mercoledì 29 luglio 2009




La continuità
Donna che stringi
il tuo bambino
tra le braccia
non aver paura
del suo pianto
sii felice dei suoi strilli
guai se quel pianto
di bambino
si fermasse
di colpo si fermerebbe
la vita.


Tu contadino
che lavori la terra
e raccogli
i frutti da te seminati
sii felice, guai se tu ti fermassi,
di colpo si fermerebbe la vita.
Il pianto di un bambino,
il raccolto di un contadino
questa, è la continuità.




Scritta nel 1968, la scrissi dopo due giorni che
che diventai mamma, stavo ancora in clinica.

10 commenti:

  1. Continuità è quel filo, quel cerchio infinito della vita che unisce l'uomo e la natura.
    Com'è bella, mi è piaciuta molto.
    Un bacione.

    RispondiElimina
  2. Janas, dici bene "quel filo infinito che ci unisce a madre natura"
    Forse, in quel lontano giorno, senza accorgermene entrai in quel cerchio infinito, e cosi, emozionata, scrissi queste parole...anche a me piacciono tanto, a loro mi lega la più grande emozione...ero mamma.
    un bacione follettina

    RispondiElimina
  3. E' molto bella Rosy, soprattutto pensando che l'hai scritta in un momento in cui la donna si sente completamente parte della natura come in un ingranaggio universale misterioso

    RispondiElimina
  4. CREDO PROPRIO CHE APPENA SUBITO DOPO LA NASCITA DEL TUO BAMBINO
    QUELLE DOLCI E TENERE PAROLE TI SIANO VENUTE DAL CUORE.

    RispondiElimina
  5. Cara Antonella, a me piace per questo.La scrissi, nel letto guardando un albero che vedevo attraverso la finestra, mentre mio figlio dormiva beato nella culletta del nido.Era di Ottobbre, partori il 12, forse la scrissi il 14.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Aldo, parole semplici le mie, ma scaturirono,dalla gioia e forse anche un po dalla paura..di questo ruolo cosi difficile.
    Ti abbraccio caro Aldo.

    RispondiElimina
  7. Da me ,sul blog dei premi ,c'è un premio per le amiche,passa a ritiralo! grazie!

    RispondiElimina
  8. cara Stella, apprezzo molto il tuo gesto, ma veramente, non so dove potrei inserire il premio.
    Lo preleverò, lo conserverò, in attesa di decidere, dove mettere i premi.
    Un bacio e grazie.

    RispondiElimina
  9. che bella questa poesia cara Rosy...spero di provare anche io queste emozioni se un giorno potro' metterne al mondo almeno uno...

    RispondiElimina
  10. Cara Stefy, vedrai che verrà anche per te il giorno che diventerai mamma.
    Ciao.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...