giovedì 19 marzo 2009

Frammenti di una lettera mai spedita


4/6/1997
Caro signore, c'è stato un giorno che sono scivolata dal tuo corpo,un corpo il tuo che mi è stato sempre estraneo. Le tue mani non hanno voluto o non hanno potuto raccogliere il mio piccolo vagito , per cullarlo, amarlo e proteggerlo. Quando seppi di te il mio ingenuo pensiero di bambina ti cercava e mai ti ha trovato. Visto che il tempo passava senza che nulla accadesse, ti diedi un volto, ora che il tempo è passato anche per me non lo ricordo più e cosi ti ho perduto per sempre.
Guardando i miei figli mi chiedo se sui loro volti c'è traccia di te, purtroppo non lo saprò mai.
Da ragazza sognavo che tu saresti arrivato da me su un cavallo bianco, mi avresti chiusa tra le tue braccia e con i baci avresti asciugato le mie lacrime.
Poi, il tempo è passato e ogni attesa scivolò via anche lei silenziosamente.
Caro signore, mi dispiace tanto di non averti conosciuto e come potevo se
mentre io nascevo tu scappavi via da me.
In silenzio sono uscita da te e nel tuo silenzioso abbandono ho vissuto
Se qualche volta mi hai pensato mai lo saprò, se nel tuo cuore nascondevi il mio nome mai lo saprò se se se tutti questi se sono soltanto la dilatazione di un residuo sogno di bambina, una bambina che mentre scrive e si confida col suo diario ha 40 anni.
Oggi festa del papà, voglio donarti davanti a Dio e davanti agli uomini il mio perdono.
Anche perché Gesù disse.. In verità vi dico: tutto quello che legherete sopra la terra sarà legato anche in cielo e tutto quello che scioglierete sopra la terra sarà sciolto anche in cielo.


Adesso non ho più 40 anni ma venti in più e come donna, moglie, madre e nonna ti perdono e ti sciolgo da ogni tuo impegno non mantenuto verso di me.

12 commenti:

  1. Che dirti Rosy? Che mi fa piangere questa commovente lettera mai spedita.
    Cara Rosy, ora capisco ancora meglio il commento che hai lasciato stamattina sul mio blog e ti abbraccio forte forte.

    Buona serata!
    Lara

    RispondiElimina
  2. davvero Rosy mi hai lasciata senza parole con il post di oggi...ti auguro veramente tanta serenità. Goditi tutto l'amore che hai saputo costruire attorno a te, festeggia ogni giorno con i tuoi cari, la tua vita è piena.
    Un abbraccio A

    RispondiElimina
  3. Rosy, io credo che tu sia un a persona meravigliosa. Questa ferita hai saputo trasformarla in una possibilità per donare l'amore e la comprensione e l'empatia che dinostri nelle cose che fai
    Ti bacio

    RispondiElimina
  4. Rosy, dopo aver letto la tua lettera mi sentirei di stringerti forte per farti sentire tutta la mia solidarietà! Lo faccio virtualmente, ma con tutto il cuore! Un bacio

    RispondiElimina
  5. Cara Rosy è il dolore più riposto ci trasforma a volte in persone con una sensibilità maggiore. Solo chi conosce il dolore ne comprende appieno le sfumature e comprende quello altrui. E chi ha sofferto sa gioire delle cose della vita, cogliendone sfumature ad altri sconosciute.
    Un abbraccio Rosy

    RispondiElimina
  6. Cara Rosy, una lettera struggente!
    Hai un grande cuore...

    Un caro saluto
    annarita

    RispondiElimina
  7. Solo un'anima sensibile e bella può scrivere una lettera così!
    Non ho parole e non posso che abbracciarti forte.

    RispondiElimina
  8. Come uomo non ho mai letto una lettera così sincera che ti strappa dal cuore una sensibilità infinita, cosa potrei aggiungere altro cara Rosy, sono incantato averti come amica è il più bel dono che abbia ricevuto da questo affascinante strumento virtuale che da così tanto, chi afferra questa realtà lo porterà per sempre dentro di se.
    Grazie Rosy di esistere...
    Tomaso

    RispondiElimina
  9. Cari amici, vi ringrazio tutti per aver raccolto con la vostra presenza sincera questo mio post, credetemi e stato molto sofferto prima di renderlo pubblico
    Abbraccio con affetto.
    Lara
    Alza
    Antonella
    Angelo azzurro
    rosy
    Annarita
    Paola
    Tomaso.

    RispondiElimina
  10. Cara la mia Rosy, anzi, cara Mamma Rosy... io te l'ho sempre detto che sei speciale!
    E non mi stancherò mai di dirtelo.
    Ti abbraccio e ti stritolo!!!
    ciao

    RispondiElimina
  11. Mi faccio stritolare con gioia e sono felice che mi hai chiamata mamma rosy.
    Un bacio alla mia follettina

    RispondiElimina
  12. Ricambio con vero piacere la tua visita nel mio blog, spero ti piaccia...vieni a trovarmi ogni volta che lo desideri!
    Mi sono soffermata in questo tuo post perchè dalle tue sofferte parole, capisco che sei una persona sensibile ma forte!
    Complimenti !
    Un caro abbraccio...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...