabbia me la prendevo anche con G, ma questo succedeva tutto tra me. G, voleva a tutti costi farmi capire la bellezza di internet...lui è un appassionato, anche perchè è il suo lavoro, lavoro che ancora oggi non so spiegare... Passarono buoni 5 anni sapevo che mio genero lavorava al computer ma a chi mi chiedeva cosa faceva, restavo muta non sapevo dire nulla, poi alla fine anche Luca abbracciò questo lavoro mandando all'aria l'università, ancora di più odiavo il pc.

Una sera, a telefono, mia figlia mi dice

"mamma stanotte sarà una brutta notte"



Perchè che è successo chiedo...

Laura-" un server non va
"

Io- mi dispiace-



ci salutammo e finisce la telefonata.


La mattina dopo chiamo mia figlia e la prima cosa che le chiedo fu....

Laura, come sta server? E' morto?



Laura-" chiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii"


io- quello che stava male ieri sera

Laura- mamma il server è una macchina
e inizia a ridere e come rideva e non la smetteva.



Io- un po risentita " Laurè ma che ridi a fare, che ne so io.. so solo che G, ha collaboratori americani e siccome tu hai detto server ho pensato che che fosse un americano ".


A distanza di anni ridono ancora su questa faccenda del server- ora so che cosa è il server, e lo conosco anche, perchè uno sta nell'ufficio di mio genero. non odio più il pc e mio genero, quando mi vede al pc scherzando mi guarda e fa...


Che ho combinato la colpa è tutta mia Queste cose me le dice maggiormente quando gli chiedo un consiglio.


lo ricatto... se mi spieghi sta cosa ti faccio il pranzo che piace a te e lui NO! NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!
STO A DIETA
Tra lui e mio figlio non mi spiegano mai nulla.


La vita cambia e con lei cambiamo anche noi. Evviva il pc e chi lo creò
Ciao figlioli se mi leggerete riderete di nuovo sul server e questo lo so.

10 commenti:

  1. Cara Rosy, intanto ti do il buon giorno! complimenti i tuoi post sono sempre interessanti e ci fanno iniziare la giornata con un sorriso sono trovate molto intelligenti, barava cara amica, un forte abbraccio,
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. rosy, come ti capisco. Beata te che hai compreso che bestia è il server, io ancora ci devo arrivare.
    Forse un giorno lo capirò anch'io.

    RispondiElimina
  3. rosy, si ha diffidenza delle cose che non si conoscono ...e questo vale anche per il pc.

    Io ho iniziato una decina di anni fa e ho fatto tutto da sola. La molla è stata fare qualcosa in più per i miei alunni, che, essendo nativi digitali, smanettano con il pc già da quando sono in fasce (si fa per dire)

    Poi pian piano è nata una vera passione.

    Gustoso, come sempre, il tuo post, che riesce a strappare un sano e liberatorio sorriso.
    baci
    annarita

    RispondiElimina
  4. Carissima Rosy mi hai fatto ridere fino alle lacrime ^_^ Grazie!
    Abbiamo in comune questa cosa: quando mio marito portò a casa il primo PC (un 486, senza lettore cd e windows 3.1) e io non ci capivo una ememerita cipolla, gli ho fatto una "tirata" ma di quelle toste, dicendogli se aveva intenzione di rovinare il clima familiare, che i libri erano molto meglio e che ci bastava una macchina da scrivere... Ma mai lo avessi acceso... è stato amore a prima vista, ho cominciato a preparare i primi inviti per scuola, le programmazioni, e il bello è che ho fatto quasi tutto da sola. L'ho usato per la scuola e ho fatto scuola ... Grazie a mio marito che è stato lungimirante.
    E grazie a te per il tuo divertente post!!
    bacioni

    RispondiElimina
  5. Buon giorno cara Rosy, capisco l'odio che provavi per questa maledettissima macchina, anche io lo provai quando mio fratello arrivò a casa con un computer che utilizzava il televisore come monitor. Era il 1987 e ancora ero convalescente per il mio incidente, tra la sedia a rotelle e l'ospedale, vedevo sempre Mao seduto dietro a quello stramaledetto marchingegno che però aggi amo tanto. Se ti ridono ancora dietro, bacchettali, sono insolenti. Baci, Viviana

    RispondiElimina
  6. Ma tu lo sai che fino allo scorso anno facevo ancora tutto su un computer vecchissimo con Windows 98? Ce l'ho ancora, lo devo solo mettere in funzione, mi piace di più, mi trovo meglio, ho un sacco di programmi di grafica carini in quell'altro.
    Questo è nuovo, mi hanno quasi "costretta"... dicevano che ero "arretrata"...
    ma io sono un folletto!!!
    SONO arretrata: ho 247 anni!!!
    ciaociao Rosy!

    RispondiElimina
  7. Tomaso, io ti do la buona serata.
    Sono contenta di averti strappato un sorriso..lo farò più spesso.
    Ciao.

    Aldo, a noi interessa solo che il server funzioni...il resto credimi non è per noi..
    Buona serata e attendo con ansia un tuo nuovo scritto.
    Ciao.

    Annarita, è vero si ha paura delle cose che non conosciamo
    lo dimostra il fatto che adesso che conosco questo mondo non lo temo più.
    Anche perchè i miei clic, vanno sempre nella direzione giusta, come so di tutti gli amici che conosco, negli amici siete compresi tutti voi amici virtuali.

    Tu hai capito che per essere più vicino ai tuoi alunni il modo giusto era questo, è questo ti fa onore... i bambini iniziano molto presto ad accostarsi al pc lo vedo con i miei nipotini.
    Marietto a tre anni e accende il pc da solo...solo che di guai ne combina e anche parecchi.

    Gustoso il post, ancora mi prendono in giro..
    Un abbraccio grande, grande come il tuo cuore.

    Rosalba, pensa che da me su questo fatto si ride sempre...ed io mi innervosisco...
    Tuo marito ha fatto bene cosi hai potuto come Annarita sfruttare questa meravigliosa scoperta con i tuoi alunni.
    I primi miei due figli, non sono figli del pc, loro amano i libri, specie il primo Davide, ne leggeva tre alla volta, il suo comodino era sempre pieno di lettura.
    Laura ama l'arte e ama il cartaceo, anche per reazione secondo me...visto il lavoro del marito.

    Io sono stata catturata da questa grande scoperta, peccato, che sono avanti negli anni...
    Luca, dopo lo scentifico si appassionò al lavoro del cognato e li mi sono arrabbiata tanto, anche se adesso, guadagna ed è indipendente economicamente...ma da casa non se ne va...ragazze quante vuoi lascia e prende e questo mi da dolore.
    Guadagnare molto presto non e neanche buono, credo!
    Ciao un bacione.


    Cara viv, li bastonerò promesso.
    Anche tu non amavi il pc e ore l'adori...certo che veramente una grandissima scoperta...scoperta che ha dato la possibilità a persone normali come me di parlare oltre la cortina della mia città

    ogni volta che scrivo un commento, un post, provo sempre la stessa emozione...adesso queste mie parole viaggeranno nell'aria e arriveranno...io resto incantata, poter comunicare con voi tutti.
    Mi piace!
    Un bacione.

    Follettina,hai 247 anni?
    Ti facevo più giovane, non ci credo!
    Un folletto che usa Windows 98 è il massimo...anche i folletti son diventati tecnologici?
    E dimmi cosa fate voi folletti con il pc...voi siete magici e suppogo che il vostro pc è velocissimo!
    Ciao follettina
    un bacino sulla guancina.

    RispondiElimina
  8. Non sai che bello rientrare dalle vacanze e leggere questi tuoi post, cara Rosy!
    In punta di piedi è un titolo magnifico, lo capisco bene...
    Ti abbraccio forte.
    Lara

    RispondiElimina
  9. Ma sei anche molto spiritosa, Rosy!!! meno male sono passata da te era molto giù e tu mi hai fatto ridere un po'. Bacio

    RispondiElimina
  10. Cara Lara, bentornata!
    "in punta di piedi"piace tanto
    anche a me suona di discrezione...
    Bacioni.



    Antonella, perchè stai giù?
    Dai, passerà!
    Son contente che ti
    ho strappato un sorriso,
    conservalo, non lasciarlo scappare...
    Sono abbastanza spiritosa,
    anche se ci sono momenti bassi
    sono nella norma.
    Bacioni

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...