Archivio blog

domenica 3 maggio 2015

Era De Maggio

Il grande poeta napoletano amò moltissimo questi versi, cui è legato un simpatico aneddoto. Di Giacomo aveva inviato la poesia al grande musicista Pasquale Mario Costa (l’autore di “Catarì” e “‘A frangesa”), appuntando, in calce al manoscritto, la frase: “Mario, ma quant’è bella!”. Dopo due giorni arriva a casa Di Giacomo, a Napoli, un rotolo di musica. Sotto, la firma di Costa e la postilla: “Salvatò, ‘e chesta manch’è scema!” (cioè: neanche questa è da buttar via…).
E in effetti la canzone risultò di una bellezza e una fama tali da ammaliare perfino il grande Riccardo Wagner (che nel Golfo di Napoli, soprattutto a Ravello, era di casa), il quale, incantato dalla canzone che gli aveva fatto ascoltare un posteggiatore (un tal Giuseppe Di Francesco), non esitò a portarsi in Germania lo sconosciuto (e sicuramente sbigottito…) “artista”.



Era de maggio è una canzone in lingua napoletana, basata sui versi di una poesia del 1885 di Salvatore Di Giacomo e messa in musica da Mario Pasquale Costa.

Era de Maggio
« Era de maggio e te cadéano 'nzino,
a schiocche a schiocche, li ccerase rosse.
Fresca era ll'aria, e tutto lu ciardino
addurava de rose a ciento passe.
Era de maggio; io no, nun mme ne scordo,
na canzone cantávemo a doje voce.
Cchiù tiempo passa e cchiù mme n'allicordo,
fresca era ll'aria e la canzona doce.
E diceva: "Core, core!
core mio, luntano vaje,
tu mme lasse e io conto ll'ore...
chisà quanno turnarraje?"
Rispunnev'io: "Turnarraggio
quanno tornano li rrose.
si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá.
Si stu sciore torna a maggio,
pure a maggio io stóngo ccá."
E so' turnato e mo, comm'a 'na vota,
cantammo 'nzieme lu mutivo antico;
passa lu tiempo e lu munno s'avota,
ma 'ammore vero no, nun vota vico.
De te, bellezza mia, mme 'nnammuraje,
si t'allicuorde, 'nnanze a la funtana:
Ll'acqua llá dinto, nun se sécca maje,
e ferita d'ammore nun se sana.
Nun se sana: ca sanata,
si se fosse, gioia mia,
'mmiez'a st'aria
'mbarzamata,
a guardarte io nun starría !
E te dico: "Core, core!
core mio, turnato io so'.
Torna maggio e torna
'ammore:
fa' de me chello che vuo'!
Torna maggio e torna
'ammore: fa' de me chello che vuo' " »



Traduzione in'italiano
« Era di maggio e ti
cadevano in grembo
a ciocche a ciocche le ciliege rosse
fresca era l'aria di tutto il giardino
profumava di rose a cento passi.
Era di maggio, e io no, non me ne dimentico
cantavamo una canzone a due voci
più tempo passa e più me ne ricordo,
fresca era l'aria e la canzone dolce.
E diceva, "Cuore, cuore!
cuore mio lontano vai,
tu mi lasci e io conto le ore.
chi sa quando tornerai?"
Rispondevo io "Tornerò
quando tornano le rose.
Se questo fiore torna a maggio
pure a maggio io sarò qui
Se questo fiore torna a maggio
pure a maggio io sarò qui"
E son tornato, ed ora, come una volta,
cantiamo insieme il motivo antico;
passa il tempo e il mondo si volge
ma l'amore vero, no, non volta strada.
Di te, bellezza mia,
m'innamorai
se ti ricordi, dinanzi alla fontana:
l'acqua, là dentro, non si secca mai,
e ferita d'amore non si sana
Non si sana: perché se sanata
si fosse, o gioia mia
in mezzo a quest'aria profumata
a guardarti non starei!
E ti dico: "Cuore, cuore,
cuore mio tornato sono...
torna maggio e torna l'amore:
fa' di me quello che vuoi!
torna maggio e torna l'amore:
fa' di me quello che vuoi"
»


Tutto dal Web

sabato 2 maggio 2015

Torna Maggio





TORNA MAGGIO

Rose! Che belli rrose!...Torna maggio!
Sentite 'addore 'e chisti sciure belle!
Sentite, comme cantano ll'aucielle...
e vuje durmite ancora!?...
'I' che curaggio!
Aprite 'sta fenesta, oje bella fata,
ché ll'aria mo s'è fatta 'mbarzamata:
Ma vuje durmite ancora, 'i' che curaggio!
Rose! Che belli rrose!...
Torna maggio!
II
Rose che belli rrose!... 'A n'anno sano,
stóngo strujenno 'e pprete 'e chesta via!
Ma vuje nun v'affacciate...uh, mamma mia!
I' nun mme fido 'e stá da vuje luntano...
E si ve stó' luntano quacche ghiuorno,
pare ca vuje mme state sempe attuorno...
ca mme parlate e mm'astrignite 'a mano...
Rose! Che belli rrose!
E' n'anno sano...
III
Rose! Che belli rrose! E vuje durmite!...
Ma nun ve sceta stu prufumo doce?
'E primmavera nun sentite 'e vvoce?
Ma vuje, core 'mpietto, ne tenite?!
Vocca addirosa comm'a na viola!
'A primmavera mia site vuje sola!
Ma chesta voce vuje nun 'a sentite?
Rose! Che belli rrose!
E vuje durmite!...

 Canzone napoletana del 1900 scritta dal poeta Vincenzo Russo. La musica è di Eduardo Di Capua.

lunedì 27 aprile 2015

Ti Prometto Di Esserti Infedele Finchè Morte Non Ci Separi




( Ogni giorno mi vedo Verdetto Finale.   I personaggi delle cause che si svolgono in TV sono attori. Ma le storie sono vere. Cosi si dice) La Storia di oggi mi ha divertita tantissimo, anche se mi ha  schioccata.
Non è possibile una cosa del genere  e addirittura  portarla in TV? E  semplicemente da pazzi.
L'unica davvero simpatica in questa storia da brividi è la Signora Irene, o meglio  radioIrene.

E qui ci inseriamo anche la grande Tina Pica, con una delle sue battute storiche.
Il paese è piccolo e la gente mormora...

domenica 19 aprile 2015

Il viaggio della speranza.




Bisognerebbe riuscire a vederle una accanto all'altra, queste settecento vite spezzate, per rendersi conto dell'orrore. Un vecchio adagio indiano dice..
 "L'importante del percorso non è la meta, ma il viaggio"
 Scappare dall'oppressione, dalla guerra è stato il vostro ultimo viaggio.
 Un viaggio permiato di speranze, speranze finite in fondo al mare.

Come vi sentite voi in questo momento, non lo so.. ma io non ce la faccio più a pensare di vivere in un mondo in cui quanto sia importante una vita lo si valuta sulla base della provenienza geografica.
 Ho avuto modo di leggere sui social parole di dispezzo come questo 
E ne sono tanti.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...